Terapie ormonali per cancro al seno e alla prostata: un nuovo Scientific Statement dell’AHA

Secondo un nuovo Scientific Statement dell’American Heart Association, le terapie ormonali utilizzate per trattare molti tumori del seno e della prostata fanno aumentare il rischio di infarto e ictus. Questi pazienti dovrebbero essere quindi controllati regolarmente e ricevere cure per ridurre il rischio e rilevare i problemi più precocemente possibile. Il documento è stato pubblicato sulla rivista Circulation: Genomic and Precision Medicine.

“Lo Statement fornisce dati sui rischi per ogni tipo di terapia ormonale, in modo che i medici possano usarla come guida, per aiutare a gestire i rischi cardiovascolari durante il trattamento del cancro”, ha detto Tochi M. Okwuosa, professore associato di medicina e cardiologia e direttore dei servizi di cardio-oncologia presso il Rush University Medical Center di Chicago.

I tumori ormono-dipendenti, come il cancro alla prostata e al seno, sono i tumori più comuni negli Stati Uniti e in tutto il mondo, se si escludono i tumori della pelle. Poiché i miglioramenti nel trattamento, compreso un maggiore uso di terapie ormonali, consentono alle persone con questi tumori di vivere più a lungo, le malattie cardiovascolari sono emerse come una delle principali cause di malattia e morte in questi pazienti.

I trattamenti ormonali per il cancro

I trattamenti ormonali per il cancro al seno comprendono i modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) e gli inibitori dell’aromatasi (AI). I SERM bloccano i recettori degli estrogeni nelle cellule tumorali, in modo che l’ormone non possa stimolare la crescita del tumore, mentre lascia che gli estrogeni agiscano normalmente in altri tessuti come ossa e tessuto epatico. Esempi di SERM sono tamoxifene e raloxifene. Gli inibitori dell’aromatasi riducono la quantità di estrogeni prodotti nelle donne in post-menopausa e includono exemestane, anastrozolo e letrozolo.

I trattamenti endocrini per il cancro alla prostata, chiamati terapia di deprivazione androgenica, includono alcuni farmaci che riducono la produzione di testosterone mediante la loro azione sul cervello e altri che bloccano i recettori del testosterone presenti nelle cellule della prostata e in alcune cellule tumorali della prostata.

Aumenta il rischio di infarto e ictus

Gli autori dello Statement hanno esaminato le prove esistenti raccolte da studi osservazionali e studi controllati randomizzati. Hanno scoperto che il tamoxifene aumenta il rischio di trombosi, mentre gli inibitori dell’aromatasi aumentano il rischio di infarto e ictus più del tamoxifene.

Per i malati di cancro al seno che richiedono più di un tipo di terapia ormonale, a causa della resistenza sviluppata al farmaco iniziale, c’è un miglioramento negli esiti del cancro. Tuttavia, il trattamento con più ormoni è associato a tassi più elevati di malattie cardiovascolari, come ipertensione, aritmie e trombosi.

La terapia di deprivazione androgenica (per ridurre il testosterone) per il cancro alla prostata aumenta i livelli di colesterolo e trigliceridi, fa crescere il grasso corporeo, fa diminuire la massa muscolare e compromette la capacità del corpo di elaborare il glucosio, portando a volte alla comparsa di un diabete.

Questi cambiamenti metabolici sono associati a un maggior rischio di infarti, ictus, insufficienza cardiaca e morte cardiovascolare.

Più a lungo le persone ricevono la terapia ormonale, maggiore è l’aumento del rischio di problemi cardiovascolari. Sono necessarie ulteriori ricerche per definire meglio i rischi associati alla durata del trattamento.

Rischio cardiovascolare e terapia ormonale

L’aumento del rischio di CVD associato alla terapia ormonale era più alto nelle persone che avevano già malattie cardiache o che avevano due o più fattori di rischio cardiovascolare, come ipertensione, obesità, colesterolo alto, fumo o una storia familiare di malattie cardiache o ictus, quando avevano iniziato il trattamento.

“È necessario un approccio alla cura del paziente basato sul team che includa oncologo, cardiologo, medico di base, dietologo, endocrinologo e altri professionisti sanitari, a seconda dei casi, per lavorare con ciascun paziente per gestire e ridurre l’aumento del rischio di malattie cardiache e ictus associato alla terapia ormonale nel trattamento del cancro al seno e alla prostata”, ha detto Okwuosa.

Non ci sono attualmente linee guida definitive per il monitoraggio e la gestione dei rischi cardiaci correlati alla terapia ormonale. Nello Statement si chiede ai medici di essere attenti al peggioramento dei problemi cardiaci in quelli con precedenti malattie cardiache o fattori di rischio e di riconoscere che anche quelli senza problemi cardiaci preesistenti sono a maggior rischio, a causa della loro esposizione a terapie ormonali.

“Per i pazienti che hanno due o più fattori di rischio cardiovascolare, è probabile che il rinvio a un cardiologo sarebbe appropriato prima di iniziare il trattamento ormonale. Per i pazienti che già ricevono terapie ormonali, una discussione con il team di oncologia può aiutare a determinare se è consigliato un rinvio cardiologico”, ha detto Okwuosa.

Disparità razziali ed etniche

Nel documento viene inoltre sottolineata la necessita di ulteriori ricerche in diverse aree. Viene auspicata una ulteriore valutazione delle disparità razziali ed etniche tra i pazienti con cancro al seno e alla prostata che hanno ricevuto terapia ormonale. Nei pochi studi esistenti, le differenze razziali ed etniche rilevate possono essere correlate a disuguaglianze di salute e altri fattori, e queste sono aree importanti da affrontare.

Gli autori chiedono inoltre che gli esiti e i rischi di malattie cardiache e ictus siano aggiunti come endpoint primari negli studi randomizzati di terapie ormonali e che vengano condotti nuove ricerche su specifici farmaci ormonali, poiché ognuno può avere rischi cardiaci diversi, anche se funzionano con meccanismi simili.

Questo Scientific Statement è stato preparato dal gruppo di scrittura di volontari per conto dell’American Heart Association’s Cardio-Oncology Subcommittee of the Council on Clinical Cardiology, del Council on Genomic and Precision Medicine, del Council on Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology e del Council on Cardiovascular Radiology and Intervention.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − quattro =