In Groenlandia e in Antartide il ghiaccio si scioglie sei volte più velocemente del previsto

Secondo un nuovo rapporto, la Groenlandia e l’Antartide stanno perdendo ghiaccio sei volte più velocemente rispetto agli anni ’90, muovendosi così in linea con lo scenario peggiore del riscaldamento climatico previsto dal Intergovernmental Panel on Climate Change’s.

I risultati, pubblicati in due articoli separati su Nature, mostrano che la Groenlandia e l’Antartide hanno perso 6,4 trilioni di tonnellate di ghiaccio tra il 1992 e il 2017, facendo salire il livello del mare di 17,8 millimetri.

Dell’innalzamento totale del livello del mare derivante dallo scioglimento delle calotte polari, circa il 60% (10,6 millimetri) era dovuto alle perdite di ghiaccio della Groenlandia e il 40% era dovuto al ghiaccio sciolto in Antartide (7,2 millimetri).

Il tasso combinato di perdita di ghiaccio è aumentato di sei volte in soli tre decenni, passando da 81 miliardi di tonnellate all’anno negli anni ’90 a 475 miliardi di tonnellate all’anno negli anni 2010. Ciò significa che le calotte polari sono ora responsabili di un terzo di tutto l’innalzamento del livello del mare.

La perdita di ghiaccio dalle calotte polari

La nuova valutazione proviene da un gruppo internazionale di 89 scienziati polari che hanno prodotto il quadro più completo della perdita di ghiaccio fino ad oggi.

L’esercizio di inter-comparazione del bilancio di massa di ghiaccio (IMBIE), condotto da Andrew Shepherd dell’Università di Leeds ed Erik Ivins presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha confrontato e combinato i dati di 11 satelliti, tra cui ERS-1, ERS-2 dell’ESA, Envisat e le missioni CryoSat, nonché le missioni Copernicus Sentinel-1 e Sentinel-2 dell’UE per monitorare le variazioni del volume, del flusso e della gravità della calotta glaciale.

Utilizzando dati di osservazione che durano tre decenni, il gruppo ha prodotto una singola stima del guadagno o della perdita netta di ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide, noto come bilancio di massa.

Il Prof. Shepherd spiega: “Ogni centimetro di innalzamento del livello del mare porta a inondazioni costiere ed erosione costiera, sconvolgendo la vita delle persone in tutto il pianeta.

“Se l’Antartide e la Groenlandia continuano a seguire lo scenario del riscaldamento climatico peggiore, entro la fine del secolo causeranno un ulteriore aumento di 17 centimetri del livello del mare. Ciò significherebbe che 400 milioni di persone sono a rischio di inondazioni costiere annuali entro il 2100. Questi non sono eventi improbabili con piccoli impatti; sono già in corso e saranno devastanti per le comunità costiere”.

Dati satellitari per monitorare l’evoluzione delle calotte glaciali.

Il direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’ESA, Josef Aschbacher, commenta: “I risultati riportati dall’IMBIE dimostrano l’importanza fondamentale dell’utilizzo dei dati satellitari per monitorare l’evoluzione delle calotte glaciali.

“L’IMBIE è anche un ottimo esempio di come i migliori team scientifici in Europa e negli Stati Uniti abbiano lavorato insieme in modo esemplare per affrontare alcune questioni di attualità della scienza.”

L’ultimo rapporto del Intergovernmental Panel on Climate Change’s. (IPCC) ha previsto che i livelli globali del mare aumenteranno di 60 centimetri entro il 2100 e si stima che ciò metterebbe a rischio 360 milioni di persone di inondazioni costiere annuali.

Tuttavia, gli studi dei team IMBIE mostrano che le perdite di ghiaccio dall’Antartide e dalla Groenlandia stanno aumentando più rapidamente del previsto, monitorando lo scenario di riscaldamento climatico nel caso peggiore dell’IPCC.

Il ghiacciaio si scioglie e il livello del mare sale

Guðfinna Aðalgeirsdóttir, professore di glaciologia all’Università dell’Islanda, e autore principale del sesto rapporto di valutazione del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, ha commentato: “La stima riconciliata del team IMBIE sulla perdita di ghiaccio in Groenlandia e Antartide è puntuale per l’IPCC. Le loro osservazioni satellitari mostrano che sia lo scioglimento che lo scarico del ghiaccio dalla Groenlandia sono aumentati dall’inizio delle osservazioni.”

“Le calotte glaciali in Islanda hanno avuto una riduzione record simile nella perdita di ghiaccio negli ultimi due anni del loro, ma l’estate 2019 è stata molto calda in questa regione, il che ha comportato una maggiore perdita di massa. Mi aspetto un aumento analogo della perdita di massa in Groenlandia per il 2019. È molto importante continuare a monitorare le grandi calotte glaciali per sapere quanto innalzano il livello del mare ogni anno.”

Quasi tutto il ghiaccio perso dall’Antartide – e metà di quello perso dalla Groenlandia – è stato causato dagli oceani che scioglievano i loro ghiacciai allo sbocco, con un’accelerazione del fenomeno. Le rimanenti perdite di ghiaccio della Groenlandia sono dovute all’aumento della temperatura dell’aria, che ha sciolto la calotta glaciale in superficie.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + diciannove =