COVID-19: l’idrossiclorochina non induce aritmie

Il trattamento con idrossiclorochina a breve termine non è associato ad aritmie pericolose nei pazienti con COVID-19. È questo è il risultato di una ricerca pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Europace.

“Questo è stato il più grande studio per valutare il rischio di aritmie pericolose nei pazienti COVID-19 trattati con idrossiclorochina”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Alessio Gasperetti del Monzino Cardiology Center, di Milano, e dell’Ospedale universitario di Zurigo. “Nella nostra coorte, c’era un basso tasso di aritmie e nessuna era associata all’idrossiclorochina”.

Lo studio è iniziato quando c’era pochissima esperienza nell’uso dell’idrossiclorochina per il trattamento di pazienti con COVID-19. Le prove attuali suggeriscono che è inefficace nei pazienti con malattia avanzata, ma si discute sulla sua efficacia nella fase iniziale. Questo studio non è stato progettato per testare l’efficacia dell’idrossiclorochina nel COVID-19, ma piuttosto per esaminarne la sua sicurezza a livello cardiaco.

Idrossiclorochina e rischio di aritmie: l’intervallo QT

L’idrossiclorochina è nota per causare alterazioni elettriche nel cuore in alcuni pazienti. La più rilevante è il prolungamento dell’intervallo QT.

Questo farmaco è stato utilizzato per decenni per trattare il lupus e l’artrite reumatoide e prevenire la malaria. Con la pandemia COVID-19 è la prima volta che è stato utilizzato in un gran numero di pazienti gravemente malati, con più comorbilità e che potrebbero essere trattati con altri farmaci che prolungano l’intervallo QT. L’entità della pandemia aumenta la probabilità di problemi cardiaci ereditari che predispongono i pazienti alle aritmie. Inoltre, in coloro che necessitano di cure in un’unità di terapia intensiva possono verificarsi cambiamenti negli elettroliti del sangue, che a loro volta possono innescare aritmie.

Idrossiclorochina e rischio di aritmie: il trattamento di COVID-19

Questo studio è stato condotto per valutare i cambiamenti dell’ECG e le aritmie in pazienti COVID-19 trattati con idrossiclorochina in diversi contesti clinici.

Un totale di 649 pazienti COVID-19 sono stati arruolati da sette istituti tra il 10 marzo e il 10 aprile 2020. L’età media era di 62 anni e il 46% erano uomini. È stato utilizzato un calcolatore del rischio per valutare la probabilità di prolungamento dell’intervallo QT e decidere l’impostazione del trattamento. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad una registrazione ECG prima di iniziare il trattamento e almeno una volta nel follow-up.

In tutti i centri, i pazienti hanno assunto 200 mg di idrossiclorochina due volte al giorno. Più della metà dei pazienti (58,6%) ha assunto una dose di carico il primo giorno, il che significa che hanno ricevuto 400 mg due volte in quel giorno.

L’idrossiclorochina è stata somministrata subito dopo l’insorgenza dei sintomi in tre diversi contesti assistenziali: 126 (19,4%) pazienti sono stati gestiti a casa, 495 (76,3%) sono stati ricoverati in un reparto medico e 28 (4,3%) pazienti sono stati trattati in terapia intensiva. In linea con la pratica real world, il 30% dei pazienti aveva ricevuto due farmaci che prolungano il QT e il 13,6% tre, inclusa l’idrossiclorochina.

Idrossiclorochina e rischio di aritmie: risultati rassicuranti

Un significativo prolungamento dell’intervallo QT è stato osservato nella coorte complessiva, ma l’entità dell’aumento è stata modesta e simile in tutti i contesti assistenziali. I determinanti più importanti del prolungamento dell’intervallo QT durante il trattamento con idrossiclorochina erano la febbre al ricovero e la lunghezza dell’intervallo QT al basale.

Nel corso di un follow-up mediano di 16 giorni, non sono state riscontrate aritmie letali. Un totale di sette pazienti (1,1%) presentava una grave aritmia ventricolare, ma in nessun caso è stata ritenuta correlata al prolungamento dell’intervallo QT o al trattamento con idrossiclorochina.

Il dottor Gasperetti ha detto: “Il trattamento con idrossiclorochina è stato associato al prolungamento dell’intervallo QT, come previsto, ma il cambiamento è stato minimo. Non c’era alcuna connessione tra il farmaco e l’insorgenza di aritmie. Lo studio mostra che la somministrazione di idrossiclorochina, da sola o in combinazione con altri farmaci che potenzialmente prolungano il QT, è sicura per il trattamento a breve termine dei pazienti COVID-19 a casa o in ospedale, a condizione che siano sottoposti a valutazione del rischio e monitoraggio ECG da parte di un medico”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + quattordici =