Home Dermatologia Le statine per il trattamento degli xantelasmi, anche se il colesterolo è...

Le statine per il trattamento degli xantelasmi, anche se il colesterolo è basso

42
0
Klaus D. Peter, Gummersbach, Germany. Creative Commons, Attribuzione 3.0 Germania.

I ricercatori della Schulich School of Medicine & Dentistry, della Western University di London, in Ontario, hanno osservato la regressione degli xantelasmi in un paziente con livelli lipidici normali dopo il trattamento con una statina. I trattamenti tipici per i pazienti con xantelasmi con livelli lipidici normali comportano rischi e alti tassi di recidiva. Questo interessante caso clinico è stato recentemente pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Gli xantelasmi e il colesterolo

Gli xantelasmi sono escrescenze benigne e giallastre costituite da colesterolo che si è accumulato sotto la pelle, nella zona al di sopra o intorno alle palpebre. In circa la metà dei casi, sono associati a una ipercolesterolemia familiare. In questi pazienti, la regressione degli xantelasmi può verificarsi con farmaci ipolipemizzanti, come le statine. Tuttavia, molti pazienti con xantelasmi possono avere livelli lipidici del tutto normali. In questi pazienti, le alterazioni cutanee possono essere rimosse con azoto liquido, acido tricloroacetico topico, ablazione laser o escissione chirurgica, ma tutte queste terapie comportano il rischio di cicatrici o pigmentazione residua e alti tassi di recidiva, che può raggiungere il 40%.

La terapia con statine nelle persone con xantelasmi

Per valutare l’effetto della terapia con statine in una persona con xantelasmi, e con livelli normali di lipidi sierici, i ricercatori hanno prescritto 10 mg di rosuvastatina, un farmaco utilizzato per ridurre il colesterolo, principalmente nella frazione LDL, e incrementare il colesterolo HDL, a un paziente di 52 anni con livelli lipidici normali che voleva sbarazzarsi dei suoi xantelasmi per ragioni estetiche.

Entro tre mesi dal trattamento, il livello di colesterolo LDL del paziente era diminuito del 50%, rimanendo costantemente in tale intervallo per i successivi quattro anni. Entro 12 mesi, ha riferito di una qualche regressione dei suoi xantelasmi. Dopo quattro anni di assunzione continuativa della rosuvastatina, le lesioni cutanee erano quasi completamente regredite.

 

 

Articolo precedenteTumori cutanei: poco affidabili le app per smartphone che analizzano le alterazioni della pelle
Articolo successivoIl metotrexato: trattamento nel complesso sicuro, ma attenzione ai tumori della pelle
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

6 + sei =