La gravidanza al tempo del COVID: natimortalità aumentata del 28%

Durante la pandemia COVID-19 gli esiti della gravidanza sono peggiorati sia per le madri che per i bambini. A rilevarlo è una revisione condotta su 40 studi svolti in 17 paesi, pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Global Health.

I risultati variavano in base al paese, ma l’analisi dei dati aggregati ha mostrato che i tassi di mortalità materna e di natimortalità aumentavano di circa un terzo durante la pandemia, rispetto al periodo precedente la diffusione del virus.

Preservare l’assistenza sicura alla maternità in tutto il mondo

Anche i risultati sulla salute mentale sono peggiorati durante la pandemia. Dei 10 studi inclusi nell’analisi che ha riportato sulla salute mentale materna, sei hanno osservato un aumento della depressione postnatale, dell’ansia materna o di entrambi.

Nel complesso, i risultati sono stati peggiori nei paesi a basso e medio reddito, rispetto ai paesi ad alto reddito. Per questo I ricercatori affermano che è necessaria un’azione immediata per preservare l’assistenza sicura alla maternità in tutto il mondo, specialmente durante l’emergenza globale.

Sebbene lo studio non abbia analizzato l’impatto dell’infezione da COVID-19 durante la gravidanza, fornisce la prima valutazione globale dell’impatto collaterale della pandemia sugli esiti prenatali, alla nascita e postnatali.

La professoressa Asma Khalil, autrice principale dello studio, della St George’s University di Londra, ha dichiarato: “La pandemia COVID-19 ha avuto un profondo impatto sui sistemi sanitari di tutto il mondo. L’interruzione dei servizi, i blocchi a livello nazionale e la paura di frequentare le strutture sanitarie significano che gli effetti negativi del COVID-19 dovrebbero avere conseguenze sulla salute che si estendono oltre i decessi e le malattie causate dal virus stesso. È chiaro dal nostro studio e da altri che l’interruzione causata dalla pandemia ha portato alla morte evitabile di madri e bambini, specialmente nei paesi a basso e medio reddito. Esortiamo i responsabili politici e i leader sanitari a dare la priorità a un’assistenza alla maternità sicura, accessibile ed equa nell’ambito della risposta strategica alla pandemia e alle conseguenze, per ridurre gli esiti avversi della gravidanza in tutto il mondo”.

Tassi di natimortalità e di parto prematuro

Studi di singoli paesi hanno suggerito che la pandemia ha influenzato i tassi di natimortalità e di parto prematuro, potenzialmente come risultato di una riduzione del riferimento alle strutture sanitarie per paura dell’infezione, nonché di una ridotta fornitura di servizi di maternità.

In questa revisione i ricercatori hanno esaminato i dati di 40 studi pubblicati tra il 1° gennaio 2020 e l’8 gennaio 2021, che rappresentano 17 paesi, con i dati di oltre 6 milioni di gravidanze. Tutti gli studi hanno confrontato gli esiti della gravidanza durante e prima della pandemia, ma sono stati esclusi gli studi incentrati esclusivamente sulle donne infette da SARS-CoV-2.

Degli studi inclusi nella revisione, 12 hanno riferito sull’incidenza della natimortalità. L’analisi dei dati aggregati ha rilevato che le possibilità di partorire un feto morto erano aumentate di oltre un quarto rispetto ai casi pre-pandemici, con una probabilità di natimortalità aumentata del 28% (Tasso di natimortalità durante la pandemia: 1.099/168.295 gravidanze, tasso di natimortalità prima della pandemia: 1.325/198.993 gravidanze).

La revisione ha incluso due studi che hanno indagato l’impatto della pandemia sui tassi di mortalità materna, entrambi provenienti da paesi a medio reddito (uno dall’India e uno dal Messico). L’analisi congiunta dei dati di entrambi gli studi ha rilevato che il rischio mortalità della madre durante la gravidanza o il parto era aumentato di oltre un terzo rispetto a prima della pandemia (tasso di mortalità materna: durante la pandemia, 530/1.237.018 gravidanze; pre-pandemia: 698/2.224.859 gravidanze). Questo risultato è stato dominato dallo studio del Messico, che rappresentava la maggior parte delle gravidanze incluse nell’analisi.

