Home Covid-19 COVID-19: le cellule B della memoria possono proteggere da una nuova infezione

COVID-19: le cellule B della memoria possono proteggere da una nuova infezione

9
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature l’immunità all’infezione da SARS-CoV-2 può durare almeno sei mesi. Un’analisi di 87 individui che erano stati infettati da SARS-CoV-2 rivela che i livelli di specifiche cellule B della memoria sono rimasti costante durante il periodo di studio. Le cellule B della memoria sono cellule immunitarie che persistono anche dopo che l’infezione è guarita e possono proliferare rapidamente e generare anticorpi contro SARS-CoV-2 in caso di reinfezione. I risultati suggeriscono che le persone che sono state precedentemente infettate da SARS-CoV-2 possono potenzialmente indurre una risposta immunitaria rapida ed efficace dopo una nuova esposizione al virus.

Gli anticorpi umani contro il virus SARS-CoV-2

Il sistema immunitario umano risponde alle infezioni producendo anticorpi che possono neutralizzare specificamente l’agente infettivo. È stato dimostrato che gli anticorpi umani contro il virus SARS-CoV-2 proteggono dalle infezioni nei modelli animali. I livelli di questi anticorpi possono diminuire nel tempo, ma le cellule B della memoria, come suggerisce il nome, “ricordano” l’agente infettivo e possono spingere il sistema immunitario a produrre gli stessi anticorpi in caso di reinfezione.

Michel Nussenzweig e colleghi hanno valutato 87 persone con una diagnosi confermata di COVID-19 a 1,3 e 6,2 mesi dopo l’infezione da SARS-CoV-2. Hanno scoperto che sebbene l’attività degli anticorpi neutralizzanti diminuisca nel tempo, il numero di cellule B della memoria rimane invariato. Inoltre, gli autori mostrano che gli anticorpi prodotti da queste cellule sono più potenti degli anticorpi originali e possono essere più resistenti alle mutazioni nella proteina spike del virus, quella porzione esterna di microorganismo che media il suo ingresso nelle cellule.

Queste osservazioni dimostrano che le cellule B della memoria hanno la capacità di evolversi in presenza di piccole quantità di antigene virale persistente, piccole proteine ​​del virus che possono essere rilevate dal sistema immunitario.

Gli autori concludono che la continua presenza ed evoluzione delle cellule B della memoria suggerisce che le persone potrebbero essere in grado di produrre rapidamente potenti anticorpi neutralizzanti il ​​virus dopo la reinfezione con SARS-CoV-2.

 

 

Articolo precedenteIl riscaldamento degli oceani ha raggiunto il valore più elevato mai registrato
Articolo successivoGastruloidi: organoidi embrionali in alternativa alla sperimentazione animale
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tre + 5 =