Home Cardiologia Ridurre il colesterolo: evolocumab associato alla statina non induce disturbi cognitivi

Ridurre il colesterolo: evolocumab associato alla statina non induce disturbi cognitivi

17
0

I pazienti con malattie cardiache che assumono evolocumab in aggiunta a una statina, per raggiungere livelli estremamente bassi di colesterolo, non mostrano un’aumentata incidenza di disturbi neurocognitivi, inclusa perdita di memoria o riduzione delle funzioni esecutive (abilità mentali). Allo stesso tempo hanno evidenziato una diminuzione delle recidive cardiovascolari di eventi critici, come ictus e infarto miocardico. Sono questi in sintesi i risultati di uno studio, pubblicato nelle scorse settimane sul Journal of American College of Cardiology, che ha esaminato la funzione cognitiva dell’intera coorte FOURIER a due anni.

Ridurre il colesterolo: statine e inibitori del PCSK9

Le statine vengono utilizzate per ridurre il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) e prevenire malattie cardiache e ictus. Tuttavia, alcuni pazienti ad alto rischio devono assumere inibitori del PCSK9 in combinazione con una statina, alla massima dose tollerata, o altre terapie per abbassare i lipidi e ridurre ulteriormente il loro LDL-C.

Mentre ricerche precedenti hanno dimostrato che i pazienti con malattie cardiache non hanno effetti avversi neurocognitivi durante l’assunzione di inibitori del PCSK9 associato ad una statina per il trattamento, fino ad ora non era mai stato condotto uno studio su larga scala per studiare l’impatto dell’uso di evolocumab e statina sulla cognizione riportata dal paziente.

I ricercatori di questo studio hanno esaminato i risultati dello studio sulla cognizione quotidiana autoportati da 22.655 pazienti arruolati nello studio originale FOURIER, che è stato completato dopo una durata media di 2,2 anni.

Ridurre il colesterolo: nessun declino cognitivo assumendo evolocumab

La percentuale di pazienti che hanno riportato un declino cognitivo alla fine dello studio era simile per quelli trattati con placebo e quelli che assumevano evolocumab, sia per il punteggio totale 3,6% vs. 3,7%, rispettivamente, sia per i sottodomini (memoria 5,8% vs. 6% e totale funzione esecutiva 3,6% vs. 3,7%, rispettivamente). La percentuale che riportava un declino cognitivo era simile nei pazienti che avevano raggiunto livelli molto bassi di LDL-C (<20 mg / dL) rispetto a quelli con LDL-C ≥100 mg / dL, con punteggi rispettivamente di 3,8% vs 4,5%.

“Questi dati confermano la sicurezza neurocognitiva della riduzione intensiva di LDL-C con evolocumab, riducendo contemporaneamente gli eventi cardiovascolari ricorrenti in pazienti ad alto rischio e suggeriscono che livelli molto bassi di LDL-C raggiunti possono essere ottenuti in sicurezza nei pazienti ad alto rischio”, ha detto Robert P. Giugliano, autore dello studio e ricercatore senior del gruppo di studio TIMI a Brigham, Women’s Hospital e professore di medicina alla Harvard Medical School di Boston.

I risultati riportati dai pazienti in questo studio condotto in oltre 22.000 pazienti si basano sui risultati dello studio EBBINGHAUS, che ha dimostrato come l’evolocumab aggiunto alle statine non ha influenzato le prestazioni cognitive. In questa ricerca era stata utilizzata una batteria validata di test neurocognitivi, eseguiti in serie in un sottogruppo di 1.204 pazienti arruolati nel trial FOURIER.

Farmaci per ridurre il colesterolo alla prova: il FOURIER Trial

Il FOURIER Trial è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che ha coinvolto pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica e livelli di LDL-C ≥70 mg / dL nonostante le statine. Alla visita finale, i pazienti hanno completato un sondaggio di 23 passi sulla memoria e sui domini esecutivi dalla scala della cognizione quotidiana.

“Non è chiaro se questa aspettativa di sicurezza possa essere estrapolata a periodi superiori a tre anni o ai pazienti di età superiore ai 75 anni, con rischio cardiovascolare molto elevato o con una storia di ictus ischemico o emorragico”, ha detto Jennifer G. Robinson, professore di epidemiologia e medicina all’Università dello Iowa, in un editoriale di accompagnamento. “Un profilo di sicurezza alterato può influenzare il potenziale per una riduzione del rischio cardiovascolare netto derivante dall’aggiunta di inibitori del PCSK9. Sono necessari un follow-up più lungo e popolazioni di sperimentazione più diversificate.”

 

 

Articolo precedenteCoronavirus: gli anticorpi sviluppati dopo la SARS sono efficaci anche contro SARS-CoV-2
Articolo successivoProdurre farmaci antitumorali più efficaci per cure di precisione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

sedici + tredici =