Gli effetti di rumore e inquinamento nei pazienti con scompenso cardiaco

Secondo uno studio pubblicato nei giorni scorsi sul Journal of the American College of Cardiology, i pazienti con scompenso cardiaco che vivono in comunità in cui viene adottata la tecnica del fracking sono a maggior rischio di ospedalizzazione. Lo studio ha esaminato il rischio di esposizione ambientale di migliaia di pazienti con insufficienza cardiaca in tutta la Pennsylvania.

Il fracking

Il fracking, o fratturazione idraulica, è una tecnica che viene utilizzata per estrarre petrolio o gas naturale dal sottosuolo. Consiste nella iniezione nel terreno di un fluido sotto pressione fino alla formazione di fratture nello strato roccioso del terreno. Questo processo può avvenire anche per cause naturali.

Il fracking è un settore in crescita in tutto il mondo. Il processo si svolge in quattro fasi:

  • Preparazione del pad: pulizia delle aree del pad del pozzo per la perforazione;
  • Perforazione: perforazione verticale e orizzontale nel terreno, fino a 10.000 piedi di profondità in entrambe le direzioni;
  • Stimolazione (fratturazione idraulica): estrazione di gas naturale iniettando milioni di galloni d’acqua nei pozzi, insieme a sostanze di sostegno e prodotti chimici;
  • Produzione: lavorazione e trasporto del gas attraverso condutture.

In Pennsylvania, dal 2004 sono stati perforati 12.000 pozzi. La tecnica del fracking ha diversi impatti sull’ambiente e sulla comunità, inclusi l’inquinamento acustico e atmosferico e il traffico di autocarri pesanti. Rapporti precedenti hanno scoperto che questo metodo può causare effetti respiratori avversi sulle comunità locali, ma fino ad oggi erano state condotte ricerche limitate sulla salute cardiovascolare.

L’associazione tra fracking e ospedalizzazione tra i pazienti con scompenso cardiaco

L’insufficienza cardiaca è una colpisce oltre 5,7 milioni di americani. Due sono i principali fenotipi di insufficienza cardiaca, con frazione di eiezione ridotta (HFrEF) o frazione di eiezione conservata (HFpEF). I pazienti con insufficienza cardiaca hanno un rischio maggiore di ricovero ospedaliero e una più alta mortalità.

I ricercatori di questo nuovo studio miravano a valutare l’associazione tra attività di fracking e ospedalizzazione tra i pazienti con scompenso cardiaco. Sulla base dei dati delle cartelle cliniche elettroniche ottenuti da Geisinger, un sistema sanitario integrato in Pennsylvania, i ricercatori hanno utilizzato indirizzi residenziali per identificare 12.330 pazienti con insufficienza cardiaca che risiedevano in 37 contee della Pennsylvania dal 2008 al 2015.

Di questi pazienti, 5.839 sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca. I ricercatori hanno studiato il primo ricovero identificato per ogni paziente.

“Abbiamo osservato le relazioni esposizione-effetto per tre delle quattro metriche dell’attività di sviluppo di gas naturale non convenzionale e per i ricoveri per insufficienza cardiaca. Le più grandi associazioni di magnitudo sono state osservate per la preparazione del pad, la stimolazione e le metriche di produzione”, ha affermato Tara McAlexander, ricercatrice presso la Drexel University Dornsife School of Public Health e autrice principale dello studio. “I nostri risultati suggeriscono che gli individui che convivono con insufficienza cardiaca, se esposti a una maggiore attività di fracking, hanno maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale, in particolare in quelli con insufficienza cardiaca più grave al basale”.

Gli impatti ambientali del fracking

I ricercatori hanno osservato associazioni più forti con l’attività di fracking sia nei pazienti con frazione di eiezione conservata che in quelli con frazione di eiezione ridotta, suggerendo che entrambi i gruppi di fenotipi di insufficienza cardiaca sono ugualmente suscettibili alle esposizioni correlate all’uso di questa tecnica estrattiva.

Queste associazioni possono essere attribuite agli impatti ambientali del fracking, compreso l’inquinamento atmosferico, la contaminazione dell’acqua e l’impatto del rumore e del traffico. Gli inquinanti atmosferici possono colpire le persone in grandi regioni e, a causa dell’elevato volume di traffico di camion verso i siti di estrazione, il rumore, le vibrazioni e gli scarichi diesel possono essere distribuiti su un’ampia rete di strade.

“All’inizio degli anni 2010, la comunità scientifica richiedeva studi epidemiologici “buoni” per valutare gli effetti sulla salute del fracking. In questo studio osservazionale, i ricercatori hanno applicato metodi estesi e rigorosi per determinare associazioni specifiche di esposizione-risultato tra fracking e ricoveri per insufficienza cardiaca”, ha affermato Barrak Alahmad, dottorando in salute ambientale presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health, in un commento editoriale di accompagnamento. “Andando avanti, dobbiamo comprendere meglio gli effetti di mediazione degli inquinanti atmosferici e idrici e l’esistenza di disparità razziali negli impatti del fracking”.

Lo studio presentava alcune limitazioni, incluso l’utilizzo di un metodo meno specifico per identificare i casi di insufficienza cardiaca, nonché una mancanza di informazioni sull’assunzione alimentare e sull’attività fisica. Infine, lo studio non includeva informazioni sull’occupazione dei pazienti.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =