Immagine del coronavirus

Il vaccino per COVID-19: risultati promettenti dal Regno Unito

Risultati promettenti emergono nella fase iniziale di uno studio clinico di fase 1/2 condotto su un vaccino contro il virus SARS-CoV-2, per prevenire l malattia COVID-19. La ricerca, condotta nel Regno Unito, è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet.

Lo studio, pur ancora in fase iniziale, rileva che il vaccino è sicuro, causa pochi effetti collaterali e induce forti risposte immunitarie in entrambe le parti del sistema immunitario – provocando una risposta delle cellule T entro 14 giorni dalla vaccinazione e una risposta anticorpale in 28 giorni.

Un vaccino ideale contro la SARS-CoV-2 dovrebbe essere efficace dopo una o due vaccinazioni, agire su popolazioni target, compresi gli anziani e i pazienti con altre comorbilità, conferire protezione per almeno sei mesi e ridurre la trasmissione del virus ai contatti. L’attuale studio è troppo preliminare per confermare se il nuovo vaccino soddisfa questi requisiti, ma gli studi di fase 2 (solo nel Regno Unito) e di fase 3, per confermare se protegge efficacemente dall’infezione da SARS-CoV-2, lo verificheranno nel Regno Unito, in Brasile e Sud Africa.

Il vaccino per COVID-19: la proteina spike di SARS-CoV-2

Spiegando come funziona il vaccino, l’autore principale dello studio, il professor Andrew Pollard, dell’Università di Oxford, afferma: “Il nuovo vaccino è basato sul vettore virale di adenovirus da scimpanzè (ChAdOx1) che esprime la proteina spike di SARS-CoV-2. Utilizza un comune virus del raffreddore (adenovirus) che infetta gli scimpanzé, che è stato indebolito in modo che non possa causare alcuna malattia nell’uomo, ed è geneticamente modificato per codificare la proteina di picco del virus SARS-CoV-2 umano. Ciò significa che quando l’adenovirus entra nelle cellule delle persone vaccinate, fornisce anche il codice genetico delle proteine ​​del picco. Questo insegna al sistema immunitario a riconoscere il virus SARS-CoV-2″.

Continua: “Il sistema immunitario ha due modi per trovare e attaccare i patogeni: le risposte anticorpali e delle cellule T. Questo vaccino ha lo scopo di indurre entrambi, quindi può attaccare il virus quando circola nel corpo e attaccare le cellule infette. Speriamo che questo significhi che il sistema immunitario ricorderà il virus, in modo che il nostro vaccino protegga le persone per un lungo periodo. Tuttavia, abbiamo bisogno di ulteriori ricerche prima di poter confermare che il vaccino protegge efficacemente dall’infezione SARS-CoV-2 e per quanto tempo dura una protezione.”

Il vaccino per COVID-19: lo studio

Il nuovo studio comprendeva 1.077 adulti sani di età compresa tra 18 e 55 anni senza storia di COVID-19 e si è svolto in cinque ospedali del Regno Unito tra il 23 aprile e il 21 maggio 2020. I dati inclusi nel documento hanno riguardato i primi 56 giorni dello studio.

I partecipanti hanno ricevuto il nuovo vaccino COVID-19 (543 persone) o il vaccino meningococcico coniugato (534 persone). Tra di loro, 113 partecipanti (56 a cui è stato somministrato il vaccino COVID e 57 nel gruppo di controllo) sono stati invitati a prendere paracetamolo prima e per 24 ore dopo la vaccinazione, per contribuire a ridurre le reazioni associate al vaccino. Questo accorgimento si è reso necessario poiché il vaccino è stato somministrato ad alte dosi, per aiutare a indurre una forte risposta immunitaria.

Tutti i partecipanti hanno fornito campioni di sangue e sono stati sottoposti a valutazioni cliniche per determinare se il vaccino era sicuro e se provocava una risposta immunitaria. Ai partecipanti è stato anche chiesto di registrare eventuali eventi avversi durante il periodo di prova.

Il vaccino per COVID-19: quattro gruppi di trattamento

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi. Il gruppo 1 (88 persone) ha avuto un ulteriore monitoraggio della sicurezza per formare la fase 1 della sperimentazione e sono state valutate le risposte degli anticorpi e delle cellule T. Al gruppo 2 (412 persone) è stato prelevato più sangue per valutare la risposta anticorpale e delle cellule T e al gruppo 4 (567 persone) è stato prelevato siero per valutare solo la risposta anticorpale. Nei gruppi 1, 2 e 4, la metà dei partecipanti ha ricevuto il vaccino COVID-19 e la metà ha ricevuto il vaccino di controllo. Il gruppo 3 (10 persone) ha ricevuto solo il vaccino COVID-19 e gli è stata somministrata una dose aggiuntiva di vaccino 28 giorni dopo la prima dose per determinare la sicurezza e se questo aumentava le risposte degli anticorpi e delle cellule T.

