L’attività fisica svolta al lavoro non aiuta a prevenire infarto e ictus, anzi

Le persone che svolgono attività lavorative che richiedono in impegno fisico a volte pensano che non sia necessario svolgere un’ulteriore attività motoria per il proprio benessere. In realtà, le cose non stanno proprio così.

Nei giorni scorsi è stato pubblicato sullo European Heart Journal il primo ampio studio che evidenzia come l’attività fisica svolta nel tempo libero e l’attività fisica svolta a scopo professionale hanno associazioni opposte e indipendenti con il rischio di malattie cardiovascolari e la longevità.

Attività fisica ricreativa e lavorativa

“Nella nostra analisi ci siamo adattati a molteplici fattori, indicando che le relazioni non erano spiegate dallo stile di vita, dalle condizioni di salute o dallo stato socioeconomico”, ha detto l’autore dello studio, il professor Andreas Holtermann, del Centro nazionale di ricerca per l’ambiente di lavoro, a Copenaghen, in Danimarca.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l’attività fisica sia durante la ricreazione che nel lavoro, per migliorare la salute. Studi precedenti hanno suggerito che l’attività lavorativa è correlata a un aumento del rischio di malattie cardiache e mortalità, ma erano troppo piccoli per spiegare appieno se ciò fosse dovuto al lavoro manuale, perché i dipendenti avevano stili di vita malsani o uno stato socioeconomico basso.

Questo nuovo studio ha incluso 104.046 donne e uomini di età compresa tra 20 e 100 anni, tratti dal Copenhagen General Population Study con misurazioni di base nel 2003-2014. I partecipanti hanno compilato questionari sull’attività durante il tempo libero e l’occupazione e ciascuna è stata classificata come: bassa, moderata, alta o molto alta.

Fino al 40% di riduzione del rischio di morte

Durante un follow-up mediano di 10 anni, ci sono stati 9.846 (9,5%) decessi per tutte le cause e 7.913 (7,6%) eventi avversi cardiovascolari maggiori, definiti come infarto miocardico fatale e non fatale, ictus fatale e non fatale e altra morte per causa coronarica.

Rispetto alla scarsa attività fisica nel tempo libero, un’attività moderata, elevata e molto elevata è stata associata rispettivamente con il 26%, 41% e 40% di riduzione del rischio di morte. Al contrario, rispetto a un’attività lavorativa fisica bassa, un’attività elevata e molto alta erano associate rispettivamente a un aumento del rischio di morte del 13% e del 27%.

Questi risultati sono stati ottenuti adeguando l’analisi dei dati in base a fattori confondenti quali età, sesso, stile di vita, salute e istruzione.

Allo stesso modo, dopo gli aggiustamenti, rispetto a una bassa attività per il tempo libero, livelli moderati, alti e molto alti di attività per il tempo libero sono stati associati rispettivamente a rischi ridotti del 14%, 23% e 15% di eventi avversi cardiovascolari maggiori. Rispetto alla bassa attività fisica lavorativa, livelli alti e molto alti sono stati associati rispettivamente al 15% e al 35% di aumento del rischio degli stessi eventi.

Una camminata veloce di 30 minuti gioverà alla tua salute

Il professor Holtermann ha dichiarato: “Molte persone con lavori manuali credono di essere in forma e in salute grazie alla loro attività fisica sul lavoro e quindi possono rilassarsi quando tornano a casa. Sfortunatamente, i nostri risultati suggeriscono che non è così. E anche se questi lavoratori potrebbero trarre vantaggio dall’attività fisica nel tempo libero, dopo aver camminato 10.000 passi mentre pulivano o essere rimasti sette ore in piedi in una linea di produzione, le persone tendono a sentirsi stanche, quindi questa è una barriera”.

Sebbene lo studio non abbia indagato le ragioni delle opposte associazioni per l’attività fisica nel tempo libero e professionale, il professor Holtermann ha affermato: “Una camminata veloce di 30 minuti gioverà alla tua salute aumentando la frequenza cardiaca e migliorando la tua forma cardiorespiratoria, mentre l’attività lavorativa spesso non aumenta sufficientemente la frequenza cardiaca per migliorare la forma fisica. Inoltre, il lavoro che comporta il sollevamento di pesi per diverse ore al giorno aumenta la pressione sanguigna per molte ore, il che è collegato al rischio di malattie cardiache, mentre brevi raffiche di attività fisica intensa durante il tempo libero solleva la pressione sanguigna solo per breve tempo”.

Cambiare gli schemi lavorativi

La visione del professor Holtermann è quella di riorganizzare l’attività professionale in modo che imiti gli aspetti benefici dell’esercizio nel tempo libero. Sono in fase di sperimentazione diversi approcci, come la rotazione tra le postazioni di lavoro su una linea di produzione in modo che i dipendenti eseguano una “sana miscela” di sedersi, stare in piedi e sollevarsi durante un turno. In un altro studio, gli addetti all’assistenza all’infanzia giocano insieme ai bambini, invece di osservare, in modo che entrambi aumentino la frequenza cardiaca e aumentino la forma fisica. “Stiamo cercando di variare i compiti, dare tempo di recupero o aumentare la frequenza cardiaca in modo che ci sia un beneficio per il fitness e la salute”, ha detto.

Il professor Holtermann ha concluso: “Le società hanno bisogno di adulti con salute e forma fisica sufficienti per lavorare più a lungo poiché l’età pensionabile è in aumento. Dobbiamo trovare modi per rendere il lavoro attivo positivo per la salute”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − due =