Home Cardiologia Dal congresso ESC 2020: la colchicina riduce gli eventi cardiovascolari nei pazienti...

Dal congresso ESC 2020: la colchicina riduce gli eventi cardiovascolari nei pazienti con coronaropatia

30
0
La placca aterosclerotica. Manu5/wikimedia commons

Secondo i risultati dello studio LoDoCo2, presentati nei giorni scorsi in una sessione Hot Line al Congresso ESC 2020, la colchicina riduce il rischio di eventi cardiovascolari maggiori nei pazienti con malattia coronarica cronica.

“In un decennio, più di un malato di cuore su tre avrà un altro infarto o ictus, o morirà di malattie cardiache, nonostante l’assunzione di farmaci preventivi”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Mark Nidorf di GenesisCare. “Il nostro studio mostra che questo potrebbe essere ridotto a uno su quattro con l’aggiunta di colchicina a basso dosaggio”.

Dal congresso ESC 2020: la colchicina nella cardiopatia coronarica

La colchicina, originariamente derivata dal bulbo della pianta del croco, è stata utilizzata fin dall’antichità per curare le infiammazioni. Ora prodotta sinteticamente, è un farmaco generico usato per curare la gotta. Il farmaco inibisce anche diverse vie infiammatorie note per essere importanti nell’aterosclerosi. Lo studio pilota LoDoCo (Low Dose Colchicine) ha suggerito che la colchicina, assunta ad una dose di 0,5 mg una volta al giorno è sicura ed efficace per prevenire gli eventi cardiovascolari nei pazienti con malattia coronarica.

Dal congresso ESC 2020: lo studio LoDoCo2

Lo studio LoDoCo2 ha randomizzato 5.552 pazienti affetti da malattia coronarica cronica ed erano tolleranti alla colchicina durante una fase di run-in in aperto di 30 giorni, alla colchicina 0,5 mg al giorno o al placebo corrispondente su un contesto di terapia ipolipemizzante e antitrombotica. L’endpoint primario era un composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio, ictus ischemico o rivascolarizzazione coronarica guidata dall’ischemia.

Durante un follow-up mediano di quasi 30 mesi, l’endpoint primario si è verificato in 187 (6,8%) pazienti nel gruppo colchicina e in 264 (9,6%) pazienti nel gruppo placebo (rapporto di rischio 0,69; p <0,001). Quando i componenti dell’endpoint primario sono stati analizzati separatamente, è stata osservata una tendenza coerente con tutti gli endpoint e l’infarto miocardico e la rivascolarizzazione coronarica guidata dall’ischemia erano entrambi significativamente meno frequenti nel gruppo della colchicina.

Più del 90% dei pazienti era tollerante alla colchicina in aperto. Di coloro che erano intolleranti, la maggior parte ha riportato sintomi gastrointestinali transitori. Nei pazienti randomizzati nello studio, la colchicina a basso dosaggio è stata ben tollerata a lungo termine: il tasso di interruzione permanente è stato basso (<10%) e simile a quelli che assumevano placebo.

Dal congresso ESC 2020: la sicurezza della colchicina

Durante un follow-up massimo di cinque anni, la colchicina a basso dosaggio non è stata associata ad alcun effetto avverso grave. La neutropenia e la miotossicità erano rare e non più frequenti che tra i pazienti che avevano assunto il placebo. Non sono stati riscontrati effetti sfavorevoli con la terapia combinata con statine anche a dosi elevate di statine. Anche il rischio di infezione che porta al ricovero in ospedale o alla morte, o al cancro nuovo o fatale, non era diverso dal placebo.

Il dottor Nidorf ha dichiarato: “Lo studio ha confermato che la colchicina a basso dosaggio è stata tollerata a lungo termine e ha ridotto significativamente il rischio dell’endpoint primario di quasi un terzo. I benefici sono stati osservati subito dopo l’inizio della terapia, hanno continuato a crescere nel tempo e sono stati osservati in pazienti che già ricevevano altre efficaci terapie di prevenzione “.

Ha osservato che l’entità dell’effetto della colchicina sugli esiti cardiovascolari era coerente con quella riscontrata negli studi CANTOS e COLCOT. Il dottor Nidorf ha aggiunto: “I risultati dello studio LoDoCo2 stabiliscono la colchicina come una nuova potenziale opzione per la prevenzione a lungo termine di eventi cardiovascolari in pazienti con malattia coronarica cronica”.

 

 

Articolo precedenteNuova Toyota Yaris: arriva la quarta generazione
Articolo successivoDal congresso ESC 2020: il pacemaker nel trattamento della sincope
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 − 7 =