I FANS fanno aumentare eventi cardiovascolari e sanguinamenti dopo infarto

Uno studio nazionale sudcoreano ha evidenziato come l’uso di FANS per il trattamento di pazienti al primo episodio di infarto miocardico ha fatto aumentare significativamente il rischio di eventi cardiovascolari e sanguinamenti post evento.

La ricerca è stata pubblicata nei giorni scorsi sul Journal of the American College of Cardiology,

Le attuali linee guida scoraggiano l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) nei pazienti con malattia cardiovascolare accertata. Questo aspetto è stato ben chiarito nelle popolazioni occidentali. Al contrario però non ci sono dati disponibili sul livello di rischio cardiovascolare e di sanguinamento, legati al trattamento con FANS, in una popolazione a livello globale di pazienti con infarto.

FANS, eventi cardiovascolari e sanguinamenti: uno studio sudcoreano

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio basato sulla popolazione che ha studiato il rischio cardiovascolare e di sanguinamento associato al trattamento concomitante con FANS, in una popolazione non occidentale con infarto miocardico”, ha affermato Cheol Ung Choi, del centro cardiovascolare del Korea University Guro Hospital, Korea University College of Medicine e l’autore principale dello studio. “Il nostro studio aggiunge un valore importante alle prove attualmente disponibili per il trattamento concomitante dei FANS dopo infarto, costituendo prove globali che comprendono diversi gruppi di popolazione”.

I ricercatori hanno utilizzato i dati raccolti dal National Health Insurance Service (NHIS) e dal Korean Health Insurance Review and Assessment Service (HIRA), due organizzazioni nazionali che convalidano i servizi di assistenza sanitaria e i costi medici in Corea del Sud. Hanno così avuto accesso a informazioni mediche dettagliate del 98% della popolazione coreana, inclusa la diagnosi, il trattamento e le prescrizioni fatte al paziente.

FANS, eventi cardiovascolari e sanguinamenti: un rischio elevato

Lo studio ha arruolato 108.232 pazienti ricoverati per la prima volta per un infarto miocardico tra il 2009 e il 2013, con un periodo di follow-up di 2,3 anni. L’età media era di 64,2 anni e il 72,1% erano uomini. I ricercatori hanno monitorato le prescrizioni dei farmaci antitrombotici (tra cui aspirina, clopidogrel e antagonista orale della vitamina K) e FANS (inclusi naprossene, ibuprofene, diclofenac, celecoxib, meloxicam e altro). Tra i farmaci antitrombotici, la doppia terapia antipiastrinica con aspirina e clopidogrel è stata la più frequentemente prescritta, all’87,9% della popolazione studiata. Diclofenac è ​​stato il FANS più frequentemente prescritto in pazienti con successivi esiti cardiovascolari o sanguinamenti, rispettivamente 71,8% e 68,9%.

Il rischio cardiovascolare ed emorragico è aumentato entro sette giorni dopo che i pazienti hanno iniziato il trattamento con FANS. Un evento cardiovascolare primario (incluso infarto, ictus o trombosi) si è sviluppato nel 26,2% dei pazienti ai quali sono stati prescritti FANS. Tra i sottotipi di FANS, celecoxib e meloxicam hanno mostrato il rischio più basso di eventi cardiovascolari, con tendenze simili nel sottogruppo che assumeva una doppia terapia antipiastrinica. Eventi di sanguinamento secondari si sono sviluppati nel 23,4% dei pazienti. Riguardo gli eventi cardiovascolari, celecoxib, meloxicam e doppia terapia antipiastrinica hanno mostrato il rischio più basso di eventi emorragici.

FANS, eventi cardiovascolari e sanguinamenti: celecoxib e meloxicam come alternativa possibile

Secondo i ricercatori, il trattamento con FANS dovrebbe essere limitato il più possibile dopo un infarto, tuttavia i dati suggeriscono che celecoxib e meloxicam potrebbero essere considerati una possibile scelta alternativa, in pazienti in cui la prescrizione di FANS è inevitabile. Lo studio ha dimostrato che il rischio cardiovascolare è aumentato in modo significativo quando ai pazienti sono stati prescritti naprossene o ibuprofene.

Lo studio presentava diverse limitazioni, tra cui la mancanza di dati disponibili per i FANS da banco. I ricercatori non sono stati in grado di valutare gli esiti della mortalità poiché il database HIRA non includeva informazioni sul certificato di morte. Infine, i ricercatori raccomandano di convalidare i risultati attuali in paesi vicini, tra cui Giappone e Taiwan, per esaminare i risultati in popolazioni etniche simili.

“L’espansione dei problemi di sicurezza del FANS in una diversa etnia è della massima importanza, dato che la maggior parte dei dati sul FANS sono stati estratti da popolazioni occidentali, ma il rischio di sanguinamento post-infarto miocardico varia in base all’etnia”, ha affermato Juan J. Badimon, professore di cardiologia presso la Icahn School of Medicine at Mount Sinai, in un commento editoriale di accompagnamento. “Questo studio consente di generalizzare gli eventi avversi del FANS per tutti i pazienti, costituendo prove globali che abbracciano diversi gruppi di popolazione”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =