Immagine del coronavirus

Coronavirus: anakinra sembra una cura efficace per migliorare i sintomi

Il primo studio che ha valutato l’efficacia dell’anakinra, un farmaco utilizzato solitamente per il trattamento dell’artrite reumatoide, nella cura dei pazienti con COVID-19, ha scoperto che l’anakinra ad alte dosi era sicuro ed era associato a miglioramenti respiratori e ridotti segni di tempesta di citochine nel 72% dei casi.

Lo studio, condotto presso l’ospedale San Raffaele di Milano, è stato pubblicato sulla rivista The Lancet Rheumatology.

Tutti e 29 i pazienti valutati hanno ricevuto cure standard (ventilazione non invasiva, idrossiclorochina e lopinavir/ritonavir), nonché il trattamento farmacologico in valutazione (infusioni endovenose giornaliere ad alte dosi di anakinra a 10 mg / kg di peso corporeo). Questi pazienti sono stati confrontati con 16 soggetti che avevano ricevuto solo cure standard.

Coronavirus: aiutare le persone sopravvivere

Il prof. Lorenzo Dagna, capo dell’Unità di immunologia, reumatologia, allergie e malattie rare dell’ospedale San Raffaele e dell’Università Vita-Salute San Raffaele, di Milano, afferma: “Fino a quando non sarà disponibile un vaccino, abbiamo urgentemente bisogno di trovare un modo per aiutare le persone a sopravvivere ai sintomi più gravi di COVID-19 e farlo senza sovraccaricare i reparti di terapia intensiva degli ospedali. È ideale un trattamento che abbia già superato severi test di sicurezza e che sia disponibile in quantità sufficienti per soddisfare le esigenze dell’attuale pandemia.”

Il Dott. Giulio Cavalli, dell’Unità di Immunologia, Reumatologia, Allergie e Malattie rare dell’Ospedale San Raffaele e dell’Università Vita-Salute di San Raffaele, afferma: “Il nostro studio è il primo a suggerire che un’alta dose di anakinra potrebbe essere in grado di bloccare la reazione eccessiva del sistema immunitario causata da COVID-19. I risultati sono interessanti e il farmaco merita test controllati in grandi studi randomizzati.”

Coronavirus: la tempesta di citochine

La maggior parte delle persone con COVID-19 presenta solo lievi sintomi, ma nei pazienti gravemente colpiti il ​​sistema immunitario reagisce in modo eccessivo, innescando una tempesta di proteine ​​immunitarie chiamate citochine.

Le citochine contribuiscono a creare uno stato di iperinfiammazione, portando alla sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) e riducendo i livelli di ossigeno nel sangue. L’ARDS è la principale causa di morte per coronavirus.

Dei pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva con COVID-19 e ARDS, il tasso di mortalità stimato varia dal 28% al 78%. La respirazione dei pazienti è supportata fino alla scomparsa dell’infiammazione, ma il numero di pazienti che necessitano di ventilazione può superare il numero di unità di terapia intensiva con ventilatori meccanici. Sono quindi urgentemente necessari trattamenti per migliorare la prognosi dei pazienti critici, trattati al di fuori delle terapie intensive.

Coronavirus e anakinra

Il farmaco anakinra è già stato approvato dalla Food and Drug Administration e dall’Agenzia europea dei medicinali per il trattamento dell’artrite reumatoide, della malattia di Still e della febbre ricorrente. Funziona bloccando la citochina proinfiammatoria IL-1. Gli autori del presente studio osservano che rispetto ad altri agenti bloccanti le citochine, anakinra ha un record di sicurezza e una breve emivita, che lo rende adatto a pazienti in condizioni critiche.

Nello studio, durato 21 giorni, il trattamento con anakinra ad alte dosi è stato associato a riduzioni della proteina sierica C reattiva e a miglioramenti progressivi della funzione respiratoria in 21 (72%) su 29 pazienti. La sopravvivenza è stata del 90% (26 su 29). Cinque dei 29 pazienti (17%) hanno necessitato di ventilazione meccanica.

Gli autori confrontano queste osservazioni con ciò che hanno visto in un gruppo di 16 pazienti che hanno ricevuto un trattamento standard prima dell’inizio del presente studio (tra il 10 e il 17 marzo). La maggior parte dei 16 pazienti ha manifestato aumenti persistenti o ricorrenti della proteina C-reattiva. La funzione respiratoria è migliorata per metà dei pazienti (8 pazienti, 50%) e il 56% (nove su 16) è sopravvissuto. Un paziente ha ricevuto ventilazione meccanica (6%).

Coronavirus: la sicurezza di anakinra

Gli autori giudicano l’anakinra ad alte dosi generalmente sicura. Tra gli effetti avversi, quattro pazienti (14%) nel gruppo ad alto dosaggio di anakinra hanno presentato una batteriemia, rispetto a due pazienti (13%) nel gruppo di trattamento standard. L’interruzione di anakinra non è stata seguita da recidive infiammatorie. Le cause di morte nei pazienti in trattamento con anakinra endovenosa ad alte dosi sono state tromboembolia polmonare, insufficienza respiratoria e insufficienza multiorgano. Le cause di morte nel gruppo di confronto sono state insufficienza respiratoria (3 pazienti), insufficienza multiorgano (3 pazienti) e tromboembolia polmonare (1 paziente).

Gli autori avvertono che la natura retrospettiva dello studio e il piccolo numero di pazienti nel gruppo rendono impossibile trarre conclusioni definitive. I risultati devono essere convalidati con una sperimentazione controllata, condotta per un periodo più lungo per verificare i risultati a lungo termine. È in corso uno studio randomizzato controllato di anakinra endovenoso per il trattamento di COVID-19, ma sta valutando dosi e non include pazienti con ARDS.

Coronavirus: il trattamento dei pazienti critici

“I pazienti nel nostro studio erano gravemente malati, avevano un’età media di 62 anni e condizioni di salute sottostanti, dando loro un alto rischio di morte per COVID-19. La somministrazione di anakinra endovenosa ad alte dosi in questi pazienti, che sono stati gestiti al di fuori delle terapie intensive, in un ambiente sopraffatto dalla pandemia di COVID-19 e con una carenza di risorse, sembravano attenuare l’infiammazione sistemica ed essere associata a un progressivo miglioramento della funzione respiratoria. Mentre finora una grande attenzione è stata focalizzata sul controllo virale, anche il controllo dell’infiammazione potrebbe essere cruciale per il trattamento di COVID-19. Questo trattamento sembra averci permesso di rimandare o evitare l’intubazione nella maggior parte dei pazienti. Sulla base dei nostri risultati promettenti, questo approccio può essere considerato indipendentemente dalla disponibilità delle risorse. Ancora una volta, i risultati dovranno essere confermati in studi controllati.” afferma Chiara Tassan Din, coautrice di questo studio, del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Ospedale San Raffaele.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 15 =