Cancro infantile: nuovi investimenti per salvare vite, con un ritorno economico garantito

Il miglioramento delle cure per i bambini malati di cancro in tutto il mondo comporterà un triplo ritorno sugli investimenti e preverrà milioni di morti inutili. Sono queste le conclusioni di un rapporto pubblicato nei giorni scorsi dalla rivista The Lancet Oncology.

Senza ulteriori investimenti nella cura del cancro infantile, le nuove stime rivelano che oltre 11 milioni di bambini di età pari o inferiore a 14 anni dovrebbero morire di cancro nei prossimi 30 anni in tutto il mondo. La stragrande maggioranza di questi – oltre 9 milioni di decessi (84%) – avverrà in paesi a basso e medio reddito.

Il cancro nei bambini

Scritto da 44 tra i più importanti oncologi, pediatri, esperti di salute globali ed economisti, il rapporto sintetizza le prove esistenti con nuovi modelli e analisi economiche. Con investimenti nell’espansione della copertura mondiale di interventi, economicamente convenienti, e nel rafforzamento dei sistemi sanitari, milioni di vite di bambini potrebbero essere salvate. Ne risulterebbe un enorme beneficio economico che supererebbe di gran lunga i costi.

“Per troppo tempo, c’è stato un malinteso diffuso sul fatto che prendersi cura dei bambini con cancro nei paesi a basso e medio reddito (LMIC) è costoso, irraggiungibile e inappropriato a causa delle priorità di salute in competizione. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità”, afferma il professor Rifat Atun della Harvard T.H. Chan School of Public Health, USA.

Continua: “Questo rapporto fornisce prove convincenti del fatto che migliorare gli esiti nei bambini con cancro è sia fattibile sia un investimento altamente conveniente per tutti i paesi ricchi e poveri. L’ampliamento dell’accesso a diagnosi, terapie e cure di supporto, oltre a rafforzare i sistemi sanitari in modo più ampio, potrebbe prevenire oltre 6 milioni di morti infantili e portare a quasi 2 trilioni di dollari di benefici economici nei prossimi 30 anni. È il momento giusto per una spinta globale per espandere la copertura delle cure per i bambini con cancro.”

Idee sbagliate sul cancro infantile

Sebbene negli ultimi decenni si siano registrati progressi senza precedenti nella diagnosi, nel trattamento e nelle cure di supporto, e molti tumori infantili siano ora curabili, le notevoli disparità nel finanziamento e nell’accesso alle cure hanno portato a disparità mondiali nella sopravvivenza dei bambini con cancro.

Circa l’80% dei bambini con diagnosi di cancro nei paesi ad alto reddito vive per più di cinque anni, ma meno del 30% dei bambini con cancro nei LMIC ha le stesse possibilità di sopravvivenza, scendendo all’8% nell’Africa orientale.

“La dura realtà è l’ineguaglianza mondiale e un quadro desolante per i bambini con cancro nei paesi a basso e medio reddito. Finora gli investimenti mirati al cancro infantile nei paesi in via di sviluppo sono stati minuscoli. Tuttavia, il cancro infantile non è più complesso, costoso, difficile da diagnosticare o complicato da trattare”, afferma il dott. Ramandeep Arora del Max Super-Specialty Hospital in India. “I risultati per i bambini nei paesi a basso e medio reddito potrebbero essere notevolmente migliorati affrontando questioni chiave come la diagnosi ritardata e la mancanza di accesso ai farmaci essenziali. Il nostro rapporto delinea un quadro medico basato sull’evidenza che i paesi possono utilizzare per implementare, integrare e ampliare i percorsi di cura per il cancro infantile”.

Il vero onere del cancro infantile

Nel rapporto, gli autori utilizzano nuovi modelli che, per la prima volta, tengono esplicitamente conto delle debolezze dei sistemi sanitari che contribuiscono alla sottostima e alla sotto diagnosi della malattia, nonché alla crescita della popolazione. Lo scopo è stato quello di stimare l’incidenza del cancro, la sopravvivenza e la mortalità, per i bambini di età compresa tra 0 e 14 anni, in 200 paesi dal 2020 al 2050, a livello di nazione e a livello globale.

