Le complicazioni cardiache dopo un intervento chirurgico sono frequenti

Secondo una ricerca pubblicata recentemente sullo European Heart Journal – Acute Cardiovascular Care, un paziente ad alto rischio su cinque sottoposti a chirurgia non cardiaca maggiore svilupperà una o più complicanze cardiache entro un anno.

“Il nostro studio rivela una maggiore probabilità di avere problemi cardiaci o di morire dopo un intervento chirurgico non cardiaco, rispetto a quella riconosciuta fino ad oggi”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Christian Puelacher dell’Università di Basilea, in Svizzera. “I pazienti sono inoltre a rischio per un periodo più lungo di quanto si pensasse in precedenza.”

Un intervento chirurgico non cardiaco

Lo studio è stato condotto su pazienti ad alto rischio, che includevano persone di età compresa tra 65 e 85 anni e persone di età compresa tra 45 e 64 anni con malattie cardiovascolari (malattia coronarica, malattia delle arterie periferiche o precedente ictus). Tutti i pazienti hanno subito un intervento chirurgico non cardiaco che ha richiesto loro di rimanere in ospedale almeno una notte. I tipi di procedure includevano chirurgia viscerale, ortopedica, traumatologica, vascolare, urologica, spinale e toracica.

“Le persone che si sottopongono a interventi chirurgici importanti sono sempre più anziane e hanno altre malattie, e questi sono i pazienti su cui ci siamo concentrati nel nostro studio”, ha affermato il dottor Puelacher. “Fornendo informazioni sulle complicanze postoperatorie, la nostra ricerca offre opportunità per rendere la chirurgia ancora più sicura”.

La chirurgia può innescare eventi cardiaci

Ogni anno in tutto il mondo vengono eseguiti oltre 300 milioni di interventi chirurgici. Nonostante i vantaggi, la chirurgia può innescare eventi cardiaci tra cui infarto del miocardio, insufficienza cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco e morte. Ricerche precedenti hanno dimostrato che quasi i tre quarti dei pazienti che muoiono dopo l’intervento chirurgico non sono mai stati ammessi in terapia intensiva, suggerendo che il loro rischio non fosse riconosciuto.

Inoltre, alcune complicazioni non vengono rilevate perché non ci sono sintomi: ad esempio, i pazienti che hanno un infarto miocardico subito dopo l’intervento chirurgico potrebbero non avere dolore al torace a causa dei farmaci antidolorifici. Questi infarti asintomatici espongono il paziente allo stesso rischio di morte di chi presenta sintomi

Lo studio ha incluso 2.265 pazienti. L’età media era di 73 anni e il 43% erano donne. I pazienti sono stati seguiti per un anno dopo l’intervento chirurgico per infarto del miocardio, insufficienza cardiaca, disturbi del ritmo cardiaco e morte a causa di malattie cardiovascolari. Per rilevare infarti asintomatici, tutti i pazienti hanno ricevuto misurazioni seriali della troponina durante il ricovero in ospedale.

Complicanze cardiache

Circa un paziente su sette (15%) ha avuto almeno una complicanza cardiaca entro 30 giorni. L’incidenza a 30 giorni di complicanze cardiache era più alta nei pazienti sottoposti a chirurgia toracica (22%), seguita da chirurgia vascolare (21%) e chirurgia traumatologica (19%). Un paziente su cinque (21%) ha avuto almeno una complicanza cardiaca entro un anno.

“Questo è stato uno dei primi studi per monitorare i pazienti per gli infarti asintomatici dopo l’intervento chirurgico”, ha detto il dottor Puelacher. “Questi pazienti erano a maggior rischio di eventi successivi. Un terzo dei pazienti che hanno avuto un infarto asintomatico ha continuato ad avere almeno un’altra complicanza cardiaca, rispetto a solo il 10% di coloro che non hanno avuto un infarto asintomatico. Il nostro studio suggerisce che misurare i livelli di troponina prima dell’intervento chirurgico e per due giorni dopo potrebbe identificare questi pazienti e fornire un’opportunità per prevenire ulteriori complicazioni e la morte”.

Una vulnerabilità che si protrae fino a cinque mesi

La maggior parte delle complicanze si è verificata entro i primi 30 giorni dopo l’intervento chirurgico, e in particolare entro la prima settimana. Gli autori della ricerca hanno però individuato la presenza di un periodo di vulnerabilità che si protrae fino a cinque mesi. Il dottor Puelacher ha dichiarato: “I nostri risultati indicano che questo gruppo di pazienti ad alto rischio ha un’elevata probabilità di avere un evento cardiaco durante i 3-5 mesi che seguono un intervento chirurgico importante”.

Il dottor Puelacher ha osservato che lo studio non ha esaminato ciò che i pazienti possono fare per migliorare i loro risultati. Ha detto: “La chirurgia è un processo piuttosto che una soluzione rapida. Non rimandare il tuo intervento, ma se hai tempo e vuoi prepararti, smetti di fumare, sii fisicamente attivo e mangia in modo sano in modo che il tuo corpo sia in forma migliore”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − due =