Nelle donne una pressione arteriosa leggermente elevata fa raddoppiare il rischio di infarto

Le donne con pressione arteriosa leggermente elevata nei loro primi 40 anni hanno un rischio doppio di soffrire sindromi coronariche acute nei loro 50 anni, rispetto alle loro controparti con pressione arteriosa normale. È questo il risultato di uno studio pubblicato in occasione della Giornata mondiale dell’ipertensione sullo European Journal of Preventive Cardiology.

“Anche se si sentono in buona salute, le donne dovrebbero farsi misurare la pressione arteriosa dal proprio medico di base, ripetutamente, a intervalli regolari con una frequenza dipendente dal livello”, ha detto l’autore dello studio, il dottor Ester Kringeland dell’Università di Bergen, in Norvegia. “Quelli con altri fattori di rischio per malattie cardiache, come obesità, diabete, malattie autoimmuni, complicazioni della gravidanza o genitori con pressione alta necessitano di un monitoraggio più intenso”.

La soglia per diagnosticare la pressione alta

Precedenti studi avevano suggerito che l’ipertensione è un fattore di rischio più forte per le malattie cardiache nelle donne rispetto agli uomini. Inoltre, le donne giovani e di mezza età hanno in media una pressione arteriosa inferiore rispetto agli uomini ma, nonostante ciò, la soglia per diagnosticare la pressione alta è la stessa in entrambi i sessi. Questo studio ha esaminato se la pressione arteriosa leggermente elevata (130-139 / 80-89 mmHg) fosse un fattore di rischio più forte per le sindromi coronariche acute nelle donne rispetto agli uomini.

La pressione arteriosa è stata misurata in 6.381 donne e 5.948 uomini che hanno partecipato all’Hordaland Health Study basato su comunità all’età di 41 anni. Gli infarti del miocardio sono stati registrati durante i 16 anni di follow-up.

Un rischio raddoppiato di sindromi coronariche acute

I ricercatori hanno scoperto che nelle donne, una pressione arteriosa leggermente elevata era associata a un rischio raddoppiato di sindromi coronariche acute durante la mezza età. Questa associazione non è stata trovata negli uomini dopo l’aggiustamento per altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Il dottor Kringeland ha detto: “Le nostre analisi hanno confermato che la pressione arteriosa leggermente elevata influisce sul rischio di sindromi coronariche acute in modo specifico per sesso. I risultati si aggiungono alle prove emergenti che indicano che l’ipertensione ha effetti particolarmente sfavorevoli sul cuore delle donne”.

Il dottor Kringeland ha osservato che i risultati riflettono probabilmente le differenze tra donne e uomini nel modo in cui le piccole arterie rispondono alla pressione arteriosa elevata, ma questo deve essere ulteriormente esplorato.

Ha aggiunto: “Le giovani donne hanno in media la pressione arteriosa più bassa rispetto agli uomini, ma si osserva un aumento più marcato nelle donne a partire dalla terza decade. Poiché la soglia per l’ipertensione è la stessa in entrambi i sessi, le giovani donne hanno infatti avuto un aumento relativamente maggiore rispetto agli uomini prima che gli fosse diagnosticata l’ipertensione”.

Aumenti della pressione arteriosa nelle donne non dovrebbero essere ignorati

Il dottor Kringeland ha concluso: “Le donne dovrebbero conoscere la loro pressione arteriosa. Per mantenere una pressione arteriosa normale, si consiglia di mantenere un peso corporeo normale, seguire una dieta sana e fare esercizio fisico regolarmente. Inoltre, si consiglia di evitare il fumo e il consumo eccessivo di alcol e sale”.

Il professor Bryan Williams, presidente dell’ESC delle linee guida europee sull’ipertensione e presidente di medicina presso l’University College di Londra, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Questa è una scoperta molto importante con un messaggio forte. È stato spesso ipotizzato, in base al modo in cui siamo incoraggiati a stimare il rischio di malattie cardiache, che il rischio cardiovascolare associato a pressione arteriosa elevata nella mezza età è maggiore per gli uomini rispetto alle donne. È importante sottolineare che questo studio suggerisce che non è così e che anche i lievi aumenti della pressione arteriosa nelle donne all’inizio e alla mezza età non dovrebbero essere ignorati”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − sedici =