Immagine del coronavirus

Infezioni da coronavirus in Cina: pubblicati i primi studi sui pazienti

Secondo i risultati di due studi pubblicati su The Lancet lo scorso 24 gennaio, il nuovo coronavirus 2019 (2019-nCoV) sembra causare sintomi simili alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e sembra essere in grado di diffondersi da persona a persona e tra città.

Questi risultati iniziali ma importanti riguardano solo un piccolo numero di pazienti e gli autori sottolineano la necessità di massimizzare le possibilità di contenere l’infezione 2019-nCoV attraverso un’attenta sorveglianza, tracciabilità attiva dei contatti e ricerche rigorose per gli ospiti animali e le vie di trasmissione verso l’uomo.

L’inizio al mercato ittico di Huanan, a Wuhan

Al 24 gennaio 2020, sono state riportate in Cina 835 infezioni 2019-nCoV confermate dal laboratorio, con 25 casi fatali. Molti dei casi sono stati collegati al mercato ittico di Huanan a Wuhan, in Cina, dove si dice che siano stati venduti animali selvatici appena uccisi, sebbene la fonte originale dell’infezione rimanga sconosciuta.

2019-nCoV è strettamente correlato ai coronavirus dei pipistrelli a ferro di cavallo cinesi. Attualmente, sei coronavirus (sette compresi 2019-nCoV) sono noti per causare malattie del tratto respiratorio nelle persone, ma solo la SARS e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) hanno portato ad oggi gravi epidemie di malattie fatali. Attualmente, non esistono farmaci o vaccini antivirali specifici per coronavirus con comprovata efficacia nell’uomo.

Coronavirus: lo studio su 41 pazienti

Nel primo nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i primi 41 pazienti infetti da 2019-nCoV confermati in laboratorio, ricoverati in ospedale nella città di Wuhan tra il 16 dicembre 2019 e il 2 gennaio 2020.

Gli autori hanno combinato le cartelle cliniche, i risultati di laboratorio e i risultati di imaging con dati epidemiologici. In media, i pazienti erano di mezza età (età media 49 anni), la maggior parte aveva visitato il mercato del pesce di Huanan (66%, 27 pazienti) e la maggior parte dei pazienti erano uomini (73%, 30 pazienti).

Come la SARS, la maggior parte dei casi ha interessato individui sani, con meno di un terzo dei casi che si verificano in persone con patologie croniche sottostanti quali diabete (20%, 8 pazienti), ipertensione (15%, 6) e malattie cardiovascolari (15%, 6).

Allo stesso modo, le infezioni 2019-nCoV hanno presentato un’ampia gamma di sintomi. Tutti i pazienti ricoverati in ospedale presentavano polmonite e la maggior parte aveva febbre (98%, 40 pazienti), tosse (76%, 31) e affaticamento (44%, 18). Oltre la metà dei pazienti presentava anche affanno (dispnea; 55%, 22), mentre il mal di testa (8%, 3) e la diarrea (3%, 1) erano rari.

Coronavirus: sintomi simili alla SARS

“Nonostante condivida alcuni sintomi simili alla SARS (ad es. Febbre, tosse secca, respiro corto), ci sono alcune differenze importanti, come l’assenza di sintomi del tratto respiratorio superiore (ad es. rinorrea, starnuti, mal di gola) e sintomi intestinali, come la diarrea che ha colpito il 20-25% dei pazienti affetti da SARS”, spiega il professor Bin Cao, dell’ospedale di amicizia Cina-Giappone e Capital Medical University, Cina.

Circa un paziente su tre ha sviluppato una sindrome da distress respiratorio acuto (29%, 12 pazienti) o è stato ricoverato in terapia intensiva (32%, 13 pazienti) e sei sono deceduti. I ricercatori affermano che nei pazienti critici si è verificata una tempesta di citochine, tuttavia, saranno necessarie ulteriori ricerche per capire come 2019-nCoV influisce sul sistema immunitario.

“Attualmente è difficile capire il tasso di mortalità associato a questo nuovo virus, poiché stiamo rilevando solo casi gravi nelle fasi iniziali dell’epidemia, piuttosto che i casi più lievi o asintomatici”, spiega il co-autore Dr Lili Ren dal cinese Accademia delle scienze mediche e Peking Union Medical College, Cina.

Ventotto pazienti (68%) sono stati dimessi dall’ospedale dal 22 gennaio 2020.

Un’analisi genetica in una famiglia con polmonite inspiegabile

Nel secondo documento, che è la prima analisi genetica nel suo genere, i ricercatori hanno studiato una famiglia di sette persone che si sono presentate in ospedale con polmonite inspiegabile. Hanno identificato il 2019-nCoV in cinque membri che avevano recentemente visitato Wuhan e in un altro membro della famiglia che non viaggiava con loro. Solo un bambino, che è stato segnalato dalla madre per aver indossato una maschera chirurgica per la maggior parte del soggiorno a Wuhan, non è stato infettato. È importante sottolineare che un altro bambino è stato infettato da 2019-nCoV, ma non ha mostrato sintomi clinici, suggerendo che gli individui potrebbero essere in grado di diffondere infezioni nella comunità senza sapere di essere infetti.

“I nostri risultati sono coerenti con la trasmissione da persona a persona di questo nuovo coronavirus in ambito ospedaliero e familiare, e le segnalazioni di viaggiatori infetti in altri paesi”, afferma il professor Kwok-Yung Yuen dell’Università di Hong Kong-Shenzhen Hospital che ha guidato la ricerca. “Poiché l’infezione asintomatica sembra possibile, il controllo dell’epidemia dipenderà anche dall’isolare i pazienti, tracciare e mettere in quarantena i contatti il ​​più presto possibile, educando il pubblico sull’igiene personale e alimentare e garantire che gli operatori sanitari rispettino il controllo delle infezioni.”

