Mascherina per il viso

COVID-19: l’uso delle mascherine aiuta a limitare la trasmissione del virus

L’uso delle mascherine è associato a un migliore controllo della trasmissione di COVID-19 nella comunità. È quanto dimostra uno studio che collega i dati di un sondaggio su oltre 300.000 persone negli Stati Uniti, con stime localizzate di trasmissione del virus basate sul numero riproduttivo. La ricerca è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Digital Health.

Lo studio, basato su dati osservazionali e modelli matematici, ha rilevato che un aumento del 10% nell’indossare la mascherina era associato a probabilità più di 3 volte superiori di mantenere il numero riproduttivo istantaneo Rt, che misura il numero di casi secondari derivanti da un singolo caso per un dato punto temporale, inferiore a 1. Un numero Rt inferiore a 1 è considerato un segno chiave che la trasmissione del virus sta rallentando.

I potenziali benefici del loro utilizzo

La frequenza con cui viene indossata la mascherina è aumentata costantemente durante il periodo dell’indagine, tra il 3 giugno e il 27 luglio 2020, ma gli autori non hanno riscontrato un ulteriore aumento del tasso dopo l’introduzione di mandati locali in 12 stati. I ricercatori affermano che questo potrebbe spiegare perché gli studi che analizzano gli effetti degli interventi sull’obbligo ad indossare le mascherine possono portare a risultati contrastanti nonostante i potenziali benefici del loro utilizzo.

Lo studio non può dimostrare che l’uso della mascherina sia direttamente responsabile del rallentamento della trasmissione del virus ed è possibile che le persone che riferiscono di indossare maschere possano anche impegnarsi in altri comportamenti che riducono il rischio di infezione da COVID-19, come l’aumento del lavaggio delle mani. Questo punto non è stato affrontato nello studio.

Tuttavia, i risultati forniscono ulteriore supporto per l’adozione da parte della comunità di maschere facciali come intervento importante per ridurre la trasmissione di SARS-CoV-2.

Il professor John Brownstein, autore senior dello studio, del Boston Children’s Hospital, ha dichiarato: “Indossare mascherine o rivestimenti per il viso negli spazi pubblici è stato consigliato dai governi di tutto il mondo per cercare di arginare la trasmissione di COVID-19. L’obiettivo è fornire una barriera fisica che prevenga la diffusione di goccioline cariche di virus. Tuttavia, le prove passate sull’efficacia dell’uso della mascherina contro la trasmissione di COVID-19 sono contrastanti e la creazione di studi randomizzati controllati per indagare su questo è difficile.

I nostri risultati, basati su dati osservazionali, suggeriscono un vantaggio per la comunità nell’indossare maschere per il viso per rallentare la trasmissione di COVID-19; tuttavia, i soli mandati potrebbero non essere sufficienti per aumentare l’uso della maschera. Raccomandiamo ai responsabili politici di prendere in considerazione strategie aggiuntive per valutare e aumentare l’uso della maschera al fine di interrompere l’epidemia di COVID-19 in corso”.

Possono ridurre la quantità di virus rilevabile nell’aria espirata

Le maschere per il viso possono aiutare a prevenire la trasmissione di COVID-19 proteggendo chi le indossa dall’infezione e impedendo a chi le indossa di trasmettere il virus. Studi di laboratorio hanno dimostrato che le maschere facciali possono ridurre la quantità di virus rilevabile nell’aria espirata. Tuttavia, uno studio controllato, randomizzato, non ha mostrato alcun impatto dell’uso della maschera sul rischio di infezione da COVID-19 di chi le indossa. Verificare se l’uso della maschera protegge gli altri dall’infezione da parte di chi la indossa è logisticamente impegnativo, potenzialmente non etico e non è stato esplorato in uno studio clinico.

Il nuovo studio ha utilizzato modelli matematici per indagare l’associazione tra uso della maschera auto-riferito, distanza fisica e trasmissione di SARS-CoV-2 negli Stati Uniti.

È stato utilizzato un sondaggio basato sul web per raccogliere dati auto-riferiti sulle abitudini di indossare la mascherina in tutti i 50 stati e nel Distretto di Columbia. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare su una scala di quattro punti la probabilità di indossare una maschera mentre fanno la spesa o visitano familiari e amici.

I livelli di distanza fisica all’interno di ogni stato sono stati stimati dalla quantità di tempo che le persone trascorrono a casa, sulla base di dati resi anonimi dagli utenti di Google che avevano scelto di consentire la condivisione della cronologia delle posizioni sui propri dispositivi mobili.

