L’ictus nella donna: una serie speciale di articoli

Il peso dell’ictus e il modo in cui colpisce in modo sproporzionato le donne sono evidenziati in una nuova serie di articoli pubblicata nei giorni scorsi sulla prestigiosa rivista Stroke. I redattori hanno selezionato nove manoscritti incentrati sulle disparità dell’ictus nelle donne, in collaborazione con Go Red for Women®, il movimento globale dell’American Heart Association.

“L’ictus continua a essere una delle principali cause di morte e disabilità in tutto il mondo, con le donne che sono maggiormente colpite dall’onere globale dell’ictus”, ha affermato Ralph L. Sacco, direttore di Stroke, ex presidente di l’American Heart Association. “Con l’invecchiamento della nostra popolazione, il numero di sopravvissuti all’ictus continuerà ad aumentare, soprattutto tra le donne. Dobbiamo includere più donne nella ricerca sull’ictus in modo da poter migliorare le prove critiche necessarie per fornire i trattamenti appropriati per l’ictus necessari per salvare e migliorare la vita.”

La seconda causa di morte

In tutto il mondo, l’ictus è la seconda causa di morte. Ogni anno più di 101 milioni di persone hanno un ictus e più di 6,6 milioni di persone muoiono di ictus. Circa 1 su 4 sopravvissuti a ictus subirà un altro ictus entro cinque anni.

“I documenti evidenziati in questo numero presentano una ricerca internazionale e una prospettiva da più di mezza dozzina di paesi”, ha affermato Sacco, presidente del dipartimento di neurologia, Olemberg Family Chair in Neurological Disorders e direttore esecutivo dell’Evelyn F. McKnight Brain Institute a l’Università di Miami Leonard Miller School of Medicine, a Miami, in Florida. “Questo lavoro collettivo di alcuni dei più celebri scienziati del settore offre importanti informazioni, raccomandazioni e indicazioni per affrontare questo argomento critico”.

Due degli studi hanno affrontato le preoccupazioni sulla mancanza di donne negli studi clinici sull’ictus, limitando così le informazioni che possono garantire un trattamento appropriato per l’ictus per le donne.

Why Are Women Less Represented in Intracerebral Hemorrhage Trials? – Tatiana Greige et al. 

In questo studio i ricercatori hanno esaminato i diversi motivi per cui uomini e donne sono stati esclusi da un importante studio sul trattamento degli ictus emorragici.

Lo studio sull’emorragia intracerebrale DEFeroxamine (iDEF) era uno studio prospettico, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, che ha valutato l’uso di infusioni di deferoxamina mesilato rispetto a placebo in pazienti con ictus emorragico, in 40 ospedali in Canada e gli Stati Uniti. Sebbene iDEF includesse 293 partecipanti, solo il 38,2% dei questi erano donne. La ragione principale di questa disparità è stata l’esclusione dei partecipanti di età superiore agli 80 anni. Il 22,4% delle donne non è stato incluso nello studio per questo motivo contro il 12,61% degli uomini.

The under-enrollment of women in stroke clinical trials: What are the causes and what should be done about it? – Cheryl Carcel, Matthew Reeves

Affrontare la barriera dell’età nella ricerca sull’ictus è una delle numerose raccomandazioni offerte in un commento alle presentazioni fatte alla conferenza virtuale 2020 della European Stroke Organization-World Stroke Organization. Gli autori hanno notato che le discrepanze nell’arruolamento delle donne negli studi clinici sull’ictus sollevano preoccupazioni sulla generalizzabilità dei risultati degli studi, nonché sul potenziale per un accesso ridotto e l’uso di nuove terapie nelle donne.

I loro consigli per affrontare questo problema includono la programmazione di ulteriori ricerche, sia quantitative che qualitative, per identificare le cause e gli ostacoli all’arruolamento di donne negli studi clinici sull’ictus. In particolare, per capire come gli atteggiamenti e le convinzioni delle donne nei confronti della ricerca e della salute in generale possano influenzare la loro partecipazione agli studi.

Gli studi sull’ictus dovrebbero evitare di utilizzare un limite di età superiore come criterio di esclusione (ad esempio,> 80 anni) poiché è stato dimostrato che questo ha un effetto sproporzionato sul numero di donne arruolate negli studi.

Inoltre, i ricercatori dovrebbero compiere maggiori sforzi per raccogliere dati appropriati dai registri di screening degli studi per identificare meglio i fattori specifici che potrebbero aiutare a capire perché le donne potrebbero essere sotto-arruolate negli studi sull’ictus.

Il numero dei ricercatori e del personale di ricerca che sono donne dovrebbe essere aumentato e ha il potenziale per creare ambienti in cui più donne sono arruolate negli studi clinici sull’ictus.

Sex, age, and socioeconomic differences in non-fatal stroke incidence and subsequent major adverse outcomes – Ralph K. Akyea et al.

I ricercatori di questo ampio studio di coorte hanno utilizzato i dati del Clinical Practice Research Datalink (CPRD) e dell’Hospital Episode Statistics (HES) per valutare l’incidenza dell’ictus nella popolazione generale del Regno Unito dal 1998 al 2019. Durante questo periodo, 82.774 persone sono sopravvissute a un ictus, di cui 44.614 (53,9%) erano donne. Gli uomini nello studio hanno sperimentato ictus in giovane età rispetto alle donne (71,4 vs 76,9 anni, rispettivamente). Gli uomini di età compresa tra 30 e 74 anni avevano tassi di incidenza di ictus più elevati rispetto alle donne. Tuttavia, tra coloro di età pari o superiore a 75 anni, i tassi di incidenza erano molto più alti nelle donne.