È stato riscontrato che il vaccino ha un profilo di sicurezza accettabile e non si sono verificati eventi avversi gravi. Affaticamento e mal di testa sono state le reazioni più comunemente riportate (circa il 70% di tutti i partecipanti trattati con il vaccino COVID-19 ha riportato solo affaticamento e il 68% ha riferito mal di testa, rispetto a circa il 48% e il 41%, rispettivamente, dei partecipanti al gruppo di controllo senza paracetamolo). Altri effetti indesiderati comuni includevano dolore nel sito di iniezione, dolore muscolare, malessere, brividi, sensazione di febbre e febbre alta.

Il vaccino per COVID-19: la risposta di cellule T e anticorpi

I partecipanti che assumevano paracetamolo durante la vaccinazione avevano dolore, brividi, febbre, dolore muscolare, mal di testa e malessere ridotti nei due giorni successivi alla vaccinazione. Inoltre, nelle 10 persone che hanno ricevuto la dose extra del vaccino COVID-19, gli effetti collaterali erano meno comuni dopo la seconda dose.

Gli autori hanno scoperto che il vaccino evocava forti risposte anticorpali e dei linfociti T. Le risposte delle cellule T rivolte alla proteina spike SARS-CoV-2 sono state marcatamente aumentate (nei 43 partecipanti studiati), raggiungendo un picco a 14 giorni dopo la vaccinazione (mediana di 856 cellule spot-forming per milione di cellule mononucleate del sangue periferico), con un leggero calo dopo 56 giorni (mediana di 424 cellule spot-forming per milione di cellule mononucleate di sangue periferico). La risposta delle cellule T non è aumentata con una seconda dose del vaccino, fatto coerente con altri vaccini di questo tipo.

Le risposte anticorpali hanno raggiunto il picco al 28° giorno (mediana di 157 unità ELISA – studiate in 127 partecipanti) e sono rimaste elevate fino alla misurazione del giorno 56 dello studio (mediana 119 unità ELISA – studiate in 43 partecipanti) per quelli a cui era stato somministrato un singolo vaccino. Questa risposta è stata potenziata da una seconda dose (mediana 639 unità ELISA al giorno 56 in questi 10 partecipanti).

Il vaccino per COVID-19: risultati promettenti

Ventotto giorni dopo la vaccinazione, sono state rilevate risposte anticorpali neutralizzanti contro SARS-CoV-2 in 32 su 35 partecipanti (91%) e in 35 su 35 partecipanti che hanno ricevuto una singola dose del vaccino COVID-19. Queste risposte erano presenti in tutti i partecipanti che avevano ricevuto una dose di richiamo del vaccino.

Gli autori hanno scoperto che l’assunzione di paracetamolo non ha influenzato l’immunogenicità del vaccino COVID-19.

La coautrice, professoressa Sarah Gilbert, Università di Oxford, afferma: “C’è ancora molto lavoro da fare prima di poter confermare se il nostro vaccino aiuterà a gestire la pandemia di COVID-19, ma questi primi risultati sono promettenti. Oltre a continuare a testare il nostro vaccino negli studi di fase 3, dobbiamo saperne di più sul virus – ad esempio, non sappiamo ancora quanto sia forte una risposta immunitaria che dobbiamo provocare per proteggere efficacemente dall’infezione da SARS-CoV-2. Se il nostro vaccino è efficace, è un’opzione promettente in quanto questi tipi di vaccino possono essere prodotti su larga scala. Un vaccino di successo contro la SARS-CoV-2 potrebbe essere usato per prevenire l’infezione, le malattie e la morte in tutta la popolazione, con le popolazioni ad alto rischio come gli operatori ospedalieri e gli anziani che hanno la priorità di ricevere la vaccinazione.”

Il vaccino per COVID-19: alcune limitazioni

Gli autori rilevano alcune limitazioni, tra cui la necessità di ulteriori ricerche per confermare i loro risultati in diversi gruppi di persone – compresi gruppi di età più avanzata, quelli con altre condizioni di salute e in popolazioni etnicamente e geograficamente diverse. Gli autori osservano che questi gruppi sono stati reclutati nelle loro prove in corso di fase 2 e 3 sul vaccino nel Regno Unito, in Brasile e in Sudafrica. Nel presente studio, il 91% dei partecipanti era bianco e l’età media dei partecipanti era di 35 anni.

Notano anche che un piccolo numero di partecipanti aveva anticorpi neutralizzanti rilevabili e risposte delle cellule T contro la proteina di picco SARS-CoV-2 prima della vaccinazione, probabilmente dovuti a infezione asintomatica passata, e sono stati esclusi dallo studio.

Gli autori affermano che i partecipanti reclutati in questo studio saranno seguiti per almeno un anno per continuare a studiare la sicurezza del vaccino e la risposta immunitaria che provoca.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 1 =