Dal congresso ESC 2020: il pacemaker nel trattamento della sincope

La sincope colpisce una persona su due durante la vita. Chi ha episodi ricorrenti ha spesso paura di socializzare o andare a lavorare. In occasione del congresso ESC 2020 sono stati presentati i risultati di uno studio che propone un trattamento efficace per un gruppo di pazienti selezionati.

La sincope

La sincope è causata da un calo della pressione sanguigna e/o della frequenza cardiaca. In alcuni soggetti viene identificato un fattore scatenante, ad esempio lo stress emotivo, il dolore, lo stare in piedi a lungo e hanno segnali premonitori come debolezza, nausea e vertigini. In molti altri casi però, soprattutto negli anziani, non viene trovato alcun fattore scatenante e non ci sono prodromi.

“Questa imprevedibilità aumenta il rischio di cadute e anche di traumi gravi e le persone finiscono al pronto soccorso”, ha detto il professor Michele Brignole, ricercatore principale del Programma Faint and Fall, dell’Istituto Auxologico di Milano. “Se si verifica ripetutamente, ha un impatto importante sulla qualità della vita, della stessa entità di una malattia cronica”.

Attualmente non esiste una terapia specifica ei pazienti ricevono solitamente solo consigli generici sulla prevenzione, come mantenersi idratati, evitare ambienti caldi e affollati, contrarre i muscoli e sdraiarsi. La prevenzione è però particolarmente difficile se non ci sono segnali premonitori che indicano l’innesco imminente dell’episodio.

Dal congresso ESC 2020: lo studio BIOSync CLS

Lo studio BIOSync CLS ha esaminato se un pacemaker potesse prevenire sincopi imprevedibili causate da bradicardia spiccata. I pazienti con questa particolare causa di sincope sono stati identificati utilizzando il tilt test. Ciò comporta sdraiarsi su un lettino con pedana per i piedi che viene inclinato fino a 60-70 gradi, per creare un ortostatismo passivo. Durante l’esame, vengono monitorate la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Lo studio ha incluso 128 pazienti di età pari o superiore a 40 anni che erano svenuti almeno due volte nell’anno precedente, senza segni premonitori. Il Tilt Test aveva dimostrato che la sincope era dovuta ad una asistolia maggiore di 3 secondi.

Tutti i partecipanti allo studio hanno ricevuto un particolare tipo di pacemaker, dotato di una specifica funzione ideata per i pazienti con sincope, e sono stati assegnati in modo casuale ad avere il pacemaker acceso (gruppo di stimolazione) o spento (gruppo di controllo). Sono stati quindi seguiti per gli episodi di sincope.

Lo studio BIOSync CLS: il pacemaker sembra efficace

Durante un follow-up mediano di 11,2 mesi, più della metà dei pazienti (53%) nel gruppo di controllo è svenuta rispetto a solo il 16% nel gruppo di stimolazione. Ciò si è tradotto in un rischio inferiore del 77% di sincope nel gruppo di stimolazione.

I ricercatori hanno stimato che a due anni, due terzi (68%) del gruppo di controllo avrebbero avuto un episodio di sincope rispetto a un quinto (22%) del gruppo di stimolazione. Se questo quadro fosse confermato, il pacemaker fornirebbe una riduzione del rischio relativo di sincope del 77% in due anni e una riduzione del rischio assoluto del 46%. Poco più di due pazienti (2.2) avrebbero bisogno di ricevere un pacemaker per prevenire la sincope. In altre parole, se 11 pazienti ricevessero un pacemaker, la sincope potrebbe essere evitata in cinque pazienti.

L’impianto del pacemaker ha causato eventi avversi minori in cinque pazienti (4%) come complicanze legate al catetere.

Il professor Brignole ha dichiarato: “Il nostro studio mostra che la stimolazione può essere un trattamento efficace per persone selezionate con episodi di sincope imprevedibili. Il Tilt Test è un modo semplice e non invasivo per identificare le persone che potrebbero trarne vantaggio. Ci auguriamo che questa nuova opzione di trattamento permetta a questi pazienti di riprendere una vita normale senza paura di svenimenti”.

Va ricordato che già in passato studi che avevano utilizzato l’impianto di pacemaker in pazienti con sincope avevano fornito risultati sostanzialmente deludenti. Probabilmente solo una piccolissima percentuale di pazienti con sincope può trarre beneficio da un sistema di stimolazione, per questo è necessaria una attenta selezione tra i candidati all’impianto.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 20 =