Il calore estremo potrebbe far raddoppiare o triplicare le morti da cause cardiovascolari

Quando le temperature sono estremamente elevate, con valori medi giornalieri di 43 °C, il numero di decessi per malattie cardiovascolari può raddoppiare o triplicare. I ricercatori osservano che questi risultati sollevano preoccupazioni sul fatto che le regioni tradizionalmente calde possono essere particolarmente vulnerabili alle morti cardiovascolari legate al calore. Sono questi i risultati di una nuova ricerca pubblicata nei giorni scorsi su Circulation.

Temperature elevate e rischio cardiovascolare

La temperatura più alta sulla terra negli ultimi 76 anni, 54 °C, è stata recentemente registrata in Kuwait. Date le temperature costantemente elevate in questo paese (temperatura ambiente media di 28 °C), i ricercatori hanno esaminato il rapporto tra temperatura e oltre 15.000 decessi cardiovascolari. In questo studio sono stati considerati tutti i certificati di morte in Kuwait dal 2010 al 2016 che citavano “qualsiasi causa cardiovascolare” per soggetti di età pari o superiore a 15 anni.

Rispetto al numero di morti nei giorni con la più bassa temperatura (temperatura media giornaliera di 35 °C, quando è morto il minor numero di persone), quando la temperatura media di 24 ore era estrema (43 °C o superiore), i ricercatori hanno evidenziato un rischio 3 volte maggiore di morire per qualsiasi causa cardiovascolare. Inoltre, gli uomini erano più colpiti dalle temperature estreme, con un tasso di mortalità 3,5 volte superiore, mentre il tasso di mortalità tra le donne era quasi due e volte e mezzo più elevato.

Le persone in età lavorativa (15-64 anni) avevano un tasso di mortalità 3,8 volte superiore e il tasso di mortalità era di poco più di due volte superiore per le persone di età pari o superiore a 65 anni.

Per esaminare gli effetti della temperatura senza l’influenza di altre variabili, le analisi sono state aggiustate per fattori ambientali come l’inquinamento dell’aria e l’umidità. Temperature più elevate hanno influenzato in modo diverso entrambi i sessi e tutte le età.

La temperatura come fattore di rischio cardiovascolare

“Mentre i cardiologi e altri medici si sono giustamente concentrati su fattori di rischio tradizionali, come dieta, pressione sanguigna e consumo di tabacco, i cambiamenti climatici possono esacerbare il peso della mortalità cardiovascolare, specialmente nelle regioni molto calde del mondo”, ha affermato Barrak Alahmad, della Kuwait University.

Quando la temperatura corporea aumenta, il corpo umano cerca di raffreddarsi spostando il sangue dagli organi alla pelle. Questo spostamento induce il cuore a pompare più sangue, sottoponendolo a uno stress significativamente maggiore. Un gruppo di cardiologi, specialisti della salute ambientale ed epidemiologi ha ipotizzato che l’aumento delle temperature nelle regioni più calde del mondo potrebbe portare ad un aumento della morte per malattie cardiovascolari a causa degli effetti del calore estremo sul corpo.

“Il riscaldamento del nostro pianeta non è distribuito uniformemente. Regioni che sono intrinsecamente calde, come il Kuwait e la penisola arabica, stanno assistendo a temperature elevate mai viste prima. Stiamo avvisando che le popolazioni in questa parte del mondo potrebbero essere maggiormente esposte al rischio di morire per cause cardiovascolari a causa del calore”, ha affermato Alahmad.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + diciannove =