COVID-19: i pazienti di sesso maschile hanno forme più gravi di malattia

Un’analisi globale condotta su oltre tre milioni di casi di COVID-19, suggerisce che i pazienti maschi con la malattia hanno quasi tre volte più probabilità di richiedere un ricovero in terapia intensiva, rispetto alle pazienti di sesso femminile. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, rileva inoltre che i pazienti maschi hanno un rischio più elevato di morte per COVID-19.

Un’analisi su larga scala dei dati globali.

L’evidenza clinica di questi mesi suggeriva che i pazienti di sesso maschile andassero incontro a forme più gravi di della malattia da COVID-19. Tuttavia, questa ipotesi non era mai stata convalidata con un’analisi su larga scala dei dati globali.

La meta-analisi è stata condotta sui dati raccolti da 92 report, dal 1 ° gennaio 2020 al 1 ° giugno 2020, ottenuti da siti web governativi e dalla letteratura. Kate Webb, Claire Deakin e colleghi hanno studiato se il sesso fosse un fattore di rischio che potesse in qualche modo favorire l’infezione da SARS-CoV-2 e la mortalità da COVID-19.

Una maggiore probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva

In totale, la loro analisi ha incluso 3.111.714 casi, in cui è stato registrato il sesso, da 46 paesi e 44 stati negli Stati Uniti. Gli autori hanno scoperto che nel loro campione non vi era alcuna differenza nella proporzione di pazienti maschi e femmine che erano stati infettati da SARS-CoV-2. Tuttavia, è stato riscontrato che i pazienti di sesso maschile avevano una maggiore probabilità (2,84 volte più alta) di essere ricoverati in un’unità di terapia intensiva a causa del COVID-19. Inoltre, nel loro campione le probabilità di morte per COVID-19 erano 1,39 volte più alte per i pazienti maschi rispetto alle femmine.

Gli autori suggeriscono che le differenze nelle risposte immunitarie dei diversi sessi potrebbero essere un fattore nei risultati che hanno osservato. Tuttavia, possono influire anche altri fattori biologici e comorbilità basate sul sesso. Gli autori sostengono che sebbene siano necessari ulteriori studi, questi dati hanno importanti implicazioni per la gestione clinica di COVID-19 e nelle strategie da adottare per la sua mitigazione.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 3 =