Risultati epidemiologici, clinici e microbiologici

I ricercatori hanno studiato i risultati epidemiologici, clinici, di laboratorio e microbiologici della famiglia.

La prima paziente – una donna di 65 anni – ha sviluppato sintomi cinque giorni dopo aver visitato un parente di 1 anno con polmonite febbrile in un ospedale di Wuhan il 29 dicembre 2019. Dopo essere tornata a casa a Shenzhen, fu ammessa all’Università di Hong Kong- Shenzhen Hospital (HKU-SZH) il 10 gennaio 2020, insieme al marito di 66 anni che si era ammalato.

L’11 gennaio, altri quattro membri della famiglia sono stati valutati presso l’HKU-SZH: la figlia (37 anni) e il genero (36 anni) hanno presentato la comparsa dei sintomi 9-10 giorni dopo, l’1-2 gennaio, insieme a i loro due bambini asintomatici. Il settimo membro della famiglia – la suocera di 63 anni – che non aveva viaggiato fino a Wuhan, ma con cui diversi membri della famiglia erano rimasti al loro ritorno, successivamente si è ammalata ed è stata ricoverato in ospedale a causa dei sintomi persistenti.

I test genetici hanno scoperto che cinque pazienti erano positivi per la proteina di picco che il nuovo coronavirus usa per entrare nelle cellule. Di questi, il genoma completo 2019-nCoV è stato identificato da campioni clinici di due pazienti.

Coronavirus: la trasmissione della malattia

Nessuna famiglia ha visitato i mercati alimentari o ha avuto contatti con animali durante il loro soggiorno a Wuhan. Gli autori affermano che la spiegazione più probabile per le infezioni della famiglia è che la donna di 65 anni abbia acquisito 2019-nCoV mentre visitava il suo giovane parente all’ospedale di Wuhan, quindi lo ha trasmesso ad altri quattro membri della famiglia durante il loro viaggio di sette giorni, e all’altro membro della famiglia dopo essere andato nella città di Shenzhen a Hong Kong. Tuttavia, le autorità sanitarie locali stanno ancora conducendo ulteriori indagini sulle tracce di contatto di questa famiglia.

Tutti e sei i pazienti sono stati ricoverati in ospedale in isolamento e rimangono stabili dal 20 gennaio 2020.

Gli autori sottolineano che “in questa fase iniziale dell’epidemia le misure di controllo vigili sono garantite”, ma avvertono che le loro scoperte riflettono solo un’istantanea di un gruppo familiare e che l’efficienza del virus è in grado di diffondersi rimane sconosciuta.

“Con la migliore rete di sorveglianza e le capacità di laboratorio sviluppate a seguito della pandemia di SARS, la Cina è ora in grado di riconoscere questo nuovo focolaio in poche settimane e ha reso il genoma del virus disponibile al pubblico per aiutare a controllarne la diffusione”, afferma la coautrice dott.ssa Rosana Wing-Shan Poon dell’Università di Hong Kong. “Imparando le lezioni dalla SARS, che è iniziata come trasmissione da animale a uomo, tutto il commercio di carne di selvaggina dovrebbe essere regolato meglio per terminare questa potenziale via di trasmissione. Sono necessarie ulteriori indagini per chiarire la potenziale minaccia rappresentata da questo virus emergente e i casi asintomatici.”

I commenti editoriali

Scrivendo in un commento collegato, gli autori il professor Chen Wang, presidente dell’Accademia cinese delle scienze mediche (CAMS), George Gao, direttore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), il professor Peter Horby, direttore della Oxford Clinical Research L’unità di Hanoi, in Vietnam, e il professor Frederick G. Hayden, della School of Medicine della University of Virginia, USA, affermano: “Per migliorare l’efficienza di rilevazione, le cliniche di prima linea, oltre ai centri locali per il controllo e la prevenzione delle malattie, dovrebbero essere armate di validate kit diagnostici point-of-care … Dovrebbero essere lanciate campagne educative per promuovere le precauzioni per i viaggiatori, incluso il frequente lavaggio delle mani, l’etichetta contro la tosse e l’uso di dispositivi di protezione individuale (ad es. maschere) quando si visitano luoghi pubblici. Inoltre, il pubblico dovrebbe essere motivato a segnalare la febbre e altri fattori di rischio per l’infezione da coronavirus, tra cui la storia di viaggio nell’area interessata e contatti stretti con casi confermati o sospetti. Considerando che un numero considerevole di pazienti con SARS e MERS sono stati infettati in contesti sanitari, è necessario prendere precauzioni per prevenire la diffusione nosocomiale del virus.”

Scrivendo in un secondo commento collegato, il professor David Heymann (che non era coinvolto negli studi) della London School of Hygiene & Tropical Medicine, Regno Unito, afferma: “Tali informazioni scientifiche rapidamente condivise possono essere utilizzate per fornire -orientamento per gli epidemiologi che lavorano per contenere l’epidemia, i medici che gestiscono i pazienti e i modellatori che aiutano a comprendere le potenziali direzioni future e la possibile efficacia di vari interventi.”

Coronavirus: questi i link per leggere gli articoli pubblicati su The Lancet

Clinical features of patients infected with 2019 novel coronavirus in Wuhan, China.

A familial cluster of pneumonia associated with the 2019 novel coronavirus indicating person-to-person transmission: a study of a family cluster.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + due =