Chi ha un reddito elevato ha maggiori probabilità di sviluppare un’ipertensione arteriosa

I lavoratori con redditi più alti hanno maggiori probabilità di sviluppare un’ipertensione arteriosa. È quanto prospetta un recente studio, presentato all’84a riunione scientifica annuale della Japanese Circulation Society.

“Gli uomini con redditi più elevati devono migliorare il loro stile di vita per prevenire la pressione alta”, ha affermato l’autore dello studio, il dott. Shingo Yanagiya della Hokkaido University Graduate School of Medicine, di Sapporo, in Giappone. “I passaggi includono mangiare in modo sano, esercitare e controllare il peso. L’alcool dovrebbe essere mantenuto a livelli moderati ed evitare gli eccessi.”

Reddito e ipertensione arteriosa: quattro gruppi in base al reddito

Più di un miliardo di persone sono ipertese in tutto il mondo. È affetto circa il 30-45% degli adulti, salendo a oltre il 60% delle persone di età superiore ai 60 anni. L’ipertensione arteriosa è la principale causa globale di morte prematura, con circa 10 milioni di decessi nel 2015. Di questi, 4,9 milioni erano dovuti a cardiopatia ischemica e 3,5 milioni a ictus.

Il solo Giappone ha più di 10 milioni di persone con ipertensione e il numero continua ad aumentare. Il dottor Yanagiya ha dichiarato: “L’ipertensione è una malattia legata allo stile di vita. Come medico, vedendo questi pazienti, volevo sapere se il rischio varia a seconda della classe socioeconomica, per aiutarci a concentrare i nostri sforzi di prevenzione”.

Questa analisi dello studio J-HOPE3 ha esaminato la relazione tra reddito familiare e ipertensione nei dipendenti giapponesi. Nel 2012 sono stati arruolati 4.314 dipendenti (3.153 uomini e 1.161 donne) con lavoro diurno e normale pressione sanguigna, impegnati in 12 posti di lavoro.

I lavoratori sono stati divisi in quattro gruppi in base al reddito familiare annuo: meno di 5 milioni, da 5 a 7,9 milioni, da 8 a 9,9 milioni e 10 milioni o più di yen giapponesi all’anno. I ricercatori hanno studiato l’associazione tra reddito e sviluppo di ipertensione per un periodo di due anni.

Reddito e ipertensione arteriosa: uomini, ma non le donne

Rispetto agli uomini nella categoria di reddito più basso, gli uomini nel gruppo con il reddito più alto avevano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare ipertensione. Gli uomini nei gruppi da 5 a 7,9 milioni e da 8 a 9,9 milioni avevano un rischio maggiore del 50% di sviluppare ipertensione rispetto agli uomini con i redditi più bassi, sebbene l’associazione positiva non abbia raggiunto una significatività statistica nel gruppo da 8 a 9,9 milioni.

I risultati erano coerenti indipendentemente dall’età ed erano indipendenti dalla pressione arteriosa basale, dal luogo di lavoro, dall’occupazione, dal numero di membri della famiglia e dal fumo. Le relazioni si sono leggermente indebolite dopo aver tenuto conto del consumo di alcol e dell’indice di massa corporea, entrambi più alti per gli uomini nei gruppi a più alto reddito.

Nelle donne, non vi era alcun legame significativo tra reddito e pressione arteriosa. Tuttavia, le donne con un reddito familiare più elevato tendevano ad avere un rischio più basso di sviluppare la pressione alta.

Reddito e ipertensione arteriosa: alto consumo di sale in Giappone

“Alcuni precedenti sondaggi giapponesi hanno riferito che un reddito familiare più elevato è associato a stili di vita più indesiderabili negli uomini, ma non nelle donne”, ha affermato il dott. Yanagiya. “Il nostro studio sostiene questo: uomini, ma non donne, con redditi familiari più elevati avevano maggiori probabilità di essere obesi e bere alcolici ogni giorno. Entrambi i comportamenti sono i principali fattori di rischio per l’ipertensione.”

Ha concluso: “Gli uomini con lavori diurni ben pagati sono particolarmente a rischio di ipertensione. Questo vale per gli uomini di tutte le età, che possono ridurre notevolmente le possibilità di infarto o ictus migliorando i loro comportamenti”.

Il dottor Yusuke Yoshikawa, coordinatore delle relazioni pubbliche per JCS 2020, ha dichiarato: “L’ipertensione è uno dei fattori di rischio più importanti delle malattie cardiovascolari in Giappone, poiché l’assunzione giornaliera media di sale in Giappone (circa 10 g/giorno) è molto più alta di desiderato. Poiché le attuali linee guida raccomandano fortemente uno stile di vita sano per controllare la pressione alta, questo studio suggerisce una potenziale chiave per un intervento efficace per coloro che sono a rischio di malattie cardiache e ictus.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 8 =