Telemedicina: il consulto a distanza può evitare molte visite in ambulatorio

Usando nuove metriche, i ricercatori hanno scoperto che il 70% delle consultazioni elettroniche, definite anche come e-consults, erano appropriate in base ai criteri proposti e che l’81% è stato in grado di sostituire efficacemente le visite di persona. Gli autori dello studio affermano che queste metriche forniscono informazioni pratiche significative e possono fornire una base di riferimento per studi futuri. I risultati di questo nuovo studio di coorte sono stati pubblicati nella rivista Annals of Internal Medicine.

Telemedicina: consultare il medico a distanza

I consulti elettronici possono migliorare le possibilità di accesso dei pazienti agli specialisti, ridurre al minimo i viaggi e ridurre le visite di persona non necessarie. Tuttavia, mancavano metriche di confronto per consentire lo studio degli e-consults e il loro effetto sui processi e sulla cura del paziente.

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Massachusetts General Hospital hanno esaminato un campione casuale di 150 cartelle cliniche, di ciascuna delle cinque specialità con un elevato volume di richieste di e-consult (psichiatria, ematologia, dermatologia, malattie infettive e reumatologia). Lo scopo è stato quello di valutare nuove metriche sull’adeguatezza e l’utilità dei consulti medici a distanza.

Telemedicina: le visite a distanza possono sostituire quelle di persona?

L’adeguatezza di ogni e-consult è stata misurata dai seguenti criteri: non è stato possibile rispondere facendo riferimento alle linee guida delle società scientifiche o a una risorsa point-of-care; non hanno richiesto informazioni logistiche; non erano urgenti; sono state considerate complesse.

L’utilità è stata misurata in base al tasso di visite faccia a faccia evitate entro 120 giorni dalla consultazione elettronica. Gli autori hanno scoperto che il 70% dei consulti elettronici era appropriato, in base ai loro criteri. Questo grado di appropriatezza andava dal 61% in reumatologia al 78% in psichiatria. Quasi tutte le domande erano di adeguata urgenza, ma alcune sono state ritenute troppo semplici o troppo complesse. Considerando tutte le specialità, l’81% dei consulti elettronici è stato associato a visite evitate, che andavano dal 62% in dermatologia al 93% in psichiatria.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 6 =