Possibile e sicuro anche il trapianto di cuore da donatore con epatite C

Un trapianto di cuore da un donatore con epatite C potrebbe sembrare irrealizzabile, ma un recente studio ha evidenziato una sopravvivenza a un anno simile a quella dei pazienti che avevano ricevuto cuori da donatori senza questa malattia virale.

Lo studio è stato pubblicato nei giorni scorsi, con libero accesso, sul Journal of the American Heart Association.

Sempre più casi di insufficienza cardiaca

Secondo l’American Heart Association, negli Stati Uniti oltre 6 milioni di persone hanno un’insufficienza cardiaca e oltre 900.000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni anno.

I cambiamenti nello stile di vita e i farmaci possono aiutare a gestire l’insufficienza cardiaca lieve, tuttavia, i casi più gravi possono richiedere un trapianto di cuore.

L’epatite C

L’epatite C è un’infezione virale del fegato che si diffonde attraverso il contatto con sangue contaminato. L’infezione si diffonde attraverso l’uso di aghi condivisi, da madre a bambino durante la gravidanza e il parto, o attraverso un trapianto d’organo da qualcuno infetto da epatite C.

Se non trattata, l’epatite C può danneggiare gravemente il fegato, tuttavia, con il recente avvento di nuovi farmaci antivirali ad azione diretta, l’epatite C è molto più gestibile rispetto al passato. In molti casi, l’epatite C è curabile, il che ha portato ad un aumento dell’uso di organi da parte di donatori con epatite C, poiché la necessità di trapianti di cuore continua a superare l’offerta.

La sopravvivenza a un anno

In questo studio, quasi tutti i pazienti sono sopravvissuti un anno dopo il trapianto di cuore, indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto un cuore da un donatore con o senza epatite C. In particolare, il 90% dei pazienti i cui donatori avevano l’epatite C è sopravvissuto, rispetto a un tasso di sopravvivenza del 91 % per i pazienti i cui donatori non avevano l’infezione. Allo stesso modo, i tassi di rigetto di organi trattati con farmaci, dialisi renale e ictus erano simili tra i due gruppi di pazienti.

Risultati incoraggianti

“Siamo incoraggiati da questi risultati e crediamo che questo sia un cambiamento fondamentale nella nostra capacità di soddisfare meglio la domanda di trapianto di cuore, aumentando l’offerta di donatori”, ha affermato Arman Kilic, autore principale dello studio, assistente professore di chirurgia cardiotoracica, direttore di qualità e analisi chirurgiche e condirettore del Center for Cardiovascular Outcomes and Innovation presso il University of Pittsburgh Medical Center, in Pennsylvania. “La nostra speranza è che più centri utilizzino donatori con epatite C per il trapianto di cuore”.

Lo studio ha incluso 7.889 pazienti statunitensi in 128 centri medici, di età pari o superiore a 18 anni, che hanno ricevuto un trapianto di cuore tra il 1 ° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2018. I ricercatori hanno confrontato la sopravvivenza a un anno, il rigetto di organi, la dialisi e l’ictus tra i pazienti trapiantati riceventi da donatori con o senza epatite C. Poco più del 4% dei pazienti hanno ricevuto trapianti di cuore da donatori con epatite C.

Nuovi protocolli per l’utilizzo di organi da donatori con epatite C

Alcune limitazioni dello studio sono legate al fatto che i ricercatori non avevano informazioni sul tipo di infezione da epatite C dei donatori, sul trattamento passato e se i soggetti sottoposti a trapianto cardiaco hanno successivamente sviluppato l’infezione.

Inoltre, questo studio ha avuto un follow-up molto limitato, esaminando solo la sopravvivenza a un anno. Anche il numero di pazienti studiati, con trapianti di cuore da donatori con epatite C, è stato relativamente piccolo.

I ricercatori rilevano una più ampia implementazione dei protocolli per l’utilizzo di organi da donatori con epatite C e osservano come una valutazione degli esiti a lungo termine sarà importante per aiutare a ridurre la carenza di donatori di organi.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 10 =