Nelle donne: troppe bevande zuccherate fanno aumentare il rischio per le malattie cardiovascolari

Bere una o più bevande zuccherate al giorno si associa per le donne a una probabilità maggiore quasi del 20% di sviluppare una malattia cardiovascolare. Sono questi in sintesi i risultati di un recente studio, pubblicato sul Journal of American Heart Association.

Nel vasto studio California Teacher’s Study, iniziato nel 1995 e ancora in corso, bere uno o più tipi di bevande zuccherate quotidianamente si associava a una probabilità del 26% superiore di aver bisogno di una procedura di rivascolarizzazione, come l’angioplastica, e un 21% di probabilità in più di avere un ictus, rispetto alle donne che raramente o mai hanno bevuto bevande zuccherate.

Le bevande zuccherate in questo studio sono state definite come bevande analcoliche caloriche, acque in bottiglia zuccherate o tè e bevande alla frutta con aggiunta di zucchero, non i succhi di frutta al 100%.

Le bevande zuccherate consumate dalle donne

C’erano anche differenze basate sul tipo di bevanda consumata dalle donne. Bere una o più bevande alla frutta con aggiunta di zucchero al giorno era associato con una probabilità maggiore del 42% di avere malattie cardiovascolari. Bere bevande analcoliche zuccherate era associato a un rischio più elevato del 23% di malattie cardiovascolari in generale, rispetto a quelli che raramente o mai bevevano bevande zuccherate.

Lo studio ha incluso oltre 106.000 donne, con un’età media di 52 anni, che non soffrivano di malattie cardiache, ictus o diabete nel momento in cui sono state arruolate nello studio.

Le donne hanno riferito quanto e cosa avevano bevuto tramite un questionario alimentare. I registri di ricovero ospedaliero a livello statale sono stati utilizzati per determinare se una donna aveva avuto un infarto, ictus o un intervento chirurgico di rivascolarizzazione. Le donne con il più alto consumo di bevande zuccherate erano tra l’altro più giovani, avevano più probabilità di essere attuali fumatrici e obese, e meno probabilità di mangiare cibi sani.

“Sebbene lo studio sia osservazionale e non dimostri causa ed effetto, ipotizziamo che lo zucchero possa aumentare il rischio di malattie cardiovascolari in diversi modi. Aumenta i livelli di glucosio e le concentrazioni di insulina nel sangue, che possono aumentare l’appetito e portare all’obesità, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”, ha detto l’autore principale dello studio Cheryl Anderson, professoressa e presidente ad interim di Famiglia e sanità pubblica, Università della California, San Diego, e presidente del Comitato nutrizionale dell’American Heart Association.

Zucchero nel sangue, stress ossidativo, infiammazione e resistenza all’insulina

“Inoltre, troppo zucchero nel sangue è associato a stress ossidativo e infiammazione, resistenza all’insulina, profili di colesterolo malsani e diabete di tipo 2, condizioni che sono fortemente legate allo sviluppo dell’aterosclerosi”, ha detto Anderson.

I punti di forza dello studio includevano la sua grande dimensione del campione, i lunghi tempi di follow-up e la raccolta di dati futuri sulle bevande zuccherate e le caratteristiche dello stile di vita. Inoltre, la capacità di collegarsi ogni anno ai ricoveri ospedalieri e ai registri delle procedure ha prodotto endpoint accurati.

I limiti dello studio includevano una sola misurazione dell’assunzione di bevande zuccherate. Lo studio non è stato inoltre in grado di valutare il consumo di bevande zuccherate artificialmente e/o bevande calde zuccherate.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =