Anche negli anziani è importante abbassare il colesterolo

Due studi pubblicati nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet forniscono nuove evidenze sulla riduzione del tasso di eventi cardiovascolari maggiori, nelle persone anziane, indotta dai farmaci ipolipemizzanti in grado di ridurre il colesterolo LDL, comprese le statine.

I farmaci che abbassano il colesterolo

Il primo è uno studio osservazionale e indica come tra le persone che non hanno avuto un precedente evento cardiovascolare, quelle di età compresa tra 70 e 100 anni possono trarre il massimo beneficio dall’assunzione di farmaci che abbassano il colesterolo, rispetto ai gruppi di età più giovane, in termini di numero di attacchi di cuore ed eventi cardiovascolari che potrebbe essere potenzialmente prevenuti.

Lo studio, che ha coinvolto più di 90.000 persone che vivono a Copenaghen, in Danimarca, comprese 13.779 persone di età compresa tra 70 e 100 anni, arruolati nel Copenhagen General Population Study tra il 2003 e il 2015. Di questi, 10.592 partecipanti avevano un’età compresa tra 70 e 79 anni e 3.188 partecipanti avevano un’età compresa tra 80 e 100 anni.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di 7,7 anni e per ogni individuo sono stati registrati il numero dei primi attacchi di cuore e dei casi di malattie cardiovascolari, insieme ai livelli di colesterolo LDL. Per valutare il potenziale beneficio delle statine per ogni fascia di età, gli autori hanno stimato il numero di persone che avrebbero bisogno di essere trattate con una terapia con statine di intensità moderata per prevenire un infarto in cinque anni.

Nello studio si sono verificati un totale di 1.515 casi di infarto per la prima volta e 3.389 casi di malattie cardiovascolari.

Il rischio di infarto nella popolazione complessiva è aumentato del 34% per ogni aumento di 1 mmol/L del colesterolo LDL. L’effetto è stato amplificato con l’aumentare dell’età, in modo tale che le persone di età compresa tra 80 e 100 anni con livelli elevati di colesterolo LDL avevano il più alto rischio assoluto di infarto (ai livelli più alti di colesterolo LDL, > 5 mmol/L, la percentuale di attacchi di cuore in 1.000 persone all’anno per ciascuna fascia di età erano: età 80-100, 13,2; età 70-79, 6,6; età 60-69, 3,1; età 50-59, 3,1; età 20-49, 3,3).

Prevenire un evento cardiovascolare

I ricercatori hanno scoperto che le persone anziane avrebbero probabilmente ottenuto i maggiori benefici dal trattamento della terapia con statine di intensità moderata, rispetto ai giovani. Per prevenire un evento di malattia cardiovascolare di qualsiasi tipo, dovrebbero essere trattate con una statina di intensità moderata 42 persone di età compresa tra 80 e 100 anni per prevenire un evento cardiovascolare. Più precisamente, i soggetti da trattare erano 88 per quelli di età compresa tra 70 e 79 anni, 164 per quelli di età compresa tra 60 e 69 anni, 345 per quelli di età compresa tra 50 e 59 anni e 769 per quelli di età compresa tra 20 e 49 anni.

Per prevenire un attacco di cuore, dovrebbero essere trattati con statine di moderata intensità, per 5 anni, 80 individui di età compresa tra 80 e 100 anni. Il numero diventa di 145 per le persone di età compresa tra 70 e 79 anni, 261 per quelle di età compresa tra 60 e 69, 439 per quelle di età compresa tra 50 e 59 anni e 1.107 per quelle di età compresa tra 20 e 49 anni.

I risultati mostrano che i livelli di colesterolo LDL sono un importante fattore di rischio per infarto e malattie cardiovascolari nelle persone anziane, contrariamente ai rapporti storici. Prove precedenti suggerivano che non vi fosse alcuna associazione, portando a credere che chi non aveva avuto un attacco di cuore prima dei 70 anni di età era più sano e aveva un rischio inferiore di svilupparlo in futuro.

Tuttavia, la mancanza di rappresentanza di questo gruppo di età negli studi, il cambiamento delle pratiche cliniche e l’aumento delle aspettative di vita per le popolazioni più anziane significa che le evidenza scientifiche fin qui raccolte erano obsolete.

Gli individui più anziani traggono il massimo beneficio dalla terapia con statine

Il professor Børge Nordestgaard, coautore di questo primo studio, dell’Ospedale universitario di Copenaghen, in Danimarca, ha dichiarato: “Il nostro studio fornisce ulteriori prove del carico cumulativo del colesterolo LDL nel corso della vita di una persona e del progressivo aumento del rischio di infarto e malattie cardiovascolari con età. Con la percentuale di persone che vivono oltre i 70 anni in tutto il mondo in rapido aumento, questi dati indicano l’enorme potenziale per strategie di prevenzione primaria volte ad abbassare i livelli di colesterolo LDL per ridurre il carico di malattie cardiache sulla popolazione. I risultati dovrebbero guidare il processo decisionale sull’eventualità che gli individui più anziani trarranno beneficio dalla terapia con statine.”

Punto di forza di questo studio è che i dati provengono da un ampio gruppo di persone dei giorni nostri. Inoltre, poiché a tutti gli individui in Danimarca viene assegnato un numero di identificazione personale alla nascita o all’immigrazione, con il quale possono essere rintracciati nei registri nazionali, non un singolo partecipante è andato perso durante il processo di follow-up.

Tuttavia, una limitazione è che includeva solo persone di origine europea bianca, che vivevano in un paese ad alto reddito, quindi non è chiaro se i risultati siano applicabili ad altri gruppi etnici o a persone che vivono in contesti a basso reddito. Una seconda limitazione è che le stime per il numero necessario da trattare, in cinque anni, per prevenire un’incidenza di infarto e malattie cardiovascolari si basano su analisi di modelli, con ipotesi sull’efficacia dei farmaci per abbassare il colesterolo LDL. Tuttavia, gli autori affermano che queste stime sono affidabili poiché i tassi di eventi sottostanti in diversi gruppi di età e i livelli di colesterolo LDL si basano sui dati effettivi dello studio di coorte.

La meta-analisi sui trattamenti per abbassare le LDL

Una precedente meta-analisi della Cholesterol Treatment Trialists ‘Collaboration aveva suggerito che il trattamento con statine riduce il numero di eventi cardiovascolari maggiori nelle persone di età pari o superiore a 75 anni, ma alla fine aveva concluso che l’evidenza del potenziale beneficio era meno forte rispetto ai giovani.

Nel secondo articolo, i ricercatori hanno effettuato una meta-analisi e una revisione sistematica dei dati di una meta-analisi della Cholesterol Treatment Trialists ‘Collaboration su 24 studi e di cinque studi individuali controllati randomizzati. Gli studi inseriti nell’analisi includevano sia studi di prevenzione primaria, in cui i partecipanti non avevano segni clinici di malattia cardiovascolare prima di partecipare allo studio, sia studi di prevenzione secondaria, in cui i partecipanti avevano già mostrato segni clinici di malattia cardiovascolare.

Sono stati inclusi nell’analisi i dati di un totale di 244.090 partecipanti, comprese 21.492 persone di età non inferiore a 75 anni. Poco più della metà dei partecipanti di età pari o superiore a 75 anni proveniva da studi clinici di terapie con statine (54,7%), il 28,9% proveniva da studi clinici con il farmaco ipocolesterolemizzante ezetimibe e il restante 16,4% da studi clinici sugli inibitori del PCSK9. Il tempo medio di follow-up dello studio variava da 2,2 a 6 anni.

Nessuna differenza nell’entità della riduzione del rischio tra statine e altri farmaci

L’analisi ha rilevato che le terapie per abbassare il colesterolo erano associate a una riduzione dell’incidenza di tutti gli eventi cardiovascolari, inclusi morte, infarto e ictus. La riduzione del rischio di eventi cardiovascolari maggiori per le persone di età superiore a 75 anni era statisticamente paragonabile ai gruppi di età più giovane: riduzione del 26% per 1 mmol/L del colesterolo LDL nelle persone di età superiore a 75 anni, rispetto a una riduzione del rischio rosso del 15% nei pazienti di età inferiore ai 75 anni.

I decessi per tutti gli esiti di malattie cardiovascolari nelle persone di età superiore a 75 anni sono stati ridotti del 15% per 1 mmol/L di riduzione del colesterolo LDL (decessi del gruppo di trattamento 723; decessi del gruppo di controllo 799). L’incidenza di attacchi di cuore in questa fascia di età è stata ridotta del 20% per ogni riduzione di 1 mmol/L del colesterolo (eventi del gruppo di trattamento 813, eventi del gruppo di controllo 971) e il verificarsi di qualsiasi tipo di ictus è stato ridotto del 27% (gruppo di trattamento 401 eventi; eventi del gruppo di controllo 486).

Non c’era differenza nell’entità della riduzione del rischio di eventi vascolari maggiori tra statine e altri farmaci per abbassare il colesterolo nel gruppo di età più avanzata.

Gli individui più anziani hanno tassi più elevati di eventi cardiovascolari maggiori rispetto ai giovani in generale, e in questo studio, i tassi erano quasi il 40% più alti nei soggetti di età pari o superiore a 75 anni. Gli autori affermano che il trattamento di persone di età superiore ai 75 anni con terapie per abbassare il colesterolo potrebbe prevenire un gran numero di eventi cardiovascolari.

Nessun problema di sicurezza

Il professor Marc Sabatine, autore principale dello studio, del Brigham and Women’s Hospital, di Boston, ha dichiarato: “I farmaci per abbassare il colesterolo sono farmaci a prezzi accessibili che hanno ridotto il rischio di malattie cardiache per milioni di persone in tutto il mondo, ma fino ad ora il loro i benefici per le persone anziane sono rimasti meno certi. La nostra analisi indica che queste terapie sono efficaci nel ridurre gli eventi cardiovascolari e i decessi nelle persone di età pari o superiore a 75 anni come lo sono nei giovani. Non abbiamo riscontrato problemi di sicurezza compensativi e, insieme, questi risultati dovrebbero rafforzare le raccomandazioni delle linee guida per l’uso di farmaci per abbassare il colesterolo, comprese le statine e la terapia senza statine, negli anziani”.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni al loro studio. Le definizioni di eventi cardiovascolari differivano leggermente tra gli studi. Tuttavia, gli autori affermano che è improbabile che queste piccole differenze influenzino le implicazioni cliniche dei loro risultati. Inoltre, i pazienti più anziani che sono inclusi negli studi clinici potrebbero non essere rappresentativi della pratica quotidiana, perché le persone che hanno già più condizioni mediche o non sono in grado di partecipare alle visite di follow-up non sarebbero tipicamente arruolate in una sperimentazione clinica.

La terapia ipolipemizzante dovrebbe essere iniziata in giovane età

Scrivendo in un commento collegato, il professor Frederick Raal, dell’Università del Witwatersrand, in Sud Africa, che non è stato coinvolto nello studio, ha detto: “Come riconoscono gli autori, sebbene la terapia ipolipemizzante fosse efficace nei pazienti più anziani, non dovremmo perdere di vista del vantaggio di trattare le persone quando sono più giovani. L’età media dei pazienti in tutti gli studi analizzati era superiore ai 60 anni, età in cui la malattia cardiovascolare aterosclerotica è già ben stabilita. La terapia ipolipemizzante dovrebbe essere iniziata in giovane età, preferibilmente prima dei 40 anni, nei soggetti a rischio, per ritardare l’insorgenza dell’aterosclerosi, piuttosto che cercare di gestire la condizione una volta che è completamente stabilita o avanzata.”

Insieme, i risultati dei due nuovi studi rafforzano le evidenze che i farmaci per abbassare il colesterolo possono giovare agli anziani, che storicamente sono stati sottorappresentati negli studi clinici di queste terapie, e potrebbero aiutare a ridurre l’impatto delle malattie cardiovascolari in una popolazione che invecchia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 14 =