Il caffè filtrato è quello più sicuro per la salute cardiovascolare

Restando in casa per le restrizioni imposte dalla pandemia di COVID-19 si beve certamente più caffè. Ma qual è il modo più salutare di preparare questa calda bevanda? La macchinetta di casa? Sembra proprio di no.

È stato pubblicato nei giorni scorsi, sull’European Journal of Preventive Cardiology, il primo studio che ha esaminato i collegamenti tra i metodi di preparazione del caffè e i rischi di infarto e morte.  Ha concluso che il caffè filtrato è quello più sicuro.

Metodi di preparazione del caffè, infarto e longevità

“Il nostro studio fornisce prove forti e convincenti di un legame tra metodi di erogazione del caffè, infarti e longevità”, ha affermato l’autore dello studio, il professor Dag S. Thelle dell’Università di Göteborg, in Svezia. “Il caffè non filtrato contiene sostanze che aumentano il colesterolo nel sangue. L’uso di un filtro le rimuove e rende meno probabili gli infarti e la morte prematura.”

Il caffè è una delle bevande più popolari in tutto il mondo e lo stimolante più utilizzato. Circa 30 anni fa il professor Thelle scoprì che bere caffè si associava a valori elevati di colesterolo totale e LDL, a tal punto che probabilmente avrebbe avuto conseguenze dannose per la salute del cuore. Gli esperimenti hanno identificato le sostanze colpevoli nel caffè e hanno scoperto che potevano essere rimosse usando un filtro. Una tazza di caffè non filtrato contiene circa 30 volte la concentrazione delle sostanze che aumentano i lipidi rispetto al caffè filtrato.

Il prof. Thelle ha detto: “Ci siamo chiesti se questo effetto sul colesterolo avrebbe provocato ulteriori infarti e morte per malattie cardiache. Ma non era etico fare uno studio randomizzando con le persone a bere caffè o no. Quindi abbiamo avviato uno studio su una vasta popolazione e diversi decenni dopo stiamo segnalando i risultati”.

Consumo di caffè e malattie cardiache

Tra il 1985 e il 2003, lo studio ha registrato un campione rappresentativo della popolazione norvegese: 508.747 uomini e donne in buona salute dai 20 ai 79 anni. I partecipanti hanno completato un questionario sulla quantità e il tipo di caffè consumato. Sono stati anche raccolti dati su variabili che potevano influenzare sia il consumo di caffè che le malattie cardiache, in modo che questi fossero presi in considerazione nell’analisi. Tra questi, fumo, educazione, attività fisica, altezza, peso, pressione sanguigna e colesterolo.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di 20 anni. In questo intervallo di tempo sono morti 46.341 partecipanti. Di questi, 12.621 morti erano dovuti a malattie cardiovascolari. Dei decessi cardiovascolari, 6.202 sono stati causati da un infarto.

Nel complesso, bere il caffè non era un’abitudine pericolosa. In effetti, bere caffè filtrato era più sicuro del non bere caffè.

Rispetto a nessun caffè, il caffè filtrato è risultato associato con un rischio ridotto di morte del 15% per qualsiasi causa durante il follow-up. Per quanto riguarda la morte da malattie cardiovascolari, il consumo di caffè filtrato era associato a una riduzione del rischio di morte del 12% negli uomini e del 20% nelle donne, rispetto a nessun caffè. La mortalità più bassa è stata tra i consumatori da 1 a 4 tazze di caffè filtrato al giorno.

Gli effetti positivi sulla salute del caffè… filtrato

Il professor Thelle ha dichiarato: “La scoperta che quelli che bevevano la bevanda filtrata andavano un po’ meglio di quelli che non bevevano affatto caffè non poteva essere spiegata da altre variabili come l’età, il sesso o le abitudini di vita. Quindi pensiamo che questa osservazione sia vera.”

Il caffè filtrato era anche meno rischioso della bevanda non filtrata per: morte per qualsiasi causa, morte per malattie cardiovascolari e morti per infarto. “La nostra analisi mostra che ciò è stato in parte dovuto all’effetto di aumento del colesterolo del caffè non filtrato”, ha affermato il professor Thelle.

Il professor Thelle ha osservato che il caffè non filtrato non ha aumentato il rischio di morte rispetto all’astensione dal caffè, tranne che negli uomini di età pari o superiore a 60 anni, in cui la bevanda era correlata a un’elevata mortalità cardiovascolare.

Ha aggiunto: “Abbiamo avuto solo una misurazione del consumo di caffè, ma sappiamo che le abitudini di produzione del caffè stavano cambiando in Norvegia durante il periodo di follow-up. Riteniamo che alcune donne e uomini più giovani che bevono caffè non filtrato siano passati al filtrato, riducendo così la forza dell’associazione con la mortalità cardiovascolare, mentre gli uomini più anziani erano meno propensi a cambiare le loro abitudini.”

Il professor Thelle ha sottolineato che si tratta di dati osservazionali, ma che se le autorità della sanità pubblica chiedessero il suo consiglio questo sarebbe: “Per le persone che sanno di avere livelli elevati di colesterolo e vogliono fare qualcosa al riguardo, stare lontano dal caffè non filtrato, incluso il caffè fatto con una caffettiera. Per tutti gli altri, bevi il tuo caffè con la coscienza pulita e filtralo.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + dodici =