COVID-19: un intervallo più lungo tra le due dosi del vaccino Oxford si traduce in una maggiore efficacia

Un intervallo di 3 mesi tra le due dosi del vaccino Oxford COVID-19 si traduce in una maggiore efficacia rispetto a un intervallo di 6 settimane. La prima dose offre una protezione del 76% nei 3 mesi tra le due somministrazioni.

Questi risultati, ottenuti da analisi esplorative post-hoc di uno studio controllato, randomizzato, di fase 3, pubblicato sulla rivista The Lancet, suggeriscono che l’intervallo tra le dosi può essere tranquillamente esteso a 3 mesi, data la protezione offerta da una singola dose, il che può consentire ai paesi di vaccinare più rapidamente una quota maggiore della popolazione.

Gli autori fanno notare che questo regime può essere utile quando le scorte di vaccino sono limitate.

Il massimo beneficio per la salute pubblica

L’autore principale dello studio, il professor Andrew Pollard, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, ha affermato:

“È probabile che la fornitura di vaccini sia limitata, almeno a breve termine, e quindi i responsabili politici devono decidere il modo migliore per somministrare le dosi per ottenere il massimo beneficio per la salute pubblica. In caso di offerta limitata, le politiche di vaccinare inizialmente più persone con una singola dose possono fornire una maggiore protezione immediata della popolazione, rispetto alla vaccinazione di metà persone con due dosi. A lungo termine, una seconda dose dovrebbe garantire un’immunità di lunga durata, quindi incoraggiamo tutti coloro che hanno ricevuto il primo vaccino a garantire di ricevere entrambe le dosi”.

Altri vaccini, come quelli per l’influenza, l’Ebola e la malaria, forniscono anche una maggiore protezione e risposte immunitarie più forti dopo un intervallo più lungo tra le dosi.

Dopo l’approvazione normativa di un vaccino, è importante comprendere il miglior intervallo di dose per garantire una sua somministrazione ottimale. I fattori associati a questa strategia includono l’effetto di diversi intervalli sulla protezione dopo la seconda dose e il rischio di infezione tra le dosi a causa della minore efficacia di una singola dose o del rapido declino dell’efficacia durante l’attesa della seconda dose.

Per comprendere questi fattori, gli autori hanno combinato i dati di studi controllati, randomizzati, condotti nel Regno Unito, in Brasile e in Sud Africa, che hanno incluso rispettivamente 8.948, 6.753 e 1.477 persone. I partecipanti avevano un’età pari o superiore a 18 anni e hanno ricevuto due dosi standard del vaccino Oxford COVID-19 (8.597 partecipanti) o un vaccino di controllo/placebo (8.581). Nello studio condotto nel Regno Unito, un sottogruppo di partecipanti (1.396 persone) ha ricevuto una dose inferiore del vaccino come prima dose.

Un intervallo prolungato tra le dosi di vaccino

L’endpoint primario dello studio era il numero di casi COVID-19 sintomatici (confermati da test COVID-19 positivo e con febbre, tosse, mancanza di respiro, perdita dell’olfatto o perdita del gusto) che si verificavano più di 14 giorni dopo la seconda dose del vaccino, nei due gruppi di studio.

Le analisi esplorative nel nuovo studio, ovvero sull’efficacia di un intervallo prolungato tra le dosi di vaccino e della somministrazione di una singola dose, sono state richieste da regolatori e responsabili politici.

Gli autori hanno anche condotto un’analisi per stabilire l’impatto di una o due dosi del vaccino sulla riduzione di tutti i casi di COVID-19, inclusi casi sintomatici, casi con sintomi COVID-19 meno comuni, casi asintomatici e quelli con sintomi sconosciuti. Lo scopo è stato quello di fornire indicazioni su come il vaccino potrebbe aiutare a ridurre la trasmissione nella comunità. Gli autori fanno notare che queste non erano analisi pre-specificate e dovrebbero essere considerate come analisi di supporto alle analisi complessive di efficacia del vaccino.

L’analisi a dose singola includeva partecipanti che avevano scelto di non ricevere una seconda dose (lo studio era stato originariamente impostato come studio con vaccino monodose, e quindi alcuni hanno scelto di non partecipare ulteriormente) e persone che avevano la malattia COVID-19 prima di ricevere la loro seconda dose. Per stabilire l’efficacia di una singola dose, gli autori hanno analizzato i partecipanti che avevano ricevuto la loro prima dose standard risultata positiva per COVID-19 più di 21 giorni dopo.

