I nuovi coronavirus che potrebbero arrivare dagli animali

La scala potenziale della generazione di nuovi coronavirus negli animali selvatici e domestici potrebbe essere stata altamente sottovalutata. A suggerirlo è uno studio di apprendimento automatico, pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Il documento identifica i mammiferi che sono potenziali ospiti di nuovi ceppi di coronavirus, comprese le specie implicate in epidemie precedenti (come pipistrelli a ferro di cavallo, civette delle palme e pangolini) e alcuni nuovi candidati. Prevedere quali animali potrebbero potenzialmente essere la fonte di un futuro focolaio di coronavirus può guidare gli approcci per ridurre il rischio di insorgenza nelle popolazioni umane.

I nuovi coronavirus

Nuovi coronavirus possono emergere quando due diversi ceppi co-infettano un animale, provocando la ricombinazione del materiale genetico virale. La nostra comprensione della suscettibilità dei diversi mammiferi ai diversi coronavirus è stata limitata; tali informazioni potrebbero offrire approfondimenti su dove potrebbe avvenire la ricombinazione. Maya Wardeh e colleghi hanno cercato di colmare questa lacuna nelle nostre conoscenze utilizzando un approccio di apprendimento automatico per prevedere le relazioni tra 411 ceppi di coronavirus e 876 potenziali specie di mammiferi ospiti.

Gli autori prevedono così i mammiferi che hanno maggiori probabilità di essere coinfettati e quindi essere potenziali ospiti di ricombinazione per la produzione di nuovi coronavirus.

Il pipistrello a ferro di cavallo ospita 68 diversi coronavirus

Le loro analisi suggeriscono che ci sono almeno 11 volte più associazioni tra specie di mammiferi e ceppi di coronavirus rispetto a quanto finora dimostrato dalle osservazioni empiriche. Inoltre, stimano che ci siano oltre 40 volte più specie di mammiferi con quattro o più ceppi di coronavirus rispetto a quanto precedentemente osservato. Ad esempio, si prevede che lo zibetto delle palme asiatico e il pipistrello a ferro di cavallo maggiore ospitino rispettivamente 32 e 68 diversi coronavirus. Gli autori identificano anche gli ospiti in cui potrebbe verificarsi la ricombinazione di SARS-CoV-2 e indicano che potrebbero esserci 30 volte più specie ospiti di quelle attualmente note che hanno il potenziale per ospitare nuovi ceppi di SARS-CoV-2.

Nuovi ospiti previsti in cui SARS-CoV-2 potrebbe potenzialmente ricombinarsi con altri coronavirus includono il riccio comune, il coniglio europeo e il dromedario.

Gli autori riconoscono che i loro risultati si basano su dati limitati ai genomi del coronavirus e sulle associazioni virus-ospite e che ci sono pregiudizi di studio per alcune specie animali, che presentano tutte incertezze nelle previsioni.

Gli autori concludono che, tuttavia, l’identificazione di specie potenzialmente ad alto rischio per la generazione di nuovi ceppi di coronavirus può aiutare gli sforzi di sorveglianza, che potrebbero aiutare a loro volta a fornire informazioni utili per sviluppare efficaci strategie di prevenzione e mitigazione e fornire un sistema di allerta precoce per futuri nuovi coronavirus.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + uno =