Le donne sedentarie hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache

Tempi più lunghi passati in posizione seduta sono stati associati a livelli più elevati di rischio di malattie cardiache nelle donne in post-menopausa sovrappeso e obese. Sono questi i risultati di uno studio pubblicato con libero accesso nei giorni scorsi sul Journal of American Heart Association.

In questo studio osservazionale, i ricercatori hanno misurato le abitudini sedentarie delle donne anziane dopo la menopausa (età ≥55 anni) e che erano in sovrappeso o obese. I dati sono stati analizzati come un singolo gruppo e come due gruppi etnici – donne ispaniche o non ispaniche – al fine di determinare se il tempo in posizione seduta totale e/o i periodi di seduta ininterrotti medi potessero avere un impatto sulle malattie cardiache e se queste relazioni variassero in base all’etnia.

Troppo tempo seduti

Da questi dati sono stati calcolati il ​​tempo di seduta totale medio giornaliero e il tempo medio trascorso dai partecipanti in periodi di seduta ininterrotta. Le donne ispaniche post-menopausa sedevano, in media, quasi un’ora in meno al giorno rispetto alle donne non ispaniche della stessa fascia d’età. Hanno anche trascorso molto meno tempo in seduta ininterrotta. Tuttavia, ogni ulteriore aumento di 15 minuti della seduta ininterrotta era associato a un aumento dello zucchero nel sangue a digiuno di circa il 5% nelle donne ispaniche, rispetto a un aumento inferiore all’1% nelle donne non ispaniche.

Lo studio ha incluso un totale di 518 donne con un’età media di 63 anni e un indice di massa corporea media (BMI) di 31 kg/m2. I partecipanti allo studio hanno indossato accelerometri sull’anca destra per un massimo di 14 giorni, rimuovendo i dispositivi solo per dormire, fare la doccia o nuotare. Gli accelerometri sono stati utilizzati per tenere traccia e registrare la seduta e l’attività fisica dei partecipanti allo studio durante il giorno. Un singolo esame del sangue, in concomitanza con l’uso dell’accelerometro, ha misurato la glicemia e la resistenza all’insulina.

Un legame tra il tempo trascorso seduti e la resistenza all’insulina

“Siamo rimasti sorpresi di osservare un legame così forte negativo tra la quantità di tempo trascorso seduto e la resistenza all’insulina e che questa associazione era ancora forte dopo aver tenuto conto di esercizio fisico e obesità”, ha detto l’autore principale dello studio Dorothy D. Sears, professore di nutrizione presso l’Arizona State University College of Health Solutions di Phoenix. La resistenza all’insulina è un forte fattore di rischio sia per le malattie cardiovascolari che per il diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno evidenziato come le donne ispaniche in post-menopausa sedevano in media circa 8 ore e mezza al giorno, rispetto a più di 9 ore al giorno tra le donne non ispaniche. Ogni ora aggiuntiva di tempo di seduta al giorno era collegata con un’insulina a digiuno superiore di oltre il 6% e un aumento di oltre il 7% della resistenza all’insulina. Ulteriori 15 minuti aggiuntivi nel periodo di seduta medio sono stati associati con un’insulina a digiuno maggiore del 7% e un aumento di quasi il 9% della resistenza all’insulina.

Le analisi sono state adeguate a età, istruzione, stato civile, funzionamento fisico ed etnia.

Troppa sedentarietà

Sears ha aggiunto: “I risultati di questo studio si basano su ricerche precedenti, tra cui la nostra, che hanno dimostrato, tra le donne anziane, come troppo tempo nei comportamenti sedentari era associato a un rischio maggiore di diabete e malattie cardiache. Ridurre il tempo di seduta migliora il controllo del glucosio e il flusso sanguigno. Impegnarsi in attività fisiche, anche in attività di vita quotidiana ad alta intensità, come cucinare e fare shopping, mostra associazioni favorevoli con rischio di mortalità ridotto e la prevenzione di malattie cardiache e ictus.”

“Inoltre, gli ispanici sono una popolazione sottovalutata rispetto ai rischi per la salute”, ha affermato Sears. “Le donne ispaniche possono avere differenze genetiche che fanno aumentare gli effetti negativi che la seduta ha sullo zucchero nel sangue. Gli operatori sanitari dovrebbero incoraggiare i pazienti, compresi gli adulti più anziani, a ridurre il loro tempo di seduta, fare delle pause nel loro tempo di seduta e sostituire la seduta con brevi periodi di posizione eretta o attività fisica leggera.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =