Home Astronomia Catturate dal telescopio Hubble le immagini di una cometa che va in...

Catturate dal telescopio Hubble le immagini di una cometa che va in pezzi

23
0
I frammenti della cometa ATLAS
The NASA/ESA Hubble Space Telescope has provided astronomers with the sharpest view yet of the breakup of Comet C/2019 Y4 (ATLAS). The telescope resolved roughly 30 fragments of the comet on 20 April and 25 pieces on 23 April. The comet was first discovered in December 2019 by the ATLAS (Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System) and its fragmentation was confirmed in April 2020. Credit: NASA, ESA, D. Jewitt (UCLA), Q. Ye (University of Maryland)

La cometa è stata scoperta per la prima volta a dicembre 2019 dal sistema di rilevamento astronomico robotico ATLAS (Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System) nelle Hawaii. Si illuminò rapidamente fino a metà marzo e alcuni astronomi inizialmente avevano previsto che a maggio potesse essere visibile ad occhio nudo per diventare una delle comete più spettacolari viste negli ultimi due decenni. Tuttavia, la cometa ha iniziato improvvisamente a dimmerarsi, portando gli astronomi a ipotizzare che il nucleo ghiacciato potesse frammentarsi o persino disintegrarsi. La frammentazione di ATLAS è stata confermata dall’astronomo dilettante Jose de Queiroz, che ha fotografato tre pezzi della cometa l’11 aprile.

I frammenti spezzati della cometa

Le nuove osservazioni del telescopio spaziale Hubble sulla rottura della cometa il 20 e 23 aprile rivelano che i frammenti spezzati sono tutti avvolti in una coda di polvere cometaria spazzata dalla luce del sole. Queste immagini forniscono ulteriori prove del fatto che la frammentazione delle comete è probabilmente comune e potrebbe persino essere il meccanismo dominante con cui muoiono i nuclei solidi e ghiacciati delle comete.

“Il loro aspetto cambia sostanzialmente in due giorni, al punto che è abbastanza difficile collegare i punti”, ha detto David Jewitt dell’UCLA, leader di una delle due squadre che hanno valutato la cometa con Hubble. “Non so se questo perché i singoli pezzi si accendono e si spengono mentre riflettono la luce del sole, agiscono come luci scintillanti su un albero di Natale o perché frammenti diversi compaiono in giorni diversi.”

“E’ davvero emozionante, sia perché questi eventi sono fantastici da guardare sia perché non accadono molto spesso. La maggior parte delle comete che si frammentano sono troppo deboli per essere viste. Eventi di tale portata si verificano solo una o due volte un decennio”, ha affermato il leader del secondo gruppo di osservazione Hubble, Quanzhi Ye, dell’Università del Maryland.

Le causa della frammentazione

Poiché la frammentazione delle comete si verifica rapidamente e in modo imprevedibile, le osservazioni affidabili sono rare. Pertanto, gli astronomi rimangono in gran parte incerti sulla causa della frammentazione. Un suggerimento è che il nucleo originale si trasforma in pezzi a causa dell’azione a getto di degassamento da ghiacci sublimanti. Poiché probabilmente questo sfiato non è uniformemente disperso nella cometa, rende possibile la rottura. “Un’ulteriore analisi dei dati di Hubble potrebbe essere in grado di mostrare se questo è il meccanismo responsabile o meno”, ha detto Jewitt. “Indipendentemente da ciò, è abbastanza speciale dare un’occhiata con Hubble a questa cometa morente.”

Le immagini nitide di Hubble possono fornire nuovi indizi sulla rottura. Il telescopio ha distinto pezzi piccoli delle dimensioni di una casa. Prima della rottura, l’intero nucleo potrebbe non essere stato più lungo della lunghezza di due campi da calcio.

La cometa ATLAS in via di disintegrazione si trova attualmente all’interno dell’orbita di Marte, a una distanza di circa 145 milioni di chilometri dalla Terra quando sono state fatte le ultime osservazioni di Hubble. La cometa si avvicinerà alla Terra il 23 maggio a una distanza di circa 115 milioni di chilometri, e otto giorni dopo costeggerà il Sole.

 

 

Articolo precedenteSpiagge chiuse per proteggere dai turisti i microscopici animali che vivono tra la sabbia
Articolo successivoNelle donne: troppe bevande zuccherate fanno aumentare il rischio per le malattie cardiovascolari
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

9 + 1 =