Home Igiene Se si inizia a fumare da giovani si continuerà a fumare da...

Se si inizia a fumare da giovani si continuerà a fumare da adulti, e sarà più difficile smettere

35
0
David Jacobs Jr. Ph.D. Mayo Professor of Public Health, Division of Epidemiology and Community Health, University of Minnesota Minneapolis, Minnesota copyright David Jacobs

Quanto prima si inizia a fumare, tanto più è probabile che in età adulta si continui a fumare e sia più difficile smettere. Sono questi i poco rassicuranti dati di uno studio internazionale pubblicato con libero accesso sul Journal of American Heart Association.

La nuova ricerca ha il follow-up più lungo di qualsiasi altro studio incentrato sul fumo in giovane età, utilizzando le informazioni ottenute direttamente da bambini e adolescenti negli anni ’70 e ’80 e contattando molti di loro fino al 2018.

“Sulla base dei nostri dati associati a una varietà di altre prove, abbiamo scoperto che il fumo infantile porta al fumo degli adulti”, ha affermato David Jacobs, Jr., autore principale dello studio e Professor of Public Health nella Division of Epidemiology and Community Health presso la University of Minnesota a Minneapolis. “Il fumo di sigaretta, anche a livello sperimentale, tra i bambini di qualsiasi età dovrebbe essere fortemente scoraggiato”.

Il fumo in giovane età minaccia la salute in età più avanzata

I ricercatori hanno analizzato le informazioni sul fumo di oltre 6.600 persone (57% donne) di età compresa tra 6 e 19 anni e tra i 20 ei 40 anni, provenienti da Finlandia, Australia e Stati Uniti. I partecipanti sono stati seguiti dall’infanzia alla mezza età nell’ambito dell’International Childhood Cardiovascular Cohort Consortium.

L’analisi dello studio ha rilevato che gli adolescenti che avevano fumato di più e i bambini che avevano iniziato a fumare in età più giovane avevano maggiori probabilità di essere fumatori quotidiani a 20 anni e avevano meno probabilità di smettere di fumare a 40 anni. Anche i bambini che avevano provato a fumare solo a un livello minimo, alcune sigarette, avevano maggiori probabilità di diventare fumatori abitudinari in età adulta.

La percentuale di partecipanti che fumava quotidianamente durante i 20 anni era dell’8% per coloro che per primi avevano provato a fumare all’età di 18-19 anni. Saliva al 33% per coloro che avevano provato a fumare per la prima volta all’età di 15-17 anni e al 48% per coloro che avevano provato a fumare per la prima volta all’età di 13-14 anni. La percentuale si assestava al 50% per coloro che avevano provato a fumare per la prima volta tra i 6 e i 12 anni.

Solo il 2,6% dei partecipanti che aveva iniziato a fumare per la prima volta dopo i 20 anni fumava a 40 anni.

La frequenza del fumo durante l’infanzia e l’adolescenza era simile in Finlandia, Australia e Stati Uniti.

La dipendenza dalla nicotina

Sebbene l’attuale studio sia stato condotto in tre nazioni sviluppate, i ricercatori ritengono che i risultati probabilmente si possano applicare in modo più ampio.

“Anche nei paesi a basso reddito e in via di sviluppo, il rafforzamento sociale del fumo, le qualità di base della dipendenza dalla nicotina e la maturazione del giudizio dei bambini e dei bambini attraverso l’adolescenza sono universali”, ha affermato Jacobs. “Mentre i bambini maturano durante l’adolescenza, possono aver sviluppato una migliore capacità di resistere agli impulsi e di respingere le pressioni sociali.

“Il fumo di sigaretta è un rischio per la salute evitabile e i suoi semi sono nell’infanzia. Questi risultati supportano fortemente Tobacco 21, un movimento nazionale per limitare tutte le vendite di prodotti del tabacco ai minori di 21 anni. L’American Heart Association è un sostenitore di Tobacco 21″, ha detto Jacobs.

“Questo è uno studio molto importante, sia perché ha dati provenienti da più paesi, sia perché è stato in grado di seguire le persone nella mezza età. Ribadisce l’importanza di tenere i prodotti del tabacco fuori dalle mani dei bambini prima dei 21 anni per prevenire la dipendenza a lungo termine”, ha affermato Rose Marie Robertson. “I prodotti di svapo non erano stati introdotti al momento in cui questi partecipanti allo studio erano adolescenti, ma è plausibile che i risultati possano anche riguardare la sigaretta elettronica, poiché sia ​​la dipendenza da nicotina che gli effetti avversi della nicotina sullo sviluppo del cervello nei giovani sono rilevanti anche per questi dispositivi”.

 

 

Articolo precedenteMalattie della retina: fibroblasti modificati potrebbero migliorare la vista
Articolo successivoAllergia ai pollini: uno scarabeo per combattere le reazioni all’ambrosia
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due × 5 =