Immagine del coronavirus

Coronavirus nei bambini e malattia di Kawasaki

Un gruppo di medici della provincia di Bergamo hanno descritto una serie di dieci casi di bambini piccoli con sintomi simili a una rara malattia infiammatoria, chiamata malattia di Kawasaki. Questa affezione si è manifestata dopo la comparsa della pandemia COVID-19 nella regione Lombardia e i dati sono stati presentati in un recente articolo apparso sulla rivista The Lancet.

Negli ultimi cinque anni in quella provincia erano stati diagnosticati solo 19 casi di malattia di Kawasaki. Tra il 18 febbraio e il 20 aprile 2020 i casi sono stati 10. Stando a questi dati vi sarebbe quindi un aumento di 30 volte del numero dei casi, sebbene i ricercatori avvertano che è difficile trarre conclusioni definitive con numeri così piccoli.

Coronavirus nei bambini: una malattia infiammatoria dei vasi sanguigni?

Otto dei 10 bambini portati in ospedale dopo il 18 febbraio 2020 sono risultati positivi al virus SARS-coronavirus-2 (SARS-CoV-2) in un test anticorpale. Tutti i bambini dello studio sono sopravvissuti, ma quelli che si sono ammalati durante la pandemia hanno mostrato sintomi più gravi di quelli diagnosticati nei cinque anni precedenti.

La malattia di Kawasaki è una condizione rara che colpisce in genere i bambini di età inferiore ai cinque anni. I sintomi tipici includono febbre ed eruzione cutanea, occhi rossi, labbra o bocca secche o screpolate, arrossamento sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi e ghiandole gonfie. In genere, circa un quarto dei bambini affetti presenta complicazioni cardiache, ma la condizione è raramente fatale se trattata in modo appropriato in ospedale. Non è noto cosa scateni la malattia, ma si ritiene che si base su una reazione immunitaria anormale in risposta a un’infezione.

Il dott. Lucio Verdoni, autore del rapporto, dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ha dichiarato: “Abbiamo notato un aumento del numero di bambini inviati al nostro ospedale con una condizione infiammatoria simile alla malattia di Kawasaki nel periodo in cui la SARS, l’epidemia di CoV-2, stava prendendo piede nella nostra regione. Sebbene questa complicazione rimanga molto rara, il nostro studio fornisce ulteriori prove su come il virus possa influenzare i bambini. I genitori dovrebbero consultare immediatamente un medico se il loro bambino non sta bene. La maggior parte dei bambini si riprenderà completamente se ricevono cure ospedaliere adeguate.”

Malattia di Kawasaki: le caratteristiche prima e dopo la pandemia

Gli autori dello studio hanno effettuato una revisione retrospettiva delle note dei pazienti di tutti i 29 bambini ammessi alla loro unità pediatrica con sintomi della malattia di Kawasaki dal 1 ° gennaio 2015 al 20 aprile 2020.

Prima dell’epidemia di COVID-19, ogni tre mesi l’ospedale curava un caso di malattia di Kawasaki. Tra il 18 febbraio e il 20 aprile 2020, i bambini trattati per i sintomi della malattia sono stati 10. L’aumento non è stato spiegato da un aumento dei ricoveri ospedalieri, in quanto il numero di pazienti ricoverati durante quel periodo di tempo era di sei volte inferiore rispetto a prima che il virus fosse stato segnalato nell’area.

I bambini che presentavano sintomi ospedalieri dopo il 18 febbraio 2020 erano in media più anziani (età media 7,5 anni) rispetto al gruppo diagnosticato nei cinque anni precedenti (età media 3 anni). Sembravano inoltre manifestare sintomi più gravi rispetto ai casi passati, con oltre la metà (60%, 6/10 casi) con complicanze cardiache, rispetto al solo 10% di quelli trattati prima della pandemia (2/19 casi).

