Sindrome dell’intestino irritabile: l’efficacia dei batteri probiotici, vivi o morti

Secondo una recente ricerca, i batteri probiotici che sono stati uccisi con il calore possono migliorare significativamente i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile e non sono associati ad alcun rischio per la salute. Questo nuovo studio, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, è stato pubblicato sulla rivista The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Sebbene non si sappia esattamente come funziona questo potenziale trattamento, i ricercatori suggeriscono che queste cellule batteriche morte siano in grado di attaccarsi alle cellule che rivestono l’intestino allo stesso modo dei probiotici vivi. Ciò può aiutare a rafforzare la barriera intestinale contro batteri e tossine nocivi, che altrimenti potrebbero contribuire ai sintomi dell’intestino irritabile. Hanno anche osservato un forte effetto placebo, che è comune negli studi su questa malattia, ma il trattamento probiotico era ancora significativamente migliore rispetto al placebo.

Probiotici per alleviare i sintomi dell’intestino irritabile

Precedenti studi con probiotici, utilizzati per alleviare i sintomi dell’intestino irritabile si sono concentrati su ceppi batterici vivi, con alcuni ceppi che hanno un effetto clinico significativo, tra cui il Bifidobacterium bifidum MIMBb75. Questo batterio è particolarmente abile nell’attaccarsi alle cellule della parete intestinale, il che potrebbe spiegare i suoi effetti. L’uso di probiotici vivi è considerato sicuro, ma hanno una durata di conservazione limitata. Alcuni batteri muoiono durante lo stoccaggio, quindi non si sa quanti siano ancora vivi quando le persone li prendono. In rare occasioni, è stato anche riferito che i probiotici vivi causano infezioni gravi, in particolare nelle persone con malattie gravi o sistemi immunitari compromessi. I probiotici non vitali potrebbero quindi essere un’alternativa ancora più sicura, con l’ulteriore vantaggio di una vita più lunga, anche in paesi con climi caldi.

“Per quanto ne sappiamo, nessun altro ceppo batterico morto è stato trovato per migliorare significativamente la sindrome dell’intestino irritabile, ma il probiotico che abbiamo usato in questo primo studio clinico sembra raggiungere o addirittura superare gli effetti della forma viva”, afferma il professor Peter Layer di Università di Amburgo Teaching Hospital, Germania, che ha guidato la ricerca.

I sintomi dell’intestino irritabile

I sintomi dell’intestino irritabile includono episodi ricorrenti di dolore addominale, flatulenza, stomaco gonfio, sensazione di gonfiore a disagio, dolore durante la defecazione, diarrea e costipazione. I sintomi possono ridurre la qualità della vita dei pazienti e, secondo studi precedenti, l’effetto sulla qualità della vita può essere ancora peggiore nelle persone con malattie croniche. Le cause dell’intestino irritabile non sono completamente note, ma si ritiene che il rivestimento interno dell’intestino sia più permeabile nei pazienti con sintomi.

Intestino irritabile: lo studio

Tutti i pazienti nel nuovo studio hanno manifestato dolore o disagio addominale cronico in almeno tre giorni negli ultimi tre mesi, con sintomi che erano iniziati almeno sei mesi prima (in conformità con i criteri diagnostici di Roma III). Inoltre, i ricercatori hanno incluso solo pazienti che hanno manifestato dolore addominale almeno due giorni nelle due settimane precedenti l’inizio dello studio.

Hanno assegnato in modo casuale 443 pazienti a prendere due capsule di Bifidobacterium bifidum MIMBb75 inattivate al calore o due capsule placebo, due volte al giorno, per otto settimane. Hanno quindi valutato se il dolore addominale era migliorato di almeno il 30% nell’arco di otto settimane di trattamento, da quando avevano preso la prima capsula, e se tutti i sintomi fossero stati significativamente alleviati, almeno il 50% delle volte, durante l’assunzione delle capsule.

Su 221 pazienti che avevano ricevuto il probiotico, 74 (34%) hanno manifestato un miglioramento del dolore addominale di almeno il 30% e una significativa riduzione dei sintomi almeno il 50% delle volte, rispetto a 43 (19%) dei 222 pazienti che avevano ricevuto il placebo.

Sindrome dell’intestino irritabile: un trattamento con probiotici inattivati

Non c’era differenza negli effetti collaterali tra i gruppi e nessuno degli effetti collaterali era grave. L’effetto indesiderato più comune è stato il dolore addominale, che è stato riportato da meno dell’1% dei pazienti in entrambi i gruppi. Il 91% dei pazienti hanno valutato la tollerabilità del trattamento come buona o molto buona, rispetto all’86% dei pazienti nel gruppo placebo.

Gli autori sottolineano la notevole risposta al placebo come potenziale limitazione dello studio, con il 19% dei pazienti che registra un miglioramento dei sintomi secondo i criteri dello studio. Tuttavia, sottolineano che una forte risposta al placebo è comune negli studi sull’intestino irritabile controllati. Ad esempio, in alcuni studi, oltre il 40% dei pazienti ha riportato un miglioramento dei sintomi quando trattati con il solo placebo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 11 =