Home Cardiologia Diabete: nuovi farmaci per ridurre la glicemia… e il rischio cardiovascolare

Diabete: nuovi farmaci per ridurre la glicemia… e il rischio cardiovascolare

24
0
Human Chest Cavity illustration: Right lung, left lung, heart copyright American Heart Association

L’American College of Cardiology ha pubblicato un percorso decisionale di consenso (Expert consensus decision pathway – ECDP) per guidare gli specialisti cardiovascolari nell’avvio e nel monitoraggio dei farmaci per il diabete con l’obiettivo esplicito di ridurre il rischio cardiovascolare. Il documento è stato pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of the American College of Cardiology.

Diabete e rischio cardiovascolare: SGLT2 e GLP-1RA

Nonostante i grandi progressi terapeutici che portano a risultati migliori, le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di morbilità e mortalità nei pazienti con diabete di tipo 2. In precedenza, gli specialisti cardiovascolari si sono concentrati sull’incoraggiamento all’esercizio fisico, sulla cessazione del fumo e sulla riduzione del colesterolo e della pressione sanguigna, nonché sul miglioramento di altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Mentre il controllo della glicemia è stato importante per ridurre al minimo le complicazioni del diabete a livello oculare e renale, ha avuto un impatto minore sull’infarto e sull’ictus. Tuttavia, negli ultimi anni, due classi di farmaci inizialmente approvati per i loro effetti sulla glicemia hanno dimostrato di avere effetti importanti su infarto, ictus, insufficienza cardiaca, malattie renali diabetiche e morte per cause cardiovascolari. Questi nuovi farmaci sono chiamati inibitori del cotrasportatore 2 sodio-glucosio (SGLT2i) e agonisti del recettore peptide 1 simile al glucagone (GLP-1RA).

A causa degli importanti benefici di queste nuove classi di farmaci sugli esiti cardiovascolari su cui si concentrano i cardiologi – come infarto, ictus, insufficienza cardiaca e morte cardiovascolare – questa nuova guida dell’ACC incoraggia i cardiologi a considerarli come parte del loro armamentario per prevenire le malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete.

Diabete e rischio cardiovascolare: oltre il controllo della glicemia

“È in corso un importante cambiamento di paradigma nella cura dei pazienti con diabete e malattie cardiovascolari”, ha affermato Sandeep R. Das, copresidente del comitato di scrittura per questo percorso decisionale di consenso. “I pazienti e i medici possono ora scegliere tra una serie di farmaci che hanno importanti benefici comprovati sugli esiti cardiovascolari e renali, oltre ai loro effetti sulla glicemia”.

Questo ECDP aggiorna il percorso decisionale del 2018 sulle nuove terapie per la riduzione del rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia cardiovascolare aterosclerotica. Le novità introdotte si basano sui dati di studi emergenti e intendono integrare le linee guida stabilite per la modifica dei fattori di rischio. Questo nuovo ECDP si propone per un’applicazione nel contesto delle linee guida sulla cura del diabete.

“I cardiologi svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 2”, ha affermato Brendan M. Everett, copresidente del comitato di scrittura per questo percorso decisionale di consenso. “Dovremmo considerare questi nuovi farmaci come strumenti importanti per ridurre la morbilità e la mortalità cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2. Possiamo collaborare con i nostri pazienti e altri membri del gruppo di assistenza per decidere se il paziente trarrebbe beneficio da queste terapie e iniziare questi farmaci, se è il caso.”

 

 

Articolo precedenteUn enorme pennacchio di sabbia sahariana invade l’Oceano Atlantico (VIDEO)
Articolo successivoGli inibitori SGLT-2 e il rischio di chetoacidosi diabetica
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

15 − cinque =