I farmaci per l’ipertensione aiutano anche le persone anziane e fragili a vivere più a lungo

Secondo un ampio studio che ha riguardato il nord Italia, e pubblicato sulla rivista Hypertension, l’assunzione di farmaci per l’ipertensione arteriosa,  regolarmente, secondo prescrizione medica, aiuta anche le persone anziane più fragili a vivere più a lungo. Non solo, anche le persone anziane più sane hanno ottenuto benefici in termini di sopravvivenza.

“Sapevamo che i farmaci per l’ipertensione arteriosa erano protettivi in ​​generale per le persone anziane, tuttavia, ci siamo concentrati sul fatto che fossero anche protettivi nei pazienti fragili con molte altre condizioni mediche, che di solito sono esclusi dagli studi randomizzati”, ha detto Giuseppe Mancia, autore leader dello studio e professore emerito presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca a Milano, Italia.

I farmaci per l’ipertensione nelle persone anziane: i dati di quasi 1,3 milioni di persone

I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 1,3 milioni di persone di età pari o superiore a 65 anni (età media 76 anni) residenti nella regione Lombardia che avevano ricevuto la prescrizione per tre o più farmaci per l’ipertensione arteriosa nel periodo 2011-2012.

Esaminando il database dell’assistenza sanitaria pubblica, i ricercatori hanno calcolato la percentuale di tempo nei sette anni successivi (o fino alla morte) in cui ogni persona ha continuato a ricevere i farmaci. Poiché quasi tutti i farmaci sono gratuiti, o comunque a basso costo, ed erogati dal servizio sanitario pubblico, ciò corrisponde all’incirca all’adesione delle persone all’uso del farmaco in Italia.

Per esaminare separatamente i risultati tra le persone anziane con varie condizioni mediche, i ricercatori hanno utilizzato un punteggio precedentemente sviluppato che rappresenta 34 diversi fattori di salute e ha una stretta relazione con la mortalità.

I ricercatori hanno confrontato circa 255.000 persone che sono morte durante il follow-up di 7 anni con dei soggetti di controllo sopravvissuti abbinati per età, genere e stato di salute. Sono stati quindi creati quattro gruppi di soggetti, in base allo stato di salute: buono, medio, povero o molto povero.

I farmaci per l’ipertensione nelle persone anziane: una mortalità inferiore

La probabilità di morte nell’arco di 7 anni era del 16% per le persone valutate come in buona salute all’inizio dello studio. La probabilità di mortalità è aumentata progressivamente al 64% per quelli valutati in cattive condizioni di salute.

Rispetto alle persone con bassissima aderenza ai farmaci per l’ipertensione arteriosa (le pillole dispensate coprivano meno del 25% del periodo di tempo), le persone con elevata aderenza a questi farmaci (oltre il 75% del periodo coperto) avevano il 44% in meno di probabilità di morire se inizialmente avevano una buona salute. Inoltre, hanno evidenziato una probabilità del 33% in meno di morire se all’inizio erano state classificate come in pessime condizioni di salute.

Un modello simile è stato visto nei riguardi dei decessi per cause cardiovascolari. Il più grande beneficio di sopravvivenza è stato rilevato tra le persone che all’inizio si presentavano in buona salute, il più modesto tra coloro che erano in cattive condizioni di salute.

I farmaci per l’ipertensione nelle persone anziane: incoraggiare i pazienti a prendere i loro farmaci

“I nostri risultati suggeriscono che anche nelle persone molto fragili, il trattamento antiipertensivo riduce il rischio di morte; tuttavia, i benefici potrebbero essere inferiori in questo gruppo”, ha detto Mancia.

Indipendentemente dallo stato di salute iniziale di una persona, i benefici di sopravvivenza sono stati maggiori in coloro che hanno ricevuto farmaci per la pressione sanguigna con una copertura per più del 75% del periodo di follow-up, rispetto a quelli con livelli intermedi (25-75%) o bassi (meno di 25%). Questo rilievo sottolinea l’importanza di un uso coerente dei farmaci per la pressione sanguigna.

“Fai del tuo meglio per incoraggiare e supportare i pazienti a prendere i loro farmaci, perché l’adesione è fondamentale per ottenere i benefici. I farmaci non fanno nulla se le persone non li assumono”, ha detto Mancia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 7 =