Un anticorpo alla base di alcune malattie demielinizzanti nei bambini

Un gruppo di condizioni neurologiche potenzialmente letali che colpiscono i bambini è stato collegato a un anticorpo. Questa scoperta, frutto di uno studio osservazionale multicentrico, che ha coinvolto oltre 500 bambini con malattie demielinizzanti del sistema nervoso centrale ed encefalite, potrebbe implicare la possibilità di indirizzare uno specifico trattamento.

I risultati della ricerca, pubblicati nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Neurology, suggeriscono che l’anticorpo della glicoproteina oligodendrocita della mielina (MOG) è associato a una gamma più ampia di condizioni autoimmuni potenzialmente letali di quanto si pensasse in precedenza, inclusi i disturbi dello spettro della neuromielite ottica e l’encefalite, che causano gravi sintomi neurologici come perdita della visione, debolezza muscolare e perdita di coordinazione e linguaggio.

Difficili da diagnosticare

Poiché questo gruppo di disturbi del sistema nervoso centrale può imitare condizioni simili, come la sclerosi multipla, sono difficili da diagnosticare correttamente. Fino a circa dieci anni fa, i pazienti con queste malattie demielinizzanti erano considerati con forme atipiche di sclerosi multipla e la prognosi e le migliori opzioni terapeutiche erano sconosciute.

Nell’ultimo decennio numerosi studi hanno dimostrato che diverse malattie demielinizzanti, tra cui la neurite ottica, la mielite e l’encefalomielite acuta disseminata, si associano al biomarcatore MOG-anticorpo e i pazienti affetti da questo gruppo di malattie spesso migliorano con l’immunoterapia.

Tuttavia, il miglior approccio terapeutico e i risultati a lungo termine erano sconosciuti. Ora, questo nuovo studio suggerisce che i test per questo biomarcatore potrebbero accelerare una diagnosi accurata e aiutare a identificare il trattamento appropriato per alcuni di questi disturbi.

La positività agli anticorpi MOG

Nello studio, l’85% (99/116) dei bambini che si sono dimostrati positivi agli anticorpi MOG e hanno ricevuto un trattamento adeguato hanno avuto un recupero completo o quasi completo, ma il 15% ha avuto deficit correlati a malattia da moderati a gravi non causati dal trattamento. Uno di loro è morto a causa della malattia.

“La diagnosi di molti di questi pazienti, in particolare quelli con encefalite, sarebbe stata persa se non fosse stato per il progetto del nostro studio”, afferma il dott. Thais Armangue dell’ospedale pediatrico Sant Joan de Deu, dell’Università di Barcellona, ​​in Spagna. “L’identificazione di questi pazienti è importante perché la maggior parte dei bambini che sono risultati positivi agli anticorpi MOG hanno risposto al trattamento con immunoterapia.”

Il professor Josep Dalmau dell’Università di Barcellona spiega: “Le malattie demielinizzanti nei bambini possono essere molto difficili da distinguere, perché presentano sintomi e caratteristiche di imaging simili. Una diagnosi corretta e precoce consente di avviare un trattamento con immunosoppressori, piuttosto che i trattamenti specifici usati nella sclerosi multipla, che non sono efficaci nella maggior parte di queste malattie. Inoltre, è importante distinguere tra quelle malattie che non richiedono un trattamento cronico e quelle in cui è necessaria un’immunoterapia prolungata per migliorare i risultati a lungo termine.”

Sindromi associate agli anticorpi MOG nei bambini

Gli anticorpi MOG danneggiano la guaina mielinica che circonda le fibre nervose nel cervello, i nervi ottici e il midollo spinale, quindi i segnali non possono passare efficacemente lungo questi nervi, causando sintomi come perdita della vista, debolezza muscolare e dolore. Molti bambini possono manifestare un solo evento di malattia da anticorpo MOG e non hanno ulteriori sintomi. Tuttavia, alcuni bambini possono essere a rischio di ulteriori ricadute dopo mesi, a volte dopo anni.

Sebbene sia migliorata la capacità di riconoscere le sindromi associate agli anticorpi MOG nei bambini, l’intera gamma di queste malattie rimane sconosciuta.

Bambini con sospette sindromi demielinizzanti

Per fornire ulteriori prove, i ricercatori hanno condotto uno studio prospettico su bambini (età media 6 anni) con sospette sindromi demielinizzanti (239 bambini) ed encefalite diversa dall’encefalite acuta disseminata (296) che frequentano 40 ospedali in Spagna tra il 1° giugno 2013 e il 31 dicembre 2018.

I partecipanti che sono risultati positivi agli anticorpi MOG sono stati valutati per le caratteristiche cliniche, la risposta al trattamento (cioè il numero di recidive) e gli esiti, nel corso di un follow-up mediano di 42 mesi.

In totale, il 22% dei bambini è risultato positivo agli anticorpi MOG, di cui il 39% presentava sindromi demielinizzanti e il 7% con encefalite autoimmune. È importante sottolineare che il 24% di questi bambini presentava sindromi non precedentemente associate ad anticorpi MOG.

Tra i 64 pazienti con encefalite autoimmune, gli anticorpi MOG erano i biomarcatori più frequenti – più comuni di tutti gli altri anticorpi neuronali combinati – suggerendo che i test sugli anticorpi MOG dovrebbero essere adottati per la diagnosi di bambini con sospetta encefalite, dopo aver escluso cause infettive, in particolare perché questi pazienti spesso rispondono a un trattamento con immunoterapia.

I bambini più piccoli

I risultati suggeriscono che anche i bambini più piccoli con sindromi associate ad anticorpi MOG tendono a presentare le caratteristiche cliniche dall’encefalite acuta disseminata, mentre i bambini più grandi hanno maggiori probabilità di avere segni di neurite ottica o mielite.

Durante il follow-up, il 28% dei pazienti positivi per la malattia da anticorpi MOG ha avuto recidive. La maggior parte di questi pazienti ha recuperato bene. Tuttavia, il 15% ha presentato deficit da moderati a gravi correlati alla malattia e uno è morto a causa della malattia stessa.

“Nonostante i progressi nei test diagnostici per l’encefalite, fino alla metà dei casi non ha una chiara causa. I nostri risultati rivelano che lo spettro della malattia dell’anticorpo MOG è più ampio di quanto si pensasse in precedenza e include l’encefalite autoimmune e le sindromi demielinizzanti multiple”, afferma la dott.ssa Gemma Olive-Cirera, dell’ospedale pediatrico Sant Joan de Deu, dell’Università di Barcellona. “Alla luce dei nostri risultati, le attuali classificazioni e la terminologia delle sindromi associate agli anticorpi MOG dovrebbero essere aggiornate”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + quindici =