Home Covid-19 Nuova variante del virus SARS-CoV-2: dall’OMS, la trasmissibilità potrebbe aumentare fino al...

Nuova variante del virus SARS-CoV-2: dall’OMS, la trasmissibilità potrebbe aumentare fino al 70%

9
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Questa mattina l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha emesso un comunicato riguardo la nuova variante del virus SARS-CoV-2 che si sta diffondendo nel Regno Unito, identificata tramite sequenziamento genomico virale.

Questa variante è denominata SARS-CoV-2 VUI 202012/01. L’analisi iniziale indica che può diffondersi più facilmente tra le persone. Sono in corso indagini per determinare se questa variante è associata ad eventuali cambiamenti nella gravità dei sintomi, nella risposta anticorpale o nell’efficacia del vaccino.

La prima variante identificata nel Kent il 20 settembre

Nel Regno Unito, al 13 dicembre 2020, sono stati rilevati in totale di 1.108 casi infetti da questa nuova variante, rilevata nell’ambito di un’indagine epidemiologica e virologica avviata all’inizio di dicembre 2020, a seguito di un aumento inaspettato nei casi COVID-19 nel sud-est dell’Inghilterra.

È stata caratterizzata da un aumento di oltre tre volte del tasso di notifica dei casi dal 5 ottobre al 13 dicembre 2020. In media, tra il 5 e il 10% di tutti i virus SARS-CoV-2 sono stati sequenziati di routine nel Regno Unito e il 4% nel sud-est dell’Inghilterra dall’inizio della pandemia. Dal 5 ottobre al 13 dicembre, nel sud-est dell’Inghilterra oltre il 50% degli isolati è stato identificato come ceppo variante. L’analisi retrospettiva ha rintracciato la prima variante identificata nel Kent, nel sud-est dell’Inghilterra, il 20 settembre 2020, seguita da un rapido aumento della stessa variante identificata più tardi nel mese di novembre. La maggior parte dei casi di COVID-19 dai quali è stata identificata questa variante si sono verificati in persone di età inferiore a 60 anni.

Le mutazioni identificate

La variante è definita dalla presenza di un intervallo di 14 mutazioni che comportano modifiche degli aminoacidi e tre delezioni. Alcune di queste mutazioni possono influenzare la trasmissibilità del virus nell’uomo.

Una delle mutazioni identificate sta alterando un amminoacido all’interno dei sei residui chiave nel dominio di legame del recettore (RBD). Secondo il database GISAID (Global Initiative on Sharing Avian Influenza Data), questa stessa mutazione è stata segnalata in modo indipendente in diversi paesi, tra cui il Sud Africa e l’Australia. L’analisi della sequenza ha rivelato che questa mutazione del virus segnalata nel Regno Unito e in Sud Africa ha avuto origine separatamente. Sempre a livello del RBD è stata rilevata un’altra mutazione di significato biologico.

Infine, è stato riscontrato che una delle delezioni presenti influisce sulle prestazioni di alcuni test molecolari (PCR) diagnostici che utilizzano un gene target S (Spike). Viene però precisato che la maggior parte di questi test, in tutto il mondo, utilizza più target e quindi non si prevede che l’impatto della variante sulla diagnostica sia significativo.

Un aumento stimato della trasmissibilità compreso tra il 40% e il 70%.

La nuova variante VUI-202012/01 è stata identificata in diversi paesi tra cui Australia, Danimarca, Italia, Islanda e Paesi Bassi.

Rapporti preliminari del Regno Unito indicano che questa variante è più trasmissibile dei precedenti virus circolanti, con un aumento stimato compreso tra il 40% e il 70%. Sono in corso studi di laboratorio per determinare se queste varianti di virus hanno proprietà biologiche differenti o alterano l’efficacia del vaccino. Al momento non ci sono informazioni sufficienti per determinare se questa variante è associata a qualsiasi cambiamento nella gravità della malattia clinica, nella risposta anticorpale o nell’efficacia del vaccino.

Le autorità del Regno Unito stanno conducendo indagini epidemiologiche e virologiche per valutare ulteriormente la trasmissibilità, la gravità dell’infezione, il rischio di reinfezione e la risposta anticorpale di questa nuova variante. Poiché una delle mutazioni è nel dominio del legame del recettore, le autorità stanno esaminando con urgenza l’attività di neutralizzazione dei sieri di pazienti recuperati e vaccinati contro questa variante, per determinare se vi è un impatto sulle prestazioni del vaccino.

