Maserati Corse 2020: MC20, la supersportiva che mancava

A Cura di Guidare nel Mondo.

Maserati ha presentato lo scorso settembre la sua nuova supersportiva, la MC20, a Modena, in occasione dell’evento MMXX: Time to be audacious. Rappresenta l’auto che mancava alla serie di modelli del tridente.

La sigla, MC20, deriva da due parole, Maserati Corse, e dall’anno di presentazione, il 2020. La vettura si caratterizza per una eccellente efficienza aerodinamica e il nuovo motore, Nettuno, un V6 da 630 cavalli e 730 Nm di coppia che garantisce un’accelerazione da 0-100 km/h in meno di 2,9” e una velocità massima superiore ai 325 km orari. Un motore che segna il ritorno di Maserati alla produzione dei propri propulsori dopo oltre 20 anni.

MC20: vista dall’esterno

MC20 è una vettura estremamente leggera che pesa meno di 1.500 kg (peso in ordine di marcia) e grazie ai 630 CV erogati esprime un rapporto peso/potenza di 2,33 kg/CV. Per raggiungere questo primato si è puntato sulla scelta dei materiali di qualità, sfruttando la fibra di carbonio, senza nulla sacrificare in termini di comfort.

Nettuno, il primo motore di questo nuovo capitolo, è il V6 biturbo della MC20, un gioiello tecnologico che ha già ottenuto un brevetto depositato a livello internazionale e che porta in strada la tecnologia MTC (Maserati Twin Combustion), l’innovativo sistema di combustione sviluppato in casa.

MC20 è stata progettata a Modena e verrà prodotta nella sede di Viale Ciro Menotti da cui, da oltre 80 anni, escono i modelli della Casa del Tridente. Nello storico capannone è pronta la nuova linea di produzione, realizzata negli spazi dove fino a novembre 2019 venivano assemblate le GranTurismo e le GranCabrio. Totalmente nuovo l’impianto di verniciatura, dotato di tecnologie innovative a basso impatto ambientale. Anche Nettuno nascerà nella città emiliana, nell’appena nato Maserati Engine Lab.

Per ulteriori dettagli su questa e altre auto e scoprire itinerari di viaggio, sulle strade del mondo, visita il sito

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + cinque =