Immagine del coronavirus

Coronavirus: mortalità per fasce d’età, ricoveri e tempi di recupero dalla malattia, in Cina

Quasi uno su cinque dei pazienti con più di 80 anni con COVID-19 richiederà probabilmente un ricovero in ospedale, rispetto a circa l’1% delle persone con meno di 30 anni. Questa valutazione emerge da una ricerca condotta su oltre 3.600 casi di malattia documentati nella Cina continentale, e pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.

La nuova analisi rileva inoltre che la percentuale stimata di decessi per i casi diagnosticati e per casi più lievi e non confermati è fortemente influenzata dall’età. Le stime sono leggermente inferiori rispetto ad altre che sono state fatte per il virus, ma sono ancora molto più alte rispetto a pandemie precedenti come l’influenza pandemica H1N1 del 2009, che è stata giudicata fatale in circa lo 0,02% dei casi.

Le nuove stime si basano su un’analisi di 70.117 casi confermati in laboratorio e diagnosticati clinicamente nella Cina continentale, combinati con 689 casi positivi tra persone evacuate da Wuhan su voli di rimpatrio.

Coronavirus: le persone che necessitano di ricovero ospedaliero

“Questo studio fornisce stime critiche sulla percentuale di persone che necessitano di ricovero ospedaliero che, una volta applicato alla popolazione del Regno Unito, ci ha permesso di capire quante persone potrebbero aver bisogno di accedere ai servizi del SSN”, afferma il professor Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra, Regno Unito. “Man mano che si sviluppa l’epidemia del Regno Unito, stanno diventando disponibili più dati e al momento la percentuale di persone in ogni fascia d’età che ha maggiori probabilità di essere ricoverata in ospedale, e molto probabilmente a morire di infezione, è coerente con le stime di questo studio.”

Gli autori avvertono che dal 50% all’80% della popolazione mondiale potrebbe essere infettata da COVID-19 e il numero di persone che necessiteranno di cure ospedaliere potrebbe essere in grado di sopraffare anche i sistemi sanitari più avanzati al mondo. Tuttavia, avvertono che è possibile che i risultati possano migliorare, nel qual caso sarà importante rivedere le stime in questo studio.

“Le nostre stime possono essere applicate a qualsiasi paese per aiutare a prendere decisioni sulle migliori politiche di contenimento per COVID-19”, afferma la professoressa Azra Ghani dell’Imperial College di Londra. “Potrebbero esserci casi periferici che attirano molta attenzione da parte dei media, ma la nostra analisi mostra chiaramente che a 50 anni e più, il ricovero è molto più probabile rispetto a quelli di età inferiore ai 50 anni, e una percentuale maggiore di casi è fatale.”

Coronavirus: stime sui decessi in base all’età

Stime precedenti di decessi per casi confermati di COVID-19 variavano dal 2% all’8%, mentre i decessi per infezioni complessive sono stati stimati dallo 0,2% all’1,6%. Inoltre, le stime per la percentuale di decessi nella fascia di età più avanzata, gli over 80, sono state stimate tra l’8% e il 36%. Tuttavia, queste stime passate non si erano adeguate al fatto che probabilmente venivano testate solo le persone con sintomi più gravi o che le persone in quarantena dopo il rimpatrio in altri paesi non riflettessero il numero reale di casi tra le popolazioni.

In questo nuovo studio un gruppo di ricercatori internazionali ha valutato 3.665 casi della Cina continentale per stimare la percentuale di casi che potrebbero essere abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale.

Per stimare il tempo medio tra la comparsa dei sintomi e la morte hanno analizzato 24 morti nella provincia di Hubei. Il tempo medio di recupero è stato stimato utilizzando i dati di 2.010 casi internazionali. I tassi di mortalità per casi confermati sono stati stimati utilizzando i dati relativi a 44.672 casi nella Cina continentale. Per stimare i tassi di mortalità relativi alla popolazione più ampia, sono stati utilizzati i dati di 689 persone rimpatriate da Wuhan in altri paesi e 3.711 persone messe in quarantena a bordo della nave da crociera Diamond Princess.

