Un'illustrazione di Kepler-1649c

Scoperto un altro pianeta simile alla Terra, a 300 anni luce di distanza da noi

Un gruppo di scienziati, utilizzando dati rianalizzati dal telescopio spaziale Kepler della NASA, ha scoperto un esopianeta di dimensioni terrestri in orbita nella zona abitabile della sua stella, l’area intorno a una stella in cui un pianeta roccioso potrebbe sostenere l’acqua liquida.

Gli scienziati hanno scoperto questo pianeta, chiamato Kepler-1649c, osservando le vecchie osservazioni del satellite Kepler, che l’agenzia ha ritirato nel 2018. Mentre ricerche precedenti con un algoritmo informatico lo avevano identificato in modo errato, i ricercatori che hanno esaminato i dati di Keplero hanno dato una seconda occhiata alla firma e l’hanno riconosciuto come un pianeta. Di tutti gli esopianeti trovati da Kepler, questo mondo distante, situato a 300 anni luce dalla Terra, è molto simile al nostro pianeta per dimensioni e temperatura stimata.

Un mondo lontano, simile alla Terra

Questo mondo appena rivelato è solo 1,06 volte più grande del nostro pianeta. Inoltre, la quantità di luce stellare che riceve dalla sua stella ospite è il 75% della quantità di luce che la Terra riceve dal nostro Sole – il che significa che anche la temperatura dell’esopianeta può essere simile a quella del nostro pianeta. Ma a differenza della Terra, orbita attorno a una nana rossa. Questo tipo di stella è noto per le riacutizzazioni stellari che possono rendere l’ambiente di un pianeta impegnativo per qualsiasi potenziale vita.

“Questo mondo intrigante e distante ci dà ancora più speranza che una seconda Terra si trovi tra le stelle, in attesa di essere trovata”, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA a Washington. “I dati raccolti da missioni come Kepler e il nostro Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) continueranno a produrre incredibili scoperte mentre la comunità scientifica affina le sue capacità di cercare pianeti anno dopo anno”.

C’è ancora molto di sconosciuto su Kepler-1649c, compresa la sua atmosfera, che potrebbe influenzare la temperatura del pianeta. I calcoli attuali delle dimensioni del pianeta hanno margini significativi di errore, così come tutti i valori in astronomia quando si studiano oggetti così lontani. Sulla base di ciò che è noto però, Kepler-1649c è particolarmente intrigante per gli scienziati che cercano mondi con condizioni potenzialmente abitabili.

Gli esopianeti simili alla Terra

Esistono altri esopianeti di dimensioni più vicine alla Terra, come TRAPPIST-1f e, secondo alcuni calcoli, Teegarden c. Altri potrebbero essere più vicini alla Terra in termini di temperatura, come TRAPPIST-1d e TOI 700d. Non esiste però nessun altro esopianeta considerato più vicino alla Terra in entrambi questi valori che si trova anche nella zona abitabile del suo sistema.

“Se non avessimo guardato a mano il lavoro dell’algoritmo, ce lo saremmo perso”, ha detto Andrew Vanderburg, un ricercatore di l’Università del Texas ad Austin e il primo autore dell’articolo pubblicato oggi su The Astrophysical Journal Letters.

Kepler-1649c orbita così vicino alla sua piccola stella nana rossa che un anno su questo pianeta equivale a soli 19,5 giorni terrestri. Il sistema ha un altro pianeta roccioso della stessa dimensione, ma orbita attorno alla stella a circa metà della distanza di Kepler-1649c, in modo simile a come Venere orbita attorno al nostro Sole a circa la metà della distanza della Terra.

Le stelle nane rosse sono tra le più comuni nella galassia, il che significa che pianeti come questo potrebbero essere più comuni di quanto pensassimo in precedenza.

Alla ricerca di falsi positivi

In precedenza, gli scienziati della missione Kepler avevano sviluppato un algoritmo chiamato Robovetter per aiutare a smistare le enormi quantità di dati prodotti dal veicolo spaziale Kepler, gestito dall’Ames Research Center della NASA nella California Silicon Valley. Kepler ha cercato i pianeti usando il metodo del transito, fissando le stelle, cercando cali di luminosità mentre i pianeti passavano davanti alle loro stelle ospiti.

Il più delle volte, queste immersioni provengono da fenomeni diversi dai pianeti – che vanno dai cambiamenti naturali nella luminosità di una stella ad altri oggetti cosmici che passano – facendolo sembrare un pianeta quando non lo è. Il compito di Robovetter era di distinguere il 12% delle immersioni che erano pianeti reali. Quelle firme determinate da Robovetter come provenienti da altre fonti erano etichettate come “falsi positivi”, il termine per un risultato del test erroneamente classificato come positivo.

Con un numero enorme di segnali complicati, gli astronomi sapevano che l’algoritmo avrebbe commesso errori e avrebbe dovuto essere ricontrollato. A quanto pare, Robovetter aveva etichettato erroneamente Kepler-1649c.

Automatizzare i processi di analisi

Anche se gli scienziati lavorano per automatizzare ulteriormente i processi di analisi, al fine di ottenere il maggior numero possibile di dati scientifici da un determinato set di dati, questa scoperta mostra il valore del doppio controllo del lavoro automatizzato. Anche sei anni dopo che Kepler ha smesso di raccogliere dati dal campo, questa rigorosa analisi ha scoperto uno dei più singolari analoghi della Terra ancora scoperti.

Un possibile terzo pianeta

Kepler-1649c non è solo uno dei migliori abbinamenti con la Terra in termini di dimensioni ed energia ricevuta dalla sua stella, ma fornisce uno sguardo completamente nuovo al suo sistema domestico. Per ogni nove volte che il pianeta esterno orbita attorno alla stella ospite, il pianeta interno orbita quasi esattamente quattro volte. Il fatto che le loro orbite corrispondano in un rapporto così stabile indica che il sistema stesso è estremamente stabile e probabilmente sopravvivrà a lungo.

Rapporti di periodo quasi perfetti sono spesso causati da un fenomeno chiamato risonanza orbitale, ma un rapporto da nove a quattro è relativamente unico tra i sistemi planetari. Di solito le risonanze assumono la forma di rapporti come due a uno o tre a due. Sebbene non confermata, la rarità di questo rapporto potrebbe suggerire la presenza di un pianeta medio con il quale entrambi i pianeti interno ed esterno ruotano in sincronia, creando una coppia di risonanze da tre a due.

Il team ha cercato prove di un tale terzo pianeta misterioso, senza risultati. Tuttavia, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il pianeta è troppo piccolo per essere visto o che ha un’inclinazione orbitale che rende impossibile trovarlo usando il metodo di transito di Kepler.

Ad ogni modo, questo sistema fornisce l’ennesimo esempio di pianeta di dimensioni terrestri nella zona abitabile di una stella nana rossa. Queste stelle piccole e deboli richiedono che i pianeti orbitino estremamente vicini per trovarsi all’interno di quella zona – non troppo calda e non troppo fredda – per la vita come la conosciamo. Sebbene questo singolo esempio sia solo uno dei tanti, ci sono prove crescenti che tali pianeti sono comuni intorno alle nane rosse.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + 5 =