Home Covid-19 COVID-19: i pazienti di sesso maschile hanno forme più gravi di malattia

COVID-19: i pazienti di sesso maschile hanno forme più gravi di malattia

12
0

Un’analisi globale condotta su oltre tre milioni di casi di COVID-19, suggerisce che i pazienti maschi con la malattia hanno quasi tre volte più probabilità di richiedere un ricovero in terapia intensiva, rispetto alle pazienti di sesso femminile. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, rileva inoltre che i pazienti maschi hanno un rischio più elevato di morte per COVID-19.

Un’analisi su larga scala dei dati globali.

L’evidenza clinica di questi mesi suggeriva che i pazienti di sesso maschile andassero incontro a forme più gravi di della malattia da COVID-19. Tuttavia, questa ipotesi non era mai stata convalidata con un’analisi su larga scala dei dati globali.

La meta-analisi è stata condotta sui dati raccolti da 92 report, dal 1 ° gennaio 2020 al 1 ° giugno 2020, ottenuti da siti web governativi e dalla letteratura. Kate Webb, Claire Deakin e colleghi hanno studiato se il sesso fosse un fattore di rischio che potesse in qualche modo favorire l’infezione da SARS-CoV-2 e la mortalità da COVID-19.

Una maggiore probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva

In totale, la loro analisi ha incluso 3.111.714 casi, in cui è stato registrato il sesso, da 46 paesi e 44 stati negli Stati Uniti. Gli autori hanno scoperto che nel loro campione non vi era alcuna differenza nella proporzione di pazienti maschi e femmine che erano stati infettati da SARS-CoV-2. Tuttavia, è stato riscontrato che i pazienti di sesso maschile avevano una maggiore probabilità (2,84 volte più alta) di essere ricoverati in un’unità di terapia intensiva a causa del COVID-19. Inoltre, nel loro campione le probabilità di morte per COVID-19 erano 1,39 volte più alte per i pazienti maschi rispetto alle femmine.

Gli autori suggeriscono che le differenze nelle risposte immunitarie dei diversi sessi potrebbero essere un fattore nei risultati che hanno osservato. Tuttavia, possono influire anche altri fattori biologici e comorbilità basate sul sesso. Gli autori sostengono che sebbene siano necessari ulteriori studi, questi dati hanno importanti implicazioni per la gestione clinica di COVID-19 e nelle strategie da adottare per la sua mitigazione.

 

 

Articolo precedenteLesioni classificate come cancro del colon-retto possono in realtà essere tumori a basso rischio
Articolo successivoUna pressione arteriosa elevata sembra accelerare il declino cognitivo
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

cinque × 5 =