L’OMS dichiara conclusa l’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

Lo scorso 18 novembre l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato conclusa l’undicesima epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), quasi sei mesi dopo la segnalazione dei primi casi nella provincia dell’Equateur. L’epidemia si è verificata in comunità sparse tra fitte foreste pluviali e aree urbane affollate, creando sfide logistiche. Questi sono stati superati grazie alla leadership del governo e delle comunità locali, sostenuta dall’OMS e dai partner.

L’OMS si congratula con i soccorritori e tutti coloro che hanno monitorato instancabilmente i casi, fornito cure, coinvolto le comunità e vaccinato più di 40.000 persone ad alto rischio e ringrazia un’ampia gamma di partner per il loro supporto.

Mantenere i vaccini a -80°C, senza elettricità

I vaccinatori hanno utilizzato un innovativo sistema di stoccaggio della catena del freddo per mantenere il vaccino contro l’Ebola a temperature fino a -80 gradi Celsius. I congelatori ARKTEK possono mantenere i vaccini a temperature molto basse sul campo per un massimo di una settimana e hanno consentito ai soccorritori di vaccinare le persone nelle comunità senza elettricità.

“Il superamento di uno dei patogeni più pericolosi al mondo in comunità remote e di difficile accesso dimostra cosa è possibile quando scienza e solidarietà si uniscono”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, Direttore regionale dell’OMS per l’Africa. “La tecnologia utilizzata per mantenere il vaccino contro l’Ebola a temperature molto fredde sarà utile quando si porterà un vaccino COVID-19 in Africa. Affrontare l’Ebola parallelamente al COVID-19 non è stato facile, ma gran parte delle competenze che abbiamo costruito in una malattia è trasferibile a un’altra e sottolinea l’importanza di investire nella preparazione alle emergenze e nello sviluppo delle capacità locali”.

L’epidemia nella parte occidentale della RDC, annunciata il 1 ° giugno 2020, è avvenuta mentre un’altra epidemia di Ebola nella parte orientale del paese si stava esaurendo e infine dichiarata finita il 25 giugno 2020. Le due epidemie erano geograficamente distanti. L’analisi del sequenziamento genetico ha rilevato che non erano correlati. Alla fine dell’attuale undicesima epidemia di Ebola nella provincia dell’Equateur c’erano 119 casi confermati, 11 probabili, 55 morti e 75 persone guarite.

La resistenza della comunità

La provincia dell’Equateur è stata anche il sito della nona epidemia di Ebola nel paese, che è stata superata in poco più di tre mesi nel 2018 e ha registrato la metà dei casi. Tuttavia, la risposta all’undicesima epidemia di Ebola ha dovuto fare i conti con la pandemia COVID-19, che ha messo a dura prova le risorse e creato difficoltà intorno al movimento di esperti e rifornimenti. Ci sono state anche sfide per il gran numero di casi in comunità remote che spesso erano accessibili solo in barca o in elicottero e, a volte, la resistenza della comunità ha ostacolato gli sforzi di risposta.

Sotto la guida del governo della RDC, la maggior parte dei soccorritori è stata mobilitata a livello locale e si è mossa rapidamente, nonostante le importanti difficoltà logistiche e di accesso. Gli sforzi di vaccinazione sono iniziati solo quattro giorni dopo la dichiarazione dell’epidemia. Circa il 90% dei vaccinatori proveniva dalle comunità locali. La risposta ha anche attinto alle competenze degli operatori sanitari locali formati durante le due recenti epidemie nella RDC.

I soccorritori hanno lavorato a stretto contatto con i membri della comunità per aumentare la comprensione del virus visitando più di 574.000 famiglie e fornendo a più di 3 milioni di persone informazioni pertinenti sulla salute e la sicurezza. Al culmine dell’epidemia c’erano più di 100 esperti dell’OMS sul campo, che sostenevano la risposta del governo.

Potenziali riacutizzazioni sono possibili

Mentre l’undicesima epidemia è finita, è necessario continuare a vigilare e mantenere una forte sorveglianza poiché potenziali riacutizzazioni sono possibili nei mesi a venire. A questo proposito, l’OMS e altri partner stanno attualmente conducendo azioni importanti per migliorare le capacità operative critiche nella provincia di Equateur, inclusa la formazione dei lavoratori in prima linea.

La fine di questo focolaio serve a ricordare che i governi e i partner devono continuare a concentrare l’attenzione su altre emergenze, anche se la lotta contro COVID-19 persiste. C’è bisogno di maggiori investimenti per rafforzare le capacità fondamentali dei paesi nell’attuazione del Regolamento Sanitario Internazionale. Migliorare la preparazione porterà a una migliore risposta alle minacce derivanti da malattie a tendenza epidemica e si tradurrà in un minore impatto sociale ed economico.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 4 =