Le prime immagini a 360° di Perseverance della superficie di Marte

Il rover Mars Perseverance della NASA ha dato il suo primo sguardo ad alta definizione intorno alla sua nuova casa, nel cratere Jezero. Dopo aver ruotato il suo albero, o “testa”, di 360 gradi, ha consentito allo strumento Mastcam-Z di catturare il suo primo panorama del pianeta, dopo essere atterrata su Marte lo scorso 18 febbraio.

È stato il secondo panorama in assoluto del rover, poiché le sue telecamere di navigazione, o Navcams, anch’esse posizionate sull’albero, hanno catturato una vista a 360 gradi il 20 febbraio.

Mastcam-Z è un sistema a doppia fotocamera dotato di una funzione di zoom, che consente alle telecamere di ingrandire, mettere a fuoco e acquisire video ad alta definizione, nonché immagini panoramiche a colori e 3D della superficie marziana. Con questa capacità, l’astrobiologo robotico può fornire un esame dettagliato di oggetti vicini e distanti.

Determinare quali rocce sono da campionare e raccogliere

Le telecamere aiuteranno gli scienziati a valutare la storia geologica e le condizioni atmosferiche del cratere Jezero e aiuteranno a identificare rocce e sedimenti degni di uno sguardo più attento da parte degli altri strumenti del rover. Le telecamere aiuteranno anche il gruppo della missione a determinare quali rocce il rover dovrebbe campionare e raccogliere per un eventuale ritorno sulla Terra in futuro.

Ricucito insieme da 142 immagini, il panorama appena rilasciato rivela il bordo del cratere e la parete rocciosa di un antico delta del fiume in lontananza. Il sistema di telecamere può rivelare dettagli da 3 a 5 millimetri vicino al rover e da 2 a 3 metri nei pendii lontani lungo l’orizzonte.

L’immagine composita dettagliata mostra una superficie marziana che appare simile alle immagini catturate dalle precedenti missioni del rover della NASA.

“Siamo incastonati in un punto debole, dove si possono vedere diverse caratteristiche simili a quelle trovate da Spirit, Opportunity e Curiosity nei loro siti di atterraggio”, ha detto Jim Bell della School of Earth and Space Exploration dell’Arizona State University, ricercatore principale dello strumento.

Il design di Mastcam-Z è un’evoluzione dello strumento Mastcam del rover Curiosity Mars della NASA, che ha due telecamere di lunghezza focale fissa, anziché telecamere zoomabili. Le due fotocamere delle doppie fotocamere Mastcam-Z di Perseverance sono montate sull’albero del rover, all’altezza degli occhi per una persona alta circa 2 metri. Si trovano a 24,1 centimetri di distanza per fornire una visione stereo e possono produrre immagini a colori con una qualità simile a quella di una fotocamera digitale HD consumer.

Il gruppo di Mastcam-Z comprende dozzine di scienziati, ingegneri, specialisti delle operazioni, manager e studenti provenienti da una varietà di istituzioni. Inoltre, il gruppo include il vice investigatore principale Justin Maki del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 4 =