Per tutte le stime, i ricercatori hanno ipotizzato che persone di tutte le età avessero la stessa probabilità di contrarre l’infezione.

Coronavirus: i più anziani vengono ricoverati più frequentemente

L’analisi ha rilevato il maggior numero di casi gravi, che hanno richiesto il ricovero in ospedale, nelle persone sui 50 anni (222 su 790 casi), ma una volta che i ricercatori si sono adeguati al fatto che molti casi più lievi non saranno stati diagnosticati, il tasso di ricovero è risultato dell’8,2%, rispetto a un 18,4% stimato nel gruppo più a rischio, gli over 80 (51 su 76 casi prima dell’adeguamento).

Centocinquantaquattro su 743 persone sui 40 anni e 133 su 263 persone sui 70 anni presentavano sintomi gravi, ma i tassi di ospedalizzazione adattati erano di nuovo persino più ampi di quanto suggeriscano i numeri nudi: 4,3% per 40-49 anni anziani rispetto al 16,6% per i soggetti dai 70 ai 79 anni. Di quelli sui 60 anni, 201 dei 560 casi erano gravi, mentre il tasso di ospedalizzazione adattato era dell’11,8%.

I tassi di ospedalizzazione erano più bassi per le fasce di età più giovani: è probabile che il 3,4% delle persone su 30 anni sia ricoverato in ospedale (mentre il numero non aggiustato di casi gravi era di 124 su 733 casi), mentre per le persone di 20 anni è probabile che sia 1,0% (49 su 437 casi prima dell’adeguamento). C’era solo un caso grave su 50 per quelli di età compresa tra 10 e 19 anni e il tasso di ospedalizzazione è stimato allo 0,04%, mentre nessuno dei 13 casi analizzati sotto i 10 anni era grave.

Il tempo medio tra i primi sintomi registrati e la morte per COVID-19 è stato stimato in 17,8 giorni. Gli autori osservano che, poiché i dati risalgono all’inizio dell’epidemia, un numero maggiore di persone potrebbe morire a causa di un ritardo maggiore. Si stima che il recupero dalla malattia richieda un po’ più di tempo, con i pazienti dimessi dall’ospedale dopo una media di 22,6 giorni.

Coronavirus: i tempi per la guarigione

La maggior parte delle persone guarirà, anche da sintomi gravi. I tassi di mortalità per casi confermati sono stati stimati all’1,38% in tutte le fasce d’età (1.023 su 44.672 casi nella Cina continentale, con casi gravi non segnalati che potrebbero aumentare al totale, richiedendo un adeguamento del rapporto), ma le stime aumentano rapidamente con l’età. Ad esempio, non vi sono stati decessi su 416 casi confermati nei bambini di età inferiore ai 10 anni, mentre si stima che il 13,4% delle persone di età pari o superiore a 80 anni muoia (208 su 1.408 casi prima dell’adeguamento).

Si stima che la percentuale di tutte le persone infette che muoiono a causa della malattia, la maggior parte delle quali presenterà solo sintomi da lievi a moderati, è leggermente inferiore, allo 0,66%. Ancora una volta, il rischio di morte è molto più elevato nei gruppi di età più avanzata. Ad esempio, si stima che lo 0,031% delle persone tra i 20 anni muoia, rispetto al 7,8% degli over 80.

Gli autori notano che non sono in grado di adattare i risultati alle condizioni di salute sottostanti. Tuttavia, è probabile che queste siano correlate con l’età. La loro esistenza varierà anche geograficamente, in particolare tra regioni e paesi a basso reddito e ad alto reddito.

Resta peraltro da chiarire il motivo per cui i dati di mortalità siano estremamente differenti da nazione a nazione e se le percentuali emerse in questo studio siano applicabili anche a paesi, come l’Italia, che hanno fatto registrare tassi di mortalità grezza del 12%.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × tre =