Senza ulteriori investimenti per migliorare l’accesso ai servizi sanitari e alla cura del cancro, si prevede che circa 13,7 milioni di bambini svilupperanno il cancro in tutto il mondo tra il 2020 e il 2050: oltre 10 milioni di questi casi saranno in LMIC e circa 939.000 in paesi ad alto reddito. Di questi, 6,1 milioni di casi (45%) rimarranno non diagnosticati e non trattati. Ciò è particolarmente vero nell’Asia meridionale e nell’Africa subsahariana.

“I sistemi sanitari non sono preparati a far fronte a questa sfida senza precedenti, in particolare nei paesi a basso e medio reddito in cui la cura del cancro pediatrico è spesso gestita attraverso partner di beneficenza”, afferma la dott.ssa Agnes Binagwaho, vicecancelliere dell’Università di Global Health Equity in Ruanda. “La situazione è particolarmente grave in molti paesi dell’Africa sub-sahariana, dove i sistemi sanitari sono fragili e la popolazione di bambini dovrebbe raddoppiare da 320 milioni nel 2015 a oltre 720 milioni entro il 2050”.

Interventi che fanno risparmiare tre dollari per uno speso

Gli autori hanno inoltre analizzato il potenziale ritorno sull’investimento di un ampliamento globale simultaneo di tre interventi sanitari e sociali: accesso alle cure primarie e riferimento a cure specialistiche, trattamenti (ad es. chemioterapia, radioterapia, chirurgia) e servizi di supporto per ridurre l’abbandono del trattamento.

Hanno scoperto che oltre 6 milioni di decessi infantili per cancro potrebbero essere prevenuti in tutto il mondo nei prossimi 30 anni, più della metà (56%) degli 11 milioni di decessi altrimenti previsti.

Ciò equivale a un guadagno di 318 milioni di anni di vita in buona salute per i bambini che vengono trattati con successo e sopravvivono fino all’età adulta, con i benefici per la salute che si prevede siano maggiori nei LMIC.

Il rapporto evidenzia inoltre una valida ragione per investire nell’espansione della copertura di tutti e tre gli interventi a livello globale. I costi del trattamento cumulativo di 594 miliardi di dollari USA saranno compensati, prevede il rapporto, da incrementi della produttività globale di 2.580 miliardi di dollari USA tra il 2020 e il 2050, producendo un beneficio netto di 1.986 miliardi di dollari, per paesi di tutti i livelli di reddito.

“I nostri risultati indicano che 20 miliardi di dollari di finanziamento all’anno per un periodo di 30 anni potrebbero portare a un ritorno di 3 dollari per ogni dollaro speso. Ciò dovrebbe rassicurare i responsabili politici che un considerevole ritorno sugli investimenti è realistico e fattibile”, afferma il dott. Carlos Rodriguez-Galindo del St. Jude Children’s Research Hospital, USA.

La cura sostenibile del cancro

Data la crescente incidenza del cancro infantile, la Commissione che ha redatto il rapporto sollecita l’adozione di sei azioni specifiche e deliberate a livello nazionale, regionale e globale per affrontare le inaccettabili disuguaglianze tra i servizi oncologici nei paesi ricchi e poveri e per ottenere cure sostenibili per i bambini malati di cancro ovunque loro vivano:

1) Rendere il cancro infantile parte integrante dei pacchetti di benefici essenziali quando si espande la copertura sanitaria universale

2) Sviluppare piani nazionali di controllo del cancro a costo pieno per LMIC

3) Porre fine ai costi immediati per i bambini con cancro per prevenire l’abbandono del trattamento

4) Istituire reti di cancro nazionali e regionali per aumentare l’accesso a servizi efficaci

5) Espandere la qualità e la quantità dei registri dei tumori basati sulla popolazione che includono dati sui tumori infantili

6) Investire in ricerca e innovazione nei LMIC, con un nuovo fondo di coalizione globale di 100 milioni di dollari USA all’anno.

“Il miglioramento dei risultati del cancro infantile salverà milioni di vite e genererà due trilioni di dollari in benefici economici. Ma ciò richiederà una forte leadership politica, solidarietà globale, azione collettiva, partecipazione inclusiva di tutte le principali parti interessate e allineamento degli sforzi nazionali e globali per ampliare l’accesso a cure efficaci e sostenibili per i bambini con cancro”, afferma Atun. “Solo allora tutti i bambini a cui è stato diagnosticato un cancro saranno in grado di godere di un accesso equo a cure ottimali, una migliore salute, la possibilità di raggiungere un’età adulta soddisfacente e produttiva e la dignità che meritano.”

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − tredici =