Le probabilità di avere un parto prematuro

La revisione non ha rilevato alcuna differenza nei tassi complessivi di parto pretermine prima e durante la pandemia. Tuttavia, i dati raccolti da studi provenienti da paesi ad alto reddito suggeriscono che, in questo contesto, le probabilità di parto pretermine sono state ridotte di quasi il 10% durante la pandemia. Gli autori affermano che la riduzione sembra essere determinata da un calo dei parti prematuro spontaneo, piuttosto che da quelli che richiedono l’induzione precoce del travaglio o del taglio cesareo indicato dal punto di vista medico, che può essere aumentata. Dicono che questo significa che è più probabile che i cambiamenti nell’erogazione dell’assistenza sanitaria e nei comportamenti della popolazione siano fattori contribuenti, che possono portare lezioni preziose per comprendere i meccanismi alla base della nascita pretermine. Le probabilità di avere un parto prematuro nei paesi a reddito medio e basso sono rimaste invariate.

Dai tre studi che hanno riportato l’uso della chirurgia per il trattamento delle gravidanze ectopiche, l’analisi dei dati aggregati ha rivelato che i tassi di intervento chirurgico erano quasi sei volte superiori durante la pandemia rispetto a prima, dopo aver tenuto conto delle dimensioni degli studi inclusi.

Se scoperte precocemente, le gravidanze ectopiche possono in genere essere trattate con farmaci, il che significa che questo aumento degli interventi chirurgici può essere un’indicazione che più donne ritardano la ricerca di cure.

I ricercatori hanno scoperto che la variazione nei risultati riportati tra i diversi studi può essere parzialmente spiegata dalle inefficienze nei sistemi sanitari nei paesi studiati. Tuttavia, le differenze nelle risposte di mitigazione della pandemia tra i paesi non sembrano influenzare i risultati. I ricercatori affermano che questo suggerisce come l’aumento degli esiti avversi della gravidanza potrebbe essere guidato da pressioni sui sistemi sanitari causate dal COVID-19 stesso, piuttosto che da misure volte a limitare la diffusione del virus, come i blocchi.

Altre complicazioni della gravidanza durante la pandemia

La revisione non ha identificato alcun cambiamento nella segnalazione di altre complicazioni della gravidanza durante la pandemia, incluso il diabete gestazionale o disturbi della gravidanza legati all’ipertensione. Non sono stati osservati cambiamenti negli esiti del parto durante la pandemia, come il taglio cesareo o il parto vaginale spontaneo o il tasso di gravidanze che richiedono l’induzione del travaglio. Nonostante questi numeri rimangano stabili, i ricercatori affermano nondimeno che i loro risultati forniscono una chiara indicazione che donne e bambini hanno avuto esiti di salute peggiori durante la pandemia.

Sottolineano la necessità di dare la priorità all’assistenza alla maternità sicura, accessibile ed equa nell’ambito della risposta strategica a questa pandemia e alle future crisi sanitarie.

Il dott. Erkan Kalafat, coautore dello studio dell’Università di Koc, in Turchia, ha dichiarato: “Abbiamo un’opportunità senza precedenti di imparare dalle esperienze della pandemia COVID-19, per pianificare un futuro di assistenza alla maternità inclusiva ed equa in tutto il mondo. Una di queste opportunità di apprendimento sarà quella di indagare i meccanismi alla base dell’apparente riduzione delle nascite pretermine osservata in contesti ad alto reddito durante la pandemia, al fine di identificare nuovi interventi preventivi che potrebbero potenzialmente avvantaggiare tutte le donne in tutto il mondo”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − 5 =