Home Endocrinologia Malattia di Graves in gravidanza: l’utilità dello screening per gli anticorpi anti-tiroide

Malattia di Graves in gravidanza: l’utilità dello screening per gli anticorpi anti-tiroide

10
0

I medici dovrebbero prendere in considerazione l’opportunità di effettuare uno screening per gli anticorpi del recettore ormonale stimolante la tiroide (TSH-R-Abs) prima di una gravidanza, quando il soggetto ha una storia di malattia autoimmune della tiroide o una storia di trattamento con iodio radioattivo o con una tiroidectomia.

È un passo importante, perché la malattia di Graves, una malattia autoimmune causata da anticorpi TSH-R, o il suo trattamento, possono portare a un danno irreversibile nel neurosviluppo fetale.

Nei giorni scorsi la rivista Annals of Internal Medicine ha pubblicato un caso clinico su questo argomento.

La malattia di Graves

Gli anticorpi prodotti in caso di malattia di Graves possono essere stimolanti (TSAb), neutrali o bloccanti (TBAb). L’attività netta dell’anticorpo determina il fenotipo clinico. In genere, i TSAbs dominano, causando ipertiroidismo. Raramente prevalgono i TBAb, con conseguente ipotiroidismo. Mentre il trattamento della malattia di Graves dominato dai TBAb con L-T4 è semplice, la gravidanza complica la sua gestione, poiché l’ipotiroidismo fetale è un rischio.

Una donna di 28 anni con ipotiroidismo

I medici citano il caso di una donna di 28 anni con ipotiroidismo causato da una malattia di Graves non classica, che è stata indirizzata ad un reparto specializzato presso gli ospedali universitari di Lovanio, in Belgio. Inizialmente, ha presentato ipertiroidismo a causa di una malattia di Graves classica.

Dopo essere stata trattata per 36 mesi con alte dosi di farmaci antitiroidei insieme alla sostituzione di L-T4 per evitare l’ipotiroidismo, è diventata apertamente ipotiroidea. I TBAbs erano prevalenti.

Due anni dopo, rimase incinta e i TBAb persistettero durante la gravidanza. Lo sviluppo fetale era normale senza evidenza di ipotiroidismo. Nel periodo postpartum, il neonato ha sviluppato ipotiroidismo subclinico transitorio che si è risolto spontaneamente nei successivi tre mesi, insieme alla scomparsa del TSH-R-Abs materno.

Una seconda gravidanza è seguita 3 anni dopo. Il neonato ha sviluppato un T4 libero normalmente basso e ha richiesto un trattamento con L-T4 dal giorno postnatale 18 al giorno 73. Entrambi i bambini si sono sviluppati normalmente. I medici avvertono che lo screening per TSH-R-Abs in tale paziente era importante, perché la malattia di Graves con TBAbs è rara e può sfuggire facilmente.

In conclusione, la presentazione di questo caso enfatizza la rilevanza clinica e l’utilità clinica di misurare il TSH-R-Ab funzionale prima e durante la gravidanza, in tutti i pazienti con anamnesi di patologia tiroidea autoimmune.

 

 

Articolo precedenteCanakinumab: un antinfiammatorio per il trattamento dell’anemia
Articolo successivoGLB 35 4MATIC: arriva in Italia il nuovo SUV di Mercedes
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

dieci − otto =