Il tasso di incidenza di ictus tra le persone classificate al livello più basso dello stato socioeconomico era superiore del 10% rispetto al tasso nella posizione socioeconomica più alta. Quelle classifiche erano basate su fattori come il reddito, occupazione, istruzione, abilità e formazione, salute e disabilità, crimine, barriere agli alloggi e ai servizi e l’ambiente di vita.

I ricercatori hanno anche esaminato un sottogruppo di 68.877 sopravvissuti a ictus che non avevano avuto complicazioni precedenti. Di questi, 47.500 alla fine hanno avuto un evento cardiovascolare avverso maggiore, 25.731 erano donne (68,8% di tutte le donne sopravvissute); 33.831 hanno avuto un altro ictus (più del 52% erano donne); 20.335 sono morti per qualsiasi causa (più del 59% erano donne) e 9.174 sono morti per complicazioni cardiovascolari (più del 61% erano donne).

I ricercatori hanno notato che i loro risultati mostrano che un maggiore carico di esiti avversi maggiori (come un evento cardiovascolare, ictus o morte) osservati nelle donne rispetto agli uomini dopo il primo ictus non fatale è in gran parte rappresentato dall’età e dallo stato socioeconomico.

Advances in Stroke: Stroke in Women – Moira K. Kapral et al.

Questo documento evidenzia i recenti progressi nella comprensione delle differenze di sesso nei benefici della terapia endovascolare, i risultati dopo l’ictus e il potenziale per prevenire l’ictus nelle donne con una storia di disturbi ipertensivi della gravidanza. Questo documento prospettico include l’analisi dei dati di diversi studi clinici.

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento relativamente nuovo della rimozione meccanica di un coagulo sanguigno, noto come terapia endovascolare (EVT), è stato associato a un’indipendenza funzionale simile nelle donne e negli uomini. Inoltre, le donne hanno avuto un guadagno di quasi due anni nella vita aggiustata per la disabilità anni dopo l’EVT rispetto agli uomini. Le donne e gli uomini hanno avuto una simile mortalità a 90 giorni, indipendenza funzionale, risultati di sicurezza e ripristino riuscito del flusso ematico al cervello.

I ricercatori hanno notato che mentre molti studi clinici sull’EVT tendevano ad escludere le donne anziane con disabilità pre-ictus e condizioni di comorbidità, i risultati della loro analisi indicano che questo trattamento è ugualmente vantaggioso per uomini e donne.

Gli autori hanno identificato numerosi casi di donne con esiti di ictus peggiori rispetto agli uomini e le donne avevano tassi più elevati di morte, disabilità e qualità della vita, molti dei quali possono essere attribuiti all’età, alla gravità dell’ictus, alla capacità funzionale pre-ictus e alla depressione. Suggeriscono che gli obiettivi per gli interventi potrebbero includere sforzi per ridurre la gravità dell’ictus (ad esempio, attraverso la gestione dei fattori di rischio di ictus), affrontare i disturbi dell’umore (ad esempio, attraverso lo screening e il trattamento di routine) e ottimizzare lo stato funzionale e la qualità della vita (ad esempio, attraverso la riabilitazione).

Un’altra analisi ha rilevato che le donne hanno meno probabilità degli uomini (67,8% contro 76,8%) di essere diagnosticati con ictus o evento cerebrovascolare e ci sono meno indagini sulle cause dell’ictus tra le donne. Gli autori hanno notato che questi risultati sono coerenti con le ricerche precedenti precedente e la mancanza di identificazione delle cause e la gestione dei fattori di rischio vascolare potrebbero avere conseguenze pericolose.

I ricercatori hanno anche analizzato i risultati del California Teachers Study che ha rilevato come il rischio di ictus prima dei 60 anni è stato modificato dall’uso di aspirina nelle donne con disturbi ipertensivi della gravidanza. Le donne che non usavano l’aspirina avevano un aumentato rischio di ictus, mentre quelle in terapia con aspirina no. Gli autori hanno notato che il fatto che l’aspirina può prevenire la preeclampsia se assunta durante la gravidanza suggerisce un collegamento interessante per l’uso di aspirina, i disturbi ipertensivi della gravidanza e il rischio di ictus ischemico oltre l’età fertile.

Questi risultati sono coerenti con studi precedenti che hanno identificato i disturbi ipertensivi della gravidanza come un fattore di rischio per l’ictus successivo e gli autori suggeriscono che l’aspirina potrebbe essere un obiettivo per futuri studi controllati per la prevenzione dell’ictus.

Gli altri studi in questo numero speciale

  • The female stroke – sex differences in acute treatment and early outcomes of acute ischemic stroke – Anna Bonkhoff et al.
  • Absence of consistent sex differences in outcomes from symptomatic carotid endarterectomy and stenting trials – Virginia Howard et al.
  • Influence of pregnancy on hemorrhage risk in women with cerebral and spinal cavernous malformations – Nycole Joseph et al.
  • Sex-related differences in clinical features, neuroimaging and long-term prognosis after transient ischemic attack – Francisco Purroy et al.
  • Stroke incidence by sex across the lifespan – Manav Vyas et al.

Questo il link per accedere alla AHA Journals Go Red For Women® Collection.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + sedici =