Una protezione dell’81%

Guardando l’intervallo tra due dosi standard e il suo impatto sull’efficacia, i partecipanti cui sono state somministrate le dosi a distanza di 12 o più settimane una dall’altra avevano una protezione dell’81%, rispetto al 55% evidenziato nelle persone cui erano state somministrate le due dosi a meno di 6 settimane di distanza. I risultati di efficacia sono stati supportati dai risultati della risposta immunitaria nei ragazzi di età compresa tra i 18 ei 55 anni, che hanno rilevato che le risposte anticorpali di legame erano più di due volte più alte nel gruppo che aveva ricevuto le due dosi di vaccino con un intervallo più lungo.

A seguito di una singola dose standard di vaccino, l’efficacia del vaccino da 22 giorni a 3 mesi dopo la vaccinazione è stata del 76% e la modellizzazione ha indicato che la protezione non si è ridotta nei 3 mesi. Inoltre, i livelli di anticorpi contro la proteina spike SARS-CoV-2 sono rimasti a livelli simili per 3 mesi.

Gli autori fanno notare che non è ancora chiaro per quanto tempo possa durare la protezione con una singola dose del vaccino, poiché i risultati dello studio sono limitati al massimo di tre mesi. Per questo motivo, è ancora consigliata una seconda dose di vaccino.

La relazione tra l’intervallo di vaccinazione e la sua efficacia

Da un’analisi ad interim ottenuta con un mese aggiuntivo di dati, risulta che ci sono stati 332 casi di malattia tra i partecipanti allo studio. Sulla base di questi nuovi eventi, lo studio rileva che due dosi del vaccino proteggono dalla malattia sintomatica nel 67% dei casi – con un’efficacia del vaccino del 63% per le persone a cui sono state somministrate due dosi standard e dell’81% per quelle a cui è stata somministrata una dose ridotta e poi una dose di vaccino standard.

Inoltre, da 22 giorni dopo che i partecipanti avevano ricevuto la loro prima dose, non c’erano ricoveri nel gruppo vaccino COVID-19, mentre nel gruppo di controllo sono stati 15.

L’autore dello studio, il dottor Merryn Voysey, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, ha affermato:

“Quest’ultima analisi conferma i nostri precedenti risultati della maggiore efficacia di un regime a dosaggio basso rispetto a quello standard. Tuttavia, con ulteriori dati disponibili, abbiamo scoperto che la maggiore efficacia e immunità può essere in parte determinata dall’intervallo più lungo tra le dosi che era comune in questo gruppo di studio. Ciò supporta ulteriormente la relazione che abbiamo trovato tra l’intervallo di vaccinazione e l’efficacia in coloro che ricevono due dosi standard, che è il regime preferito, perché ci sono più dati a supporto del suo uso e perché è più semplice somministrare un programma vaccinale quando lo stesso vaccino è somministrato per entrambe le dosi.”

Infine, osservando come il vaccino potrebbe aiutare a ridurre la trasmissione nella comunità, gli autori stimano che una singola dose possa portare a una riduzione del 64% e che due dosi possano ridurre i casi del 50%. Suggeriscono che questi dati possono indicare che l’uso del vaccino come delineato dalle autorità di regolamentazione potrebbe avere un impatto sostanziale sulla trasmissione, riducendo il numero di individui infetti nella popolazione.

L’impatto del vaccino sulla trasmissione del virus

Il professor Pollard ha affermato:

“È importante capire se i vaccini possono ridurre la trasmissione di COVID-19. Sebbene studi specifici sulla trasmissione non siano stati inclusi nella nostra analisi, i partecipanti alla sperimentazione nel Regno Unito sono stati testati per COVID-19 ogni settimana indipendentemente dai sintomi e abbiamo combinato questo dato con quello di altri casi positivi di COVID-19, per aiutare a determinare l’impatto complessivo del vaccino su rischio di infezione. Se il vaccino non avesse alcun impatto sulla trasmissione, ci aspetteremmo un numero di test positivi nel nostro studio uguale nei gruppi trattati con vaccini e nel gruppo di controllo. Questo perché il vaccino converte i casi gravi in ​​casi lievi e i casi lievi in ​​casi asintomatici. Tuttavia, abbiamo visto una riduzione del numero complessivo di casi positivi, il che indica che i vaccini possono ridurre le infezioni. Saranno necessarie valutazioni del mondo reale di come funziona il vaccino nella popolazione per confermare questo risultato preliminare”.

Gli autori notano alcune limitazioni al loro studio, incluso il fatto che attualmente c’è un follow-up limitato dopo la seconda dose del vaccino e sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la durata della protezione.

Gli studi non sono stati progettati per stabilire se l’efficacia del vaccino differiva per intervallo tra le dosi. Questi risultati nello studio sono quindi solo analisi esplorative post-hoc e hanno il potenziale per molteplici fonti di errore. Tuttavia, gli autori affermano che queste analisi forniscono una valutazione, sottoposta a revisione paritaria, dell’approccio attualmente utilizzato per distribuire il loro vaccino durante la pandemia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − undici =