Una pressione arteriosa elevata sembra accelerare il declino cognitivo

L’ipertensione arteriosa sembra accelerare il declino delle prestazioni cognitive negli adulti di mezza età e negli anziani. È quanto mette in luce una recente ricerca, pubblicata sulla rivista Hypertension.

Avere la pressione alta è un fattore di rischio per il declino cognitivo, con influenze negative su aspetti come memoria, fluidità verbale, attenzione e concentrazione.

Gli effetti negativi dell’ipertensione sulla funzione cognitiva

Secondo le linee guida dell’American Heart Association, la pressione arteriosa è considerata normale se i valori sistolici sono inferiori a 120 mmHg e i diastolici inferiori a 80 mmHg. Se la pressione sistolica è compresa tra 120 e 129 mmHg e la diastolica è inferiore a 80 mmHg viene considerata elevata. Il primo stadio di ipertensione si raggiunge quando i valori sistolici sono compresi tra 130 e 139 mmHg o i valori diastolici sono compresi tra 80 e 89 mmHg.

“Inizialmente avevamo previsto che gli effetti negativi dell’ipertensione sulla funzione cognitiva sarebbero stati più critici quando l’ipertensione era iniziata in giovane età, tuttavia, i nostri risultati mostrano un declino delle prestazioni cognitive accelerato simile se l’ipertensione è iniziata nella mezza età o in età avanzata. Abbiamo anche scoperto che trattare efficacemente l’ipertensione a qualsiasi età in età adulta potrebbe ridurre o prevenire questa accelerazione. Collettivamente, i risultati suggeriscono che l’ipertensione deve essere prevenuta, diagnosticata e trattata efficacemente negli adulti di qualsiasi età per preservare la funzione cognitiva”,

ha detto l’autore dello studio Sandhi M. Barreto, professore di medicina presso l’Universidade Federal de Minas Gerais a Belo Horizonte, in Brasile.

La velocità del declino cognitivo è indipendente dalla durata dell’ipertensione

Barreto e colleghi hanno analizzato i risultati di uno studio esistente che includeva informazioni sulla pressione arteriosa e sulla salute cognitiva per oltre 7.000 adulti in Brasile, la cui età media era di circa 59 anni all’inizio dello studio. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per una media di quasi quattro anni. I test includevano l’analisi della memoria, della fluidità verbale e della funzione esecutiva, che include attenzione, concentrazione e altri fattori associati al pensiero e al ragionamento.

I risultati hanno evidenziato che la pressione sistolica compresa tra 121 e 139 mmHg o la pressione diastolica tra 81 e 89 mmHg, senza l’uso di farmaci antipertensivi, era associata a un declino accelerato delle prestazioni cognitive tra gli individui di mezza età e gli anziani.

La velocità del declino cognitivo si è verificata indipendentemente dalla durata dell’ipertensione. Il che significa che l’ipertensione per un certo periodo di tempo, anche di breve durata, potrebbe influire sulla velocità del declino cognitivo di una persona.

Anche livelli di pre-ipertensione si associano al declino cognitivo

Gli adulti con ipertensione incontrollata tendevano a sperimentare cali notevolmente più rapidi della memoria e della funzione cognitiva globale rispetto agli adulti che avevano un’ipertensione ben controllata dai farmaci.

“Oltre ad altri comprovati benefici del controllo della pressione sanguigna, i nostri risultati evidenziano l’importanza di diagnosticare e controllare l’ipertensione nei pazienti di qualsiasi età per prevenire o rallentare il declino cognitivo. I nostri risultati rafforzano anche la necessità di mantenere livelli di pressione sanguigna più bassi per tutta la vita, dal momento che anche i livelli di pre-ipertensione erano associati al declino cognitivo”,

ha detto Barreto.

Secondo Barreto, alcuni dei limiti dello studio sono il periodo di follow-up relativamente breve e il fatto che i partecipanti hanno riportato la diagnosi di ipertensione al basale.

“Sebbene i partecipanti al nostro studio siano adulti brasiliani, riteniamo che i nostri risultati siano applicabili ad altre regioni. Studi precedenti hanno dimostrato che comportamenti malsani e fattori di rischio simili, inclusa l’ipertensione, sono comuni nello sviluppo di malattie cardiovascolari in diverse popolazioni in tutto il mondo”,

ha concluso Barreto.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 13 =