Home Ambiente Cambiamenti climatici: prima della fine del 2100 inondazioni quasi quotidiane sul 93%...

Cambiamenti climatici: prima della fine del 2100 inondazioni quasi quotidiane sul 93% della costa USA

307
0

In alcune aree costiere statunitensi le inondazioni estreme potrebbero raddoppiare ogni cinque anni se il livello del mare continuasse a salire come previsto. Questa preoccupante previsione arriva da un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Scientific Reports. I livelli estremi delle inondazioni nella nostra epoca, attualmente raggiunti una volta ogni 50 anni, potrebbero essere superati quotidianamente lungo la maggior parte della costa degli Stati Uniti prima della fine del XXI secolo.

La frequenza delle inondazioni lungo la costa degli Stati Uniti

Mohsen Taherkhani, Sean Vitousek e colleghi dell’US Geological Survey, l’Università dell’Illinois a Chicago e l’Università delle Hawaii, hanno studiato la frequenza delle inondazioni, misurate da 202 calibri, lungo la costa degli Stati Uniti. Hanno poi combinato questi dati con differenti scenari in cui si determina una salita del livello del mare, studiando la velocità con cui gli eventi alluvionali potrebbero aumentare in futuro.

adv

Per il 73% degli indicatori di marea utilizzati nello studio, la differenza nel livello dell’acqua tra il livello delle inondazioni estreme ogni 50 anni e la marea media massima giornaliera è risultata inferiore a un metro. La maggior parte delle proiezioni di innalzamento del livello del mare superano un metro entro il 2100.

Il modello degli autori prevedeva che prima del 2050, gli attuali livelli estremi delle acque passassero da eventi di inondazioni ogni 50 anni, una volta nella vita, a eventi annuali nel 70% delle regioni costiere degli Stati Uniti. Prima della fine del 2100, si prevede che gli estremi una volta nella vita fossero superati quasi quotidianamente per il 93% dei siti misurati.

Inondazioni quotidiane

I dati suggeriscono che i livelli estremi delle inondazioni attuali diventeranno comuni entro i prossimi decenni. Le aree a bassa latitudine saranno le più sensibili, con un tasso di inondazioni costiere previsto che raddoppierà ogni cinque anni. Nei siti più sensibili, lungo la costa hawaiana e caraibica, la velocità con cui si verificano livelli estremi di acqua può raddoppiare con ogni centimetro di innalzamento del livello del mare.

Gli autori suggeriscono che i danni alle coste, come l’erosione delle spiagge e delle scogliere, probabilmente accelereranno di concerto con l’aumento del rischio di alluvioni.

 

 

Articolo precedenteCoronavirus: con misure preventive poco rigorose, picco più elevato e quasi il triplo di decessi
Articolo successivoUn vaccino universale, per tutti i tipi di influenza
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui