ADHD: un intervento simile a un videogioco per la cura del disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Uno studio controllato e randomizzato, di quattro settimane, condotto su 348 bambini di età compresa tra 8 e 12 anni, suggerisce che un intervento digitale in età pediatrica per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) potrebbe aiutare a migliorare la condizione con effetti collaterali minimi. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare la significatività clinica dei cambiamenti osservati, ma la natura digitale dell’intervento potrebbe aiutare a migliorare l’accesso per alcuni pazienti. I risultati di questa ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista The Lancet Digital Health.

ADHD: Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività

L’ADHD è un disturbo ad insorgenza infantile che colpisce circa il 5% delle persone in tutto il mondo. È caratterizzato da attenzione compromessa in modo persistente, iperattività o impulsività. I trattamenti raccomandati comprendono sia la terapia comportamentale sia quella basata sull’evidenza, ma entrambe hanno dei limiti.

L’accesso agli interventi comportamentali è limitato a causa della mancanza di specialisti della salute mentale pediatrica adeguatamente formati e della disponibilità di servizi. I farmaci potrebbero non essere adatti ad alcuni pazienti a causa delle preferenze del caregiver o delle preoccupazioni su abuso, uso improprio e diversione. Inoltre, i farmaci, sebbene altamente efficaci nel trattamento dei sintomi dell’ADHD, possono non essere altrettanto efficaci nell’affrontare i problemi cognitivi e funzionali quotidiani affrontati dai pazienti.

Per i bambini con ADHD molte aree, come il funzionamento sociale e accademico, richiedono acquisizioni di abilità più complesse nel tempo. Trattamenti che affrontano solo i sintomi potrebbero non migliorare direttamente questo tipo di relazioni. Le alternative digitali alle cure tradizionali hanno mostrato risultati promettenti e potrebbero aiutare ad affrontare questi problemi.

Un videogioco per l’ADHD

I ricercatori hanno studiato se un intervento simile a un videogioco, progettato per indirizzare l’attenzione e il controllo cognitivo, potesse migliorare un punteggio validato relativo all’attenzione (Test of Variables of Attention (TOVA) Attention Performance Index (API)).

Tra luglio 2016 e novembre 2017, 348 bambini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la terapia digitale (n = 180) o un controllo (n = 168), progettato per abbinare l’intervento come un gioco di parole digitale stimolante e coinvolgente.

I pazienti hanno sospeso qualsiasi farmaco per tre giorni, quindi veniva calcolato un punteggio di attenzione basale prima dell’intervento o del controllo. Sono stati quindi confrontati i risultati dello stesso test somministrato alla fine dello studio.

Durante lo studio, i partecipanti non hanno preso i loro farmaci per l’ADHD. I pazienti sono stati istruiti a utilizzare l’intervento o il controllo per un totale di 25 minuti al giorno per cinque giorni alla settimana. La conformità è stata monitorata elettronicamente e i genitori sono stati informati via e-mail se non è stato utilizzato alcun intervento per un periodo di 48 ore.

Interventi digitali per bambini con ADHD

Il professor Scott Kollins del Duke University Medical Center, negli Stati Uniti, afferma: “Il nostro studio è una delle poche indagini controllate e randomizzate su interventi digitali per bambini con ADHD. Il miglioramento osservato nel funzionamento dell’attenzione nei pazienti che hanno ricevuto l’intervento attivo è stato significativo, sebbene la piena significatività clinica dei risultati dovrebbe essere esplorata in ulteriori studi. Non sappiamo ancora se questo intervento possa essere considerato un’alternativa ai trattamenti attuali.”

In media, i pazienti nel gruppo di intervento hanno completato 83 su 100 sessioni nelle quattro settimane e nel gruppo di controllo 96 su 100 sessioni. Nel gruppo di intervento, significativamente più pazienti hanno migliorato i loro punteggi dell’attenzione. In termini di risultati secondari, compresi i punteggi dei sintomi, sono migliorati sia i gruppi di trattamento sia quelli di controllo, ma non vi sono state differenze tra i gruppi. Non ci sono stati eventi avversi gravi o interruzioni del processo.

Solo 12 bambini nel gruppo di intervento e tre nel gruppo di controllo hanno avuto eventi avversi correlati al trattamento, i più comuni dei quali sono stati la frustrazione (cinque nel gruppo di intervento) e il mal di testa (tre nel gruppo di intervento).

Valutare il controllo cognitivo e l’attenzione

Secondo gli autori, il TOVA API attention score è stato selezionato come endpoint primario in questo studio perché l’intervento è stato progettato specificamente per indirizzare il controllo cognitivo e l’attenzione. Questo risultato è diverso dalle scale di valutazione dei sintomi che vengono abitualmente utilizzate come risultati primari negli studi di trattamento farmacologico dell’ADHD. Nel presente studio, queste scale di valutazione dei sintomi sono state utilizzate come risultati secondari, sebbene non vi fossero differenze tra i gruppi di intervento e di controllo.

La coautrice, la dott.ssa Elena Cañadas, di Akili Interactive Labs, USA, ha affermato: “Questi risultati sono prove confermative per la terapia digitale, un intervento sicuro e di facile accesso che potrebbe affrontare i problemi della consegna del trattamento per molti pazienti con ADHD. Ulteriori lavori dovrebbero studiare l’impatto della diversa programmazione e il tempo necessario per le sessioni di trattamento, nonché guardare ai benefici ottimali nel lungo termine”.

Le limitazioni dello studio

Gli autori riconoscono diverse limitazioni. Solo quattro settimane di trattamento sono relativamente brevi e studi futuri dovrebbero considerare un intervento più lungo e testare diversi regimi della terapia simile a un videogioco.

I risultati potrebbero non essere generalizzabili per l’intera popolazione di bambini con ADHD, poiché i casi più lievi, che non registravano al di sotto di un certo punteggio di attenzione, erano esclusi, così come i bambini con significative comorbilità psichiatriche. I bambini non hanno potuto assumere i loro soliti farmaci durante la sperimentazione, il che significa che il risultato potrebbe non essere generalizzato a coloro che assumono farmaci.

Lo studio non ha raccolto dati EEG che potrebbero aiutare a spiegare il meccanismo dei risultati.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × uno =