La metà dei bambini (5/10) presentava segni di sindrome da shock tossico, mentre nessuno dei bambini trattati prima del febbraio 2020 aveva questa complicazione. Tutti i pazienti prima e dopo la pandemia hanno ricevuto un trattamento con immunoglobuline, ma l’80% dei bambini durante l’epidemia (8/10) ha richiesto un trattamento aggiuntivo con steroidi, rispetto al 16% di quelli del gruppo storico (4/19).

Due dei pazienti trattati dopo il 18 febbraio 2020 (2/10) sono risultati negativi per SARS-CoV-2 su un test anticorpale. I ricercatori affermano che il test utilizzato non è accurato al 100% (sensibilità del 95% e specificità dell’85-90%), suggerendo che questi potrebbero essere risultati falsi negativi. Inoltre, uno dei pazienti era stato recentemente trattato con un’alta dose di immunoglobulina, un trattamento standard per la malattia di Kawasaki, che avrebbe potuto mascherare eventuali anticorpi contro il virus.

Una condizione simile alla malattia di Kawasaki

Nel loro insieme, gli autori affermano che i loro risultati rappresentano un’associazione tra un focolaio di virus SARS-CoV-2 e una condizione infiammatoria simile alla malattia di Kawasaki nella provincia di Bergamo. I ricercatori affermano che i casi correlati a COVID dovrebbero essere classificati come “malattia di Kawasaki”, poiché i sintomi erano diversi e più gravi nei pazienti trattati dopo marzo 2020. Tuttavia, avvertono che la loro segnalazione si basa solo su un numero limitato di casi e saranno necessari studi più ampi per confermare l’associazione. Avvertono anche che altri paesi colpiti dalla pandemia di COVID-19 potrebbero aspettarsi un aumento simile in casi simili alla malattia di Kawasaki.

Il Dr. Lorenzo D’Antiga, autore principale dello studio dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, in Italia, ha dichiarato: “Stiamo iniziando a vedere casi clinici di bambini che presentano in ospedale con segni di malattia di Kawasaki in altre aree colpite duramente dal COVID -19, incluso New York e Inghilterra sud-orientale. Il nostro studio fornisce la prima chiara evidenza di un legame tra infezione da SARS-CoV-2 e questa condizione infiammatoria e speriamo che possa aiutare i medici di tutto il mondo mentre provano a fare i conti con questo virus sconosciuto.”

La dott.ssa Annalisa Gervasoni, un’altra autrice dello studio e specialista pediatrica presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ha dichiarato: “Nella nostra esperienza, solo una percentuale molto piccola di bambini infetti da SARS-CoV-2 sviluppa sintomi della malattia di Kawasaki. Tuttavia, è importante comprendere le conseguenze del virus nei bambini, in particolare quando i paesi di tutto il mondo si confrontano con piani per iniziare ad attenuare le politiche di allontanamento sociale”.

Il coronavirus nei bambini e la risposta immunitaria nel corso della malattia

Scrivendo in un commento collegato, il professor Russell Viner, presidente del Royal College of Pediatrics and Child Health e professore di Adolescent Health, UCL Great Ormond Street Institute of Child Health, UK, ha dichiarato: “ Sebbene l’articolo suggerisca una possibile sindrome infiammatoria emergente associata a COVID-19, è fondamentale ribadire, sia per i genitori che per gli operatori sanitari, che in generale i bambini rimangono minimamente colpiti dall’infezione SARS-CoV-2.

La comprensione di questo fenomeno infiammatorio nei bambini potrebbe fornire informazioni vitali sulle risposte immunitarie alla SARS-CoV-2 e sui possibili correlati di protezione immunitaria che potrebbero avere rilevanza sia per gli adulti che per i bambini. In particolare, se si tratta di un fenomeno mediato da anticorpi, potrebbero esserci implicazioni per gli studi sui vaccini e potrebbe anche spiegare perché alcuni bambini si ammalano gravemente di COVID-19, mentre la maggioranza non è affetta o è asintomatica”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 16 =