Questi dati sono stati confrontati con un periodo di riferimento (3 gennaio – 6 febbraio 2020), prima che le persone cambiassero i loro comportamenti di mobilità come conseguenza della pandemia COVID-19. Come misura alternativa della distanza fisica. I ricercatori hanno anche utilizzato i dati sul numero di contatti sociali auto-segnalati riportati dall’indagine sui sintomi COVID-19 dei gruppi di ricerca Delphi, della Carnegie Mellon University (fornita tramite la piattaforma web di Facebook), per verificare l’affidabilità dei loro risultati che erano basati sui dati di Google.

L’uso di mascherine era più alto tra le persone di età pari o superiore a 65 anni

I ricercatori hanno stimato i livelli di trasmissione del virus in ogni stato nel tempo, in base al numero Rt stimato giornaliero ottenuto dal database disponibile pubblicamente Rt.live e adattato ai dati dei casi da altri due database aperti, il COVID Tracking Project e il COVID-19 data working group.

Lo studio non tiene conto del tracciamento dei contatti e dei test diagnostici, che possono svolgere un ruolo importante nel controllo della trasmissione. Inoltre, i ricercatori non hanno studiato tipi specifici di maschere o l’uso di schermi per il viso insieme a maschere.

Sono state registrate 378.207 risposte al sondaggio web. La maggior parte degli intervistati ha riferito di essere “molto propensa” a indossare una maschera per il viso al supermercato (84,6%), mentre meno della metà lo ha fatto per visitare familiari o amici (40,2%). Pochissimi hanno riferito di “non indossare affatto una maschera” (4,7%).

L’uso di mascherine era più alto tra le persone di età pari o superiore a 65 anni (48%) e gruppi di razza diversi dai bianchi (neri, 62%; ispanici, 57%; altri, 49%). L’uso delle maschere variava anche in base alla posizione geografica, con la percentuale più alta di maschere segnalate riscontrate lungo le coste e il confine meridionale degli Stati Uniti, nonché nelle grandi aree urbane.

Leggi per imporre l’uso delle mascherine

Durante il periodo di tempo studiato a giugno e luglio 2020, sono state introdotte leggi per imporre l’uso di mascherine negli spazi pubblici in 12 stati. Il gruppo ha confrontato le abitudini di indossare la maschera auto-riferite nelle due settimane precedenti e nelle due settimane successive all’introduzione di questi mandati. Hanno scoperto che c’è un aumento generale nell’uso di maschere segnalato prima che queste politiche entrino in vigore, che continua dopo la loro attuazione. I ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per capire quale ruolo giocano i mandati nel mantenere questa tendenza e quali altri fattori possono influenzare le decisioni delle persone di indossare o meno una maschera.

La coautrice dott.ssa Christina M. Astley, del Boston Children’s Hospital e della Harvard Medical School, ha affermato: “I nostri risultati suggeriscono che l’uso diffuso di maschere facciali può aiutare a controllare la trasmissione della SARS-CoV-2. Il mondo sta affrontando un ceppo di coronavirus trasmissibile, gli ospedali stanno lottando con nuovi casi e i programmi di vaccinazione sono ancora in fase di lancio. Ora sono necessari interventi per ridurre il carico sui nostri sistemi sanitari. Questa ricerca fornisce ulteriori prove che tali interventi dovrebbero includere l’indossare mascherine per il viso per proteggerci, così come la distanza fisica.”

Background geografici e demografici diversi

Gli autori notano diversi limiti al loro studio. I partecipanti al sondaggio sono stati reclutati su invito casuale a persone che avevano completato altri sondaggi su una piattaforma online e non erano stati selezionati in modo casuale dall’intera popolazione. Questo approccio raggiunge persone con background geografici e demografici diversi, ma può escludere gruppi con accesso limitato a Internet.

I dati sulle abitudini di indossare la mascherina sono stati auto-riportati e non è noto quanto siano correlati al comportamento reale. Le persone possono riferire di indossare maschere per il viso nonostante non lo facciano in pratica, perché credono che sia socialmente più desiderabile, o viceversa.

I dati utilizzati per stimare le pratiche di distanziamento fisico si basano sull’utilizzo del telefono cellulare e potrebbero non riflettere accuratamente i comportamenti nelle aree di minore proprietà.

Inoltre, i ricercatori hanno controllato la densità di popolazione di ogni stato per tenere conto del fatto che indossare la maschera può avere un effetto maggiore nelle comunità più densamente popolate, come gli stati con molte città. Tuttavia, lo studio non ha confrontato le città rispetto alle aree rurali e ha esaminato solo la densità complessiva della popolazione statale. Questo può influenzare i loro risultati in quanto vi sono importanti relazioni tra il luogo in cui un individuo vive e la loro probabilità di indossare una maschera.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due − 1 =