I dati genomici di questa variante sono stati caricati su GISAID dalle autorità del Regno Unito e la sorveglianza genomica del virus continua in tutto il paese per monitorare la situazione.

Il 19 dicembre 2020, le autorità del Regno Unito hanno annunciato che le aree colpite sarebbero state soggette a restrizioni di livello 4 tra cui riunioni sociali ridotte, restrizioni di movimento più severe, richieste di lavoro da casa, ove possibile, e chiusura di attività non essenziali.

Valutazione del rischio dell’OMS

L’OMS precisa che Tutti i virus, incluso SARS-CoV-2, cambiano nel tempo, ma la maggior parte di queste mutazioni o cambiamenti non ha un beneficio diretto per il virus o può persino essere dannoso per la sua propagazione. Sono necessarie ulteriori indagini di laboratorio per comprendere più pienamente l’impatto di una specifica mutazione sulle proprietà virali e l’efficacia della diagnostica, delle terapie e dei vaccini. Queste indagini sono complesse e richiedono tempo e collaborazione tra diversi gruppi di ricerca.

La condivisione di sequenze genomiche complete sta facilitando analisi dettagliate da parte dei partner. Il gruppo di lavoro sull’evoluzione del virus dell’OMS sta lavorando con i colleghi del Regno Unito per comprendere meglio i risultati disponibili e supportare ulteriori studi.

I consigli dell’OMS

L’OMS consiglia di condurre ulteriori studi epidemiologici e virologici per comprendere le mutazioni specifiche descritte dal Regno Unito e da altri paesi per indagare ulteriormente su eventuali cambiamenti nella funzione del virus in termini di infettività e patogenicità. L’OMS consiglia a tutti i paesi di aumentare il sequenziamento di routine dei virus SARS-CoV-2, ove possibile, e la condivisione dei dati di sequenza a livello internazionale, in particolare, per segnalare se vengono trovate le stesse mutazioni preoccupanti.

L’OMS desidera attirare l’attenzione sulla preoccupazione per la perdita di prestazioni segnalata dei test PCR che prendono di mira il gene spike del virus. Si consiglia ai laboratori che utilizzano kit PCR commerciali per i quali i geni virali mirati non sono chiaramente identificati nelle istruzioni del produttore di contattare il produttore per ulteriori informazioni. Anche i laboratori che utilizzano test PCR interni che prendono di mira il gene Spike del virus dovrebbero essere consapevoli di questo potenziale problema. Al fine di limitare l’impatto sulle capacità di rilevamento nei paesi, si raccomanda anche un approccio che utilizza diversi saggi in parallelo o saggi multiplex mirati a diversi geni virali per consentire il rilevamento di potenziali varianti derivanti.

Vengono ribaditi i consueti consigli per prevenire la diffusione della malattia, come il distanziamento sociale, il lavaggio frequente delle mani e l’uso delle mascherine.

L’OMS raccomanda queste misure sanitarie per tutti i viaggiatori, inclusi quelli diretti o in arrivo dal Regno Unito. In caso di sintomi indicativi di una malattia respiratoria acuta durante o dopo il viaggio, i viaggiatori sono incoraggiati a consultare un medico e condividere la propria storia di viaggio con il proprio medico curante. Le autorità sanitarie dovrebbero collaborare con i settori dei viaggi, dei trasporti e del turismo per fornire ai viaggiatori informazioni per ridurre il rischio generale di infezioni respiratorie acute, tramite cliniche sanitarie di viaggio, agenzie di viaggio, operatori di trasporto e ai punti di ingresso.

 

 

Articolo precedenteChiariti alcuni processi chiave della divisione cellulare nei tumori
Articolo successivoLa mortalità per malattie cardiovascolari è in costante aumento
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Una volta specializzato in cardiologia, ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017. I suoi principali campi di interesse in ambito medico sono il sistema neurovegetativo cardiovascolare e gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute. Appassionato di viaggi, ha percorso molti chilometri sulle strade dell'Europa, del Nord America e dell’America Latina, sempre alla ricerca delle espressioni più autentiche della natura, pubblicando alcuni libri dedicati al Sudamerica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

sette + 19 =