La cattiva salute cardiovascolare materna fa raddoppiare il rischio di malattie cardiovascolari nei figli

I figli di madri con uno stile di vita sano per il cuore vive quasi un decennio in più senza malattie cardiovascolari, rispetto a quelli le cui madri hanno uno stile di vita malsano. Questa è la conclusione di uno studio pubblicato nei giorni scorsi sullo European Journal of Preventive Cardiology.

“Il nostro studio suggerisce che le madri sono le principali custodi della salute dei loro figli”, ha detto l’autore dello studio, il dott. James Muchira della Vanderbilt University, a Nashville e dell’Università del Massachusetts, di Boston. “Questa influenza materna persiste nell’età adulta della loro prole.”

I genitori trasmettono la salute alla loro prole

Ricerche precedenti avevano dimostrato che i genitori trasmettono la salute alla loro prole attraverso entrambi i geni e l’ambiente e lo stile di vita condiviso. Questo è stato il primo studio che ha esaminato se la salute del cuore dei genitori fosse associata all’età in cui la prole sviluppa malattie cardiovascolari. Inoltre, ha studiato separatamente l’influenza di ciascun genitore.

Lo studio è stato condotto su terzetti prole-madre-padre del Framingham Heart Study, per un totale di 1.989 figli, 1.989 madri e 1.989 padri. La prole è stata arruolata a un’età media di 32 anni e seguita per oltre 46 anni (1971-2017) per lo sviluppo di eventi cardiovascolari. “Fondamentalmente, lo studio ha seguito la prole nella maggior parte della loro vita adulta, quando si verificano effettivamente infarti e ictus”, ha spiegato il dott. Muchira.

La salute cardiovascolare di madri e padri è stata valutata in base al raggiungimento di sette fattori: non fumare, dieta sana, attività fisica, indice di massa corporea normale, pressione sanguigna, colesterolemia e glicemia. Le tre categorie di salute cardiovascolare erano: scarsa (da 0 a 2 fattori raggiunti), intermedia (da 3 a 4) e ideale (da 5 a 7).

I ricercatori hanno valutato l’associazione tra la salute cardiovascolare dei genitori e per quanto tempo la loro prole ha vissuto senza malattie cardiovascolari. Sono stati valutati i collegamenti tra ciascuna coppia, ovvero madre-figlia, madre-figlio, padre-figlia e padre-figlio.

La cattiva salute cardiovascolare materna

Lo studio ha evidenziato come la prole di madri con una salute cardiovascolare ideale ha vissuto nove anni in più senza malattie cardiovascolari rispetto alla prole di madri con cattiva salute cardiovascolare (rispettivamente 27 contro 18 anni). La cattiva salute cardiovascolare materna era collegata al doppio del rischio di malattie cardiovascolari a esordio precoce, rispetto alla salute cardiovascolare materna ideale. La salute del cuore dei padri non ha avuto un effetto statisticamente significativo sul tempo passato senza malattie cardiovascolari della prole.

La dott.ssa Muchira ha detto che il forte contributo delle madri era probabilmente una combinazione dello stato di salute durante la gravidanza e dell’ambiente nei primi anni di vita. Ha detto: “Se le madri hanno il diabete o l’ipertensione durante la gravidanza, quei fattori di rischio vengono impressi nei loro figli in tenera età. Inoltre, le donne sono spesso le principali badanti e il principale modello di comportamento per i comportamenti”.

I figli erano più colpiti delle figlie dallo stile di vita malsano della madre. Il dottor Muchira ha detto: “Questo perché i figli avevano abitudini di vita più sfavorevoli delle figlie, il che peggiorava ulteriormente la situazione. Dimostra che gli individui possono farsi carico della propria salute. Le persone che ereditano un rischio elevato dalla madre possono ridurre tale rischio facendo esercizio e mangiando bene. Se non lo fanno, il rischio sarà moltiplicato.”

Interventi basati sulla famiglia

Gli autori affermano che l’ottimizzazione della salute cardiovascolare tra le donne in età riproduttiva e le madri con bambini piccoli ha il potenziale per interrompere il ciclo intergenerazionale delle malattie cardiovascolari prevenibili.

“Gli interventi basati sulla famiglia dovrebbero avvenire durante la gravidanza e molto presto nella vita del bambino, in modo che il reale impatto della salute cardiovascolare protettiva si ripercuota nell’età adulta”, ha affermato il dott. Muchira. “Ad esempio, associare madri e bambini piccoli in un programma di miglioramento della dieta o dell’esercizio fisico. Se i bambini diventeranno adulti sani, non acquisiranno lo stesso rischio cardiovascolare dei loro genitori, una situazione che aumenterà le possibilità di avere nipoti ancora più sani”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 6 =