Da Hubble: le immagini della più grande galassia conosciuta nell’universo locale

Per dare il via al 30° anniversario del NASA / ESA Hubble Space Telescope, Hubble ha inquadrato una maestosa galassia a spirale. Galaxy UGC 2885 potrebbe essere la più grande conosciuta nell’universo locale. È 2,5 volte più larga della nostra Via Lattea e contiene 10 volte più stelle.

Il gigante gentile

Nonostante le sue dimensioni gigantesche, i ricercatori lo chiamano un “gigante gentile” perché sembra che sia stato seduto in silenzio per miliardi di anni, probabilmente sorseggiando idrogeno dalla struttura filamentosa dello spazio intergalattico. Questo sta alimentando una modesta nascita di stelle in corso a un ritmo pari a metà della nostra Via Lattea.

In effetti, il suo buco nero centrale supermassiccio è un gigante addormentato, poiché la galassia non sembra nutrirsi di galassie satellitari molto più piccole, è affamata di gas in caduta libera.

Nell’immagine sono visibili alcune stelle in primo piano nella nostra Via Lattea, identificate dai loro picchi di diffrazione. Il più brillante sembra stare in cima al disco della galassia, sebbene UGC 2885 sia in realtà 232 milioni di anni luce più lontano. La galassia gigante si trova nella costellazione settentrionale di Perseo.

La galassia di Rubin

La galassia è anche chiamata “la galassia di Rubin”, dal nome dell’astronoma Vera Rubin (1928–2016), da Benne Holwerda dell’Università di Louisville, Kentucky, che osservò la galassia con il telescopio spaziale Hubble.

“La mia ricerca è stata in gran parte ispirata dal lavoro di Vera Rubin nel 1980 sulle dimensioni di questa galassia”, ha detto Holwerda. Rubin ha misurato la rotazione della galassia, fornendo prove sulla materia oscura che costituisce la maggior parte della massa della galassia. “Consideriamo questa immagine commemorativa.”

I ricercatori stanno ancora cercando di capire cosa abbia portato alle dimensioni mostruose della galassia. “È grande quanto puoi creare una galassia a disco senza colpire nient’altro nello spazio”, ha aggiunto Holwerda. Un indizio è che la galassia è abbastanza isolata nello spazio e non ha galassie vicine in cui schiantarsi e interrompere la forma del suo disco.

Cresce ancora

La galassia mostruosa ha inghiottito nel tempo galassie satellitari molto più piccole? O ha semplicemente lentamente accresciuto il gas per creare nuove stelle? “Sembra che stia andando avanti, crescendo lentamente”, ha detto Holwerda. Usando l’eccezionale risoluzione di Hubble, il suo team sta contando il numero di ammassi stellari globulari nell’aureola della galassia, un vasto guscio di stelle deboli che circondano la galassia. Un eccesso di ammassi fornirebbe la prova che furono catturati da piccole galassie in caduta libera per molti miliardi di anni.

Il prossimo telescopio spaziale James Webb della NASA / ESA / CSA potrebbe essere utilizzato per esplorare il centro di questa galassia e la popolazione di ammassi globulari. La capacità a infrarossi di questo nuovo telescopio offrirà ai ricercatori una visione meno limitata delle popolazioni stellari sottostanti, completando la capacità di Hubble di tracciare la formazione di stelle in tutta